giovedì 13 ottobre 2011

A Catania l'arte neo pop di Andrea Cantieri

Amami o lasciami. È l’imperativo che introduce alla personale di Andrea Cantieri, “Love me or Leave me”, curata dal critico d’arte Igor Zanti e in programma a Catania dal 15 ottobre al 30 novembre negli spazi di Side A, l’Associazione Culturale guidata dai collezionisti Giovanni Gibiino e Maurizio Cascone impegnati a promuovere l’arte moderna e contemporanea con particolare attenzione ai talenti emergenti “made in Sicily”. 

Andrea Cantieri, "Louis Armstrong" (olio su pallets in legno)
Come Andrea Cantieri: catanese, classe 75, artista dalla personalità poliedrica: musicista di formazione e pittore autodidatta Cantieri è fortemente ispirato dall’universo jazzistico e stempera il proprio vissuto in un unicum che sintetizza suono e immagine.

In mostra una nutrita serie di ritratti di grandi personaggi della musica: da Louis Armstrong a John Lennon, da Kurt Cobain a John Coltrane realizzati da Cantieri su vari supporti: veri e propri materiali di recupero come serrande in legno, pallets per il trasporto della merce, dischi in vinile, imposte dismesse di finestre che si alternano alle consuete tele. 

“Una scelta – spiega Igor Zanti, docente allo Ied di Milano e autore del progetto New Art New Pop dedicato alla promozione del movimento New Pop in Italia – che tradisce una sorta di tormento, di furia nervosa ed erotica, che difficilmente si trova in opere di questo genere. Sebbene di neopop si possa parlare e, forse, si debba parlare per una vicinanza di gusti (…), il discorso per Cantieri risulta essere più complesso, in quanto l’eredità pop e l’influsso neopop vengono da lui filtrati in modo inconsueto”.

Alla mostra “Love me or Leave me” di Andrea Cantieri, di recente selezionato per la finale del Premio Arte Mondadori (Milano),è dedicato un catalogo che ospita gli interventi critici di Igor Zanti e di Alessandra Redaelli, giornalista, critico e curatore dedita al lavoro di artisti emergenti: dalla nuova figurazione al pop surrealismo fino alle sperimentazioni più recenti.

L’ingresso alla mostra “Love me or Leave me” di Andrea Cantieri è gratuito.

Nessun commento:

Posta un commento