sabato 31 agosto 2013

L'arte di George Gonzàlez Perrin in mostra a Siracusa

Dal 13 settembre all'8 novembre la Galleria civica d'arte contemporanea Montevergini di Siracusa ospiterà una retrospettiva dell'artista argentino George Gonzàles Perrin. “Perrin a Siracusa”, questo il titolo della mostra-evento (vernissage venerdì 13 settembre, ore 18,30), è organizzata con il patrocinio dell'Assessorato alle Politiche culturali del Comune di Siracusa in collaborazione con la Galleria Quadrifoglio di Mario Cucè.

Il percorso espositivo comprende oltre novanta opere recenti, realizzate con tecniche miste su carta e su tela, in formati di varia grandezza. L'opera di Gonzàles Perrin, scrive Natalia March nel catalogo della mostra, descrive “il reale divenire di forme e figure”. Se in apparenza i suoi lavori tratteggiano “un universo carico di concetti che dialogano con il puro piacere di texture e materia”, “una somma di immagini casuali”, uno sguardo più attento rileva un livello profondo della struttura, grafie ordinate e metodiche, segni, simboli, archetipi e metafore, “ombre occulte” e “presenze quasi fortuite” dove il disegno diventa solo essenza.

Nascono così “corpi interi, corpi nudi, dettagli di corpi o corpi abbozzati, figure ritte in piedi, figure in contorsione che giocano su diverse scale di rappresentazione, occupando tutto il campo della composizione, mai solitarie, talvolta moltiplicate o quasi barocche”. Vi sono poi lavori speciali che nascono dall'uso della tecnologia e da “una strategia archeologica e globale”. 

"L'armonia inquieta" di Turi Simeti alle FAM di Agrigento

Dal bianco al rosso, dal blu al giallo, verde, grigio, arancio. Colori densi, carichi, intensamente evocativi dove forme ovali affiorano e, come partiture musicali, scandiscono pause e suoni. "Turi Simeti. L’armonia Inquieta", a cura di Sergio Troisi, dal 7 settembre al 3 novembre 2013, è il titolo della mostra che le Fabbriche Chiaramontane di Agrigento dedicano al maestro originario di Alcamo (Tp) che da decenni vive e lavora a Milano. 

Turi Simeti al lavoro nel suo studio
Con il supporto di opere di grande formato, Troisi traccerà per Simeti un ampio percorso espositivo negli spazi delle FAM attraversando tutta la carriera dell’artista e creando un ambiente unitario, dove le relazioni tra i colori e il ritmo delle forme ovali si costituiranno come una nuova esperienza dello spazio.

“Simeti – spiega Troisi - è tra i protagonisti di quella stagione dell’arte italiana e internazionale che, all’inizio degli anni Sessanta, nel processo di riduzione dell’opera ai suoi costrutti elementari, indicava un nuovo orizzonte estetico in linea con la contemporaneità. L’artista, che già negli anni Sessanta ha individuato nella forma ovale una propria inconfondibile cifra formale, adopera un ventaglio ridotto di colori sempre con la medesima saturazione di tono e stesi con una campitura omogenea. Colori dotati di una intensa carica evocativa che il ritmo di affioramento degli ovali potenzia e modula come armonie modali, nel solco di quella corrispondenza tra musica e pittura, tra colore e geometria, che Kandinskij per primo aveva teorizzato. La ricerca di Simeti si lega tanto a quella di artisti come Enrico Castellani e Agostino Bonalumi, quanto a quella del tedesco Gruppo Zero, che tendono a stabilire una relazione di scambio tra l’opera e i valori dello spazio e dell’ambiente”.

giovedì 29 agosto 2013

Geraci Siculo si prepara alla Giostra dei Ventimiglia

Nella cornice medievale del piccolo borgo madonita di Geraci Siculo, tra i più belli d’Italia, al via la sfida tra cavalieri per la venticinquesima edizione della Giostra dei Ventimiglia. Il prossimo sabato e domenica, 31 agosto e 1 settembre, appuntamento con la storia tra i fasti di quella che fu la capitale della nobile e potente famiglia d' origine ligure che tra il XIII e il XVII secolo, imparentata con la casa reale di Federico II, che fece di Geraci Siculo la capitale di un vasto stato. 

A far rivivere l'epopea medievale cavalieri, provenienti dalle comunità che facevano parte della contea, che si sfideranno nei giochi cavallereschi del XIII secolo. Giochi ispirati all'accademia militare della Stella, una vera e propria istituzione costituita esclusivamente per cento nobili cavalieri, che aveva tra i principali compiti quello di addestrare all'arte della guerra. 

Ad anticipare la kermesse, martedì scorso, la tragedia storica di Lorenzo Sciajno dal titolo: “Il conte di Geraci al castello dei Ventimiglia” a cura del gruppo teatrale “V’a cuntu e v’a cantu” di Geraci Siculo. Al Castello dei Ventimiglia, splendido scenario naturale, è stata rappresentata una tragedia storica in 5 atti sulla morte di Francesco I Ventimiglia, gran conte di Geraci, avvenuta il 3 febbraio 1338, sulla cui modalità da sempre si sono mescolate verità storica e leggenda popolare. In scena Francesco Valguarnera, assoldato da Matteo Palizzi, che assieme ai suoi soldati, metterà fine alla fuga silenziosa di Francesco Ventimiglia, tradito anche dai suoi sudditi geracesi.

Il Parco Cassarà diventerà il "bosco urbano" di Palermo

Diecimila piante di frassino ed altri alberi mediterranei saranno progressivamente messi a dimora entro la fine del 2015 all'interno del Parco Cassarà di Palermo dall'amministrazione comunale in collaborazione con l'Orto Botanico dell'Università, l'Azienda Foreste della Regione Siciliana e con il supporto finanziario della Fondazione Yves Rocher. 

Il Parco Cassarà a Palermo
È questo il risultato dell'accordo sottoscritto stamattina a Villa Niscemi dal sindaco Leoluca Orlando, dal direttore della Fondazione Yves Rocher Claude Fromageot, dal prof. Francesco Maria Raimondo direttore dell'Orto Botanico e dall'ing. Pietro Lo Monaco,  dirigente generale dell'Azienda Foreste. All'incontro ha partecipato anche l'assessore al Verde e alla vivibilità Giuseppe Barbera.

Nell'arco di tre anni, il Comune procederà quindi a piantare gli alberi su un'area pari a poco meno della metà del Parco (esteso in tutto per 26 ettari), che diventerà un "Bosco urbano"

mercoledì 28 agosto 2013

Monumento imbrattato a Palermo, arrivano le telecamere

Domani mattina gli operai del Coime, interverranno per l'ennesima volta per la pulizia del Palchetto della Musica di Palermo, ancora una volta imbrattato con scritte spray. "È la terza volta in poco meno di un anno - ricorda l'assessore al Centro Storico, Agata Bazzi - che si rende necessario questo intervento per colpa di pochi stupidi ignoranti. Sono per altro interventi costosi perché ovviamente è necessario intervenire con materiali e tecniche appropriati al monumento da tutelare". 

Il Palchetto della Musica a Palermo
Il monumento era stato sottoposto ad un lungo restauro terminato nell'estate del 2012, che costò circa 40.000 euro. "La novità - annuncia però l'assessore alla Cultura, Francesco Giambrone - è che l'area è ora sottoposta a videosorveglianza, fatto che speriamo scoraggi ulteriori atti vandalici, perché è ovvio che non saranno tollerati altri comportamenti che incivili, oltre che illeciti".  

Il sindaco Leoluca Orlando ha ricordato che "i soldi che ogni volta siamo costretti a spendere per questi interventi potrebbero essere utilizzati certamente per altre finalità culturali e per valorizzare al meglio altri monumenti della città. Purtroppo dobbiamo scontrarci con comportamenti incivili cui tutta la cittadinanza deve rispondere in modo compatto".

Addio allo storico "puparo" Nino Mancuso


La tradizione dell'opera dei pupi siciliani perde uno dei suoi "padri" più importanti. Lo storico "puparo" Nino Mancuso è morto nella propria abitazione di Trabia, nel Palermitano. Aveva 78 anni. Figlio d'arte, insieme al padre, il cavaliere Nino, aveva aperto diversi teatrini nel capoluogo siciliano. I funerali verranno celebrati domani alle 10.30 nella chiesa madre del paese.

giovedì 22 agosto 2013

Vasto incendio nell'area archeologica di Gela


La Colonna Dorica di Gela
Il Parco delle Rimembranze di Gela soffocato da fumo e fiamme per colpa di un incendio divampato questo pomeriggio. Colpito il cuore dell'area archeologica della città, a pochi passo dal Museo. Il fuoco ha lambito la Colonna Dorica, unica traccia ancora esistente dell'antico tempio dedicato ad Atena. Le fiamme si sono avvicinate anche ad alcune abitazioni, propagandosi fino alle rovine dell'Acropoli. Per domare del tutto l'incendio i vigili del fuoco hanno impiegato oltre cinque ore. Adesso si contano i danni.

Presentato a Taormina il Bellini Festival

Sarà il prestigioso gala di danza “Eleonora Abbagnato e le Stelle dell’Opéra di Parigi” ad aprire, il 22 agosto al Teatro Antico di Taormina, la quinta edizione del Festival Belliniano, rifondato a Catania nel 2009 da Enrico Castiglione insieme al Comune di Catania, alla Provincia di Catania e al Teatro Massimo Bellini.

Enrico Castiglione, Eleonora Abbagnato e Eligio Giardina
Il cartellone è stato presentato ieri all'Hotel Timeo di Taormina in una conferenza stampa alla quale sono intervenuti la stessa Abbagnato e il maestro Castiglione. Ha presenziato altresì il sindaco di Taormina, Eligio Giardina, che ha accolto da primo cittadino le star palermitana, chiamata nella Perla dello Jonio a dare l'avvio al Bellini Festival. Giardina si è altresì dichiarato vivamente soddisfatto per gli esiti trionfali della stagione lirica allestita da Enrico Castiglione in luglio e agosto, tanto da annunciare in anteprima i titoli della prossima estate: "Carmen", "Don Giovanni", "Il barbiere di Siviglia".

Buzzurro, Cafiso, Milici e Concato al Tindari Festival

Francesco Buzzurro, Francesco Cafiso e Giuseppe Milici sbarcano al Tindari Festival. Giovedì 22 agosto, alle 21,30, il teatro antico ospiterà i tre noti musicisti, tutti di origine siciliana, ma ormai molto apprezzati anche fuori dall'Isola.  

Francesco Buzzurro, Francesco Cafiso e Giuseppe Milici
In tre, per provenienza geografica, coprono tutta la Sicilia, e rappresentano i tre vertici della Sicilia: Buzzurro è di Taormina, Cafiso di Vittoria, mentre Milici è di Palermo. I "magnifici tre" arrivano a Tindari, per un concerto che metterà in risalto le diversità stilistiche dei tre musicisti, il sax di Francesco Cafiso, uno tra i talenti più precoci del jazz mondiale, le talentuose chitarre di Francesco Buzzurro, ed i virtuosismi all’armonica di Giuseppe Milici.

E se non bastasse, sul palcoscenico con loro, ci sarà Fabio Concato che chiuderà la serata reinterpretando i suoi grandi successi in una chiave unica con sapori jazz e colori mediterranei come le sue origini.

Francesco De Gregori alla "Notte Bianca" di Partanna

Degustazioni, visite guidate nei luoghi d’arte e un grande, attesissimo, concerto: l’unica tappa in Sicilia del nuovo tour di Francesco De Gregori. Torna a Partanna, in provincia di Trapani, la "Notte Bianca", l’appuntamento con la buona tavola, la cultura e la musica d’autore in programma sabato 24 agosto. La kermesse è inserita nell’ambito di "ArteMusiCultura 2013", la rassegna organizzata dal Comune in collaborazione, quest’anno, con la Pro Loco, che fino all’8 settembre prevede un calendario ricchissimo di eventi, tra cui, la ‘VII Rassegna culturale Castello Grifeo’, lo ‘Chateau Jazz’, le ‘Note di Prosa’ e il ‘XVI Premio nazionale di poesia Citta di Partanna’.

Francesco De Gregori
A partire dalle 21 di sabato prossimo, il centralissimo Corso Vittorio Emanuele di Partanna si trasformerà in una lunga isola pedonale per un viaggio tra i prodotti tipici. Vino, olio e olive, formaggi tipici, miele e tante altre prelibatezze offerte dalle aziende locali e da quelle dell’Unione dei Comuni per riscoprire il territorio attraverso il gusto e l’olfatto. Buon cibo, ma non solo. Tra una degustazione e l’altra, infatti, sarà possibile assistere a momenti di intrattenimento musicale o visitare, gratuitamente ed accompagnati da guide, i luoghi d'arte della città: il Castello Grifeo, la Chiesa Madre e il Museo della Preistoria. 

mercoledì 21 agosto 2013

Magia e ritmi d'oriente: "Percorsi nomadi" a Villa Piccolo

Per la rassegna "Le porte del Sacro - Artisti per Villa Piccolo", promossa dalla Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella e diretta da Alberto Samonà, sono di scena le suggestioni della spiritualità nomade e dell'Oriente. 

L'attrice Manuela Fiscarelli
Venerdì 23 agosto, alle 21, nel giardino di Villa Piccolo (Strada Statale 113, km.109, Capo d’Orlando) è in programma "La natura immobile del movimento - Percorsi nomadi": mimo-statua-musico, con Giovanni D’Ancicco e Manuela Fiscarelli. Uno spettacolo di grande suggestione che farà entrare il pubblico in una dimensione magica e senza tempo. Ingresso libero.

Protagonista un mimo-statua, un'antica principessa zingara in cerca delle sue origini, che simbolicamente incarna in sé il viaggio degli usi, dei costumi, delle cerimonie, delle danze e delle musiche, che dall’Oriente è approdato in occidente, attraversando la terra e indicando la magia dell’evoluzione-trasformazione dei popoli.

Alcamo nel progetto "Valore Paese-Dimore"

Anche Alcamo è stata inserita nel progetto "Valore Paese – Dimore", operazione che intende valorizzare beni di demanio storico-artistico creando un network di strutture turistico-ricettive e culturali; la notizia è stata resa nota, nei giorni scorsi, dalla Commissione per la selezione delle iniziative di maggior interesse. Nella cabina di regia del progetto ci sono i ministeri dei Beni Culturali e del Turismo, dello Sviluppo economico e del Turismo mentre i partner promotori sono l’agenzia del demanio, Invitalia e ANCI/Fondazione Patrimonio Comune.

Il castello di Calatubo
L’assessore alla Cultura della giunta Bonventre, Elisa Palmeri, che ha seguito l’iter per l’inserimento della città all’interno dell’importante progetto spiega: "Alcamo entra a pieno titolo nell’operazione 'Valore Paese Dimore' perché il Castello di Calatubo, maniero medievale, acquistato dal Comune nel 2007 dai nobili eredi Papè, ha tutte le caratteristiche storico artistico culturali per far parte di un circuito italiano di immobili da riconvertire a finalità turistico-ricettive". 

Il progetto complessivo, infatti, intende potenziare l’offerta culturale e turistica dei territori, aumentando la competitività del sistema-paese attraverso il recupero di beni pubblici.

Petralia Sottana va a ritmo di jazz manouche

Tutto pronto a Petralia Sottana, nel Palermitano, per la seconda edizione del Raduno Mediterraneo del Jazz Manouche. Dal 23 al 25 agosto il centro storico del paese madonita si animerà con la presenza di di decine musicisti provenienti da varie parti d’Italia e dall’estero. Sabato e domenica sera due concerti in piazza con il chitarrista francese Angelo Debarre, considerato uno dei più grandi interpreti del genere al mondo. 

La rassegna, evento unico nel Mezzogiorno, sarà arricchita da jam session mattutine e pomeridiane lungo tutto il centro storico con eventi e concerti-reunion serali dedicati a questo genere musicale che trova ampia diffusione soprattutto in Francia ed Europa centrale e, negli ultimi anni, anche in Italia. Tra gli artisti presenti oltre Debarre, anche i francesi Thomas Kretschmann e Rangy Debarre,  l’olandese Tolga During, Iacopo Martini, Antonio Li Cusati, Augusto Creni e i siciliani Carlo Butera e i 4Django. Direzione artistica affidata a Alessandro Valenza e Carlo Butera.

martedì 20 agosto 2013

"Approdi culturali a Torre Salsa" con artisti e scrittori

Inaugurato il 18 agosto dall’assessore regionale al Territorio e Ambiente Mariella Lo Bello l'evento “Approdi culturali a Torre Salsa”, nella riserva naturale orientata tra Siculiana e Montallegro, gestita dal Wwf. La manifestazione culturale promossa dal forum “Siculiana Cultura” prevede tre giorni di incontri con artisti, attori, registi, scrittori, editori, giornalisti per affrontare il tema dell’immigrazione in un luogo dove sempre più frequenti sono gli approdi dei migranti provenienti all’Africa.

L'assessore Lo Bello con gli operatori del Wwf
“Lampedusa non può essere lasciata sola - ha detto l'assessore Lo Bello - . Servono nuove politiche europee dell’immigrazione che guardino alla diversità culturale come una risorsa e all’accoglienza come una porta che si apre all’Africa e che come tale va vissuta. Al di là e al di qua di questa porta bisogna pensare a politiche che sappiano coniugare accoglienza, solidarietà e integrazione. Clandestino è una parola terribile, è inconcepibile pensare che nel mondo possano viaggiare merci e denaro senza nessun problema mentre per gli uomini c’ è il trattato di Schengen. Sono queste le politiche che l’Europa deve cambiare".

A Taormina torna Taobuk, il Festival del Libro

Dal 21 al 27 settembre prossimi ritorna Taobuk, il Festival internazionale del Libro di Taormina, giunto quest'anno alla terza edizione. Ideato e diretto da Antonella Ferrara e Franco di Mare, presidente del comitato scientifico del Festival, Taobuk, promosso e sostenuto dal Comune di Taormina, nell'edizione del 2012 ha superato le 10 mila presenze. 

Il festival, tra gli altri, ha il patrocinio della Regione siciliana. Anche il programma di quest'anno è ricco di nomi prestigiosi della letteratura e del giornalismo in un perfetto mix di incontri letterari, proiezioni cinematografiche, mostre e momenti musicali di qualità. La serata inaugurale si svolgerà mercoledì 21 settembre nella splendida cornice del Teatro Antico di Taormina con due ospiti di rilievo, il premio Strega 2013 Walter Siti ed il giornalista Beppe Severgnini. 

Protagonisti della serata di chiusura del festival, venerdì 27 settembre, saranno Walter Veltroni e Xue Xinran, scrittrice cinese da anni impegnata nella lotta per i diritti delle donne e dei bambini cinesi adottati in Occidente. Altra grande novità di questa edizione è la proiezione nella magnifica terrazza dell'Archivio Storico, a conclusione di ogni serata del Festival, di pellicole cult tratte dall'opera del grande scrittore Leonardo Sciascia. Questa edizione del Festival vedrà anche lo svolgimento di due mostre d'arte.

mercoledì 14 agosto 2013

A Palermo musei aperti a Ferragosto

A Ferragosto i musei di Palermo non vanno in vacanza. La Galleria d’Arte Moderna e il Museo Pitrè saranno regolarmente aperti con gli orari consueti: 9,30 – 18,30. Inoltre questa sera, 14 agosto, la Galleria d’Arte Moderna dalle 19 alle 24 effettua un’apertura serale gratuita con l’iniziativa Serata al Museo. Alle 21 la direttrice Antonella Purpura guiderà il pubblico in una visita dedicata al dipinto di Antonio Perdichizzi "La Traviata" esposto nelle sale della mostra temporanea "Il Museo tra storia e costume. Opere dai depositi". 

La Galleria d'Arte Moderna di Palermo
Seguirà alle 21,30 "Aria’s concert" per pianoforte, baritono, soprano e mezzo soprano. "Già nei giorni scorsi - affermano il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore Francesco Giambrone - l'iniziativa dell'apertura serale dei musei ha registrato un grande successo, segno di quanto importante sia garantire la massima fruibilità degli spazi culturali cittadini. I cittadini di Palermo stanno riscoprendo il gusto ed il piacere di vivere la città, con una "movida culturale" di alta qualità che valorizza i tanti spazi ritrovati e rivitalizzati della città".Tutti i dettagli sulla programmazione sono disponibili su www.palermocultura.it.

Il Premio Tomasi di Lampedusa a Mario Vargas Llosa


"Sono unito a Tomasi di Lampedusa dall'ammirazione per la sua opera, per i suoi romanzi. L'ho letto la prima circa 25 anni fa. E sono rimasto meravigliato per la ricchezza, la bellezza e la sottigliezza della storia. Ho scritto su di lui un saggio. Dopo ho riletto l opera arricchendo la mia ammirazione per il romanzo, che ritengo essere uno dei capolavori artistici del XX secolo". Queste le parole di Mario Vargas LLosa, Nobel per la letteratura nel 2010 e vincitore del premio letterario "Giuseppe Tomasi di Lampedusa", che gli è stato consegnato ieri sera a Santa Margherita Belice (Agrigento). 

Mario Vargas Llosa (Foto: Margherita Ingoglia)
"Sono convinto - ha aggiunto lo scrittore - che anche grazie alla sua complessità, alle vicissitudini e alla sua storia, una terra produca anche grandi opere artistiche. Probabilmente se tutto in Sicilia andasse bene sarebbe una terra culturalmente noiosa".

Secondo il peruviano Vargas Llosa, "Fidel Castro, negli anni '50 e '60, era la risposta più creativa e più giusta nei Paesi in cui c'era la dittatura militare e una classe politica corrotta, dove la politica Usa era prevalentemente neo colonialista in America Latina. Quello di Castro sembrava un movimento di liberazione. Avevamo l'illusione di avere una apertura alla libertà attraverso il socialismo. Era ingenuo crederlo ma molta gente nel mondo, ed io per primo, avevamo creduto di vedere in Castro l'uomo che ci poteva far raggiungere ciò in cui credevamo. Alla fine - ha proseguito - Fidel Castro adottò il socialismo autoritario, ispirato al modello sovietico. E il risultato è stato catastrofico come quello dell'Ex Unione Sovietica". 

martedì 13 agosto 2013

Palermo, grandi lavori a Villa Trabia

Sono in corso in questi giorni a Palermo dei massicci interventi di riqualificazione dell'intera area di Villa Trabia. Sotto la guida di Manlio Speciale, curatore dell'Orto Botanico dell'Università e consulente a titolo gratuito dell'amministrazione comunale, i giardinieri comunali, gli agronomi e gli operai della Gesip, supportati nei lavori di pulizia da quelli della RAP, hanno avviato un intervento che copre tutta l'area dello splendido parco-giardino. 

Operaio al lavoro a Villa Trabia
Innanzitutto è stato necessario procedere ad una profonda pulizia, soprattutto dell'area delle "Pirrere" ma in generale di tutto il giardino. "In alcune zone - afferma l'assessore Giuseppe Barbera - sono state rimosse centinaia di siringhe ed ogni tipo di materiale. Il supporto ricevuto da RAP è stato importantissimo, così come la disponibilità degli operai della Gesip".  

"In alcune zone - spiega Speciale - stiamo procedendo ad un vero e proprio disboscamento da alcune specie infestanti che avevano aggredito la vegetazione storica; in altre stiamo già eseguendo lavori di manutenzione del verde esistente, secondo criteri botanici ed estetici rispettosi delle essenze e della storia del posto. Per esempio, nelle due aree del manderineto storico (una a ridosso di via salinas e una a ridosso di via Dalla Chiesa) è stata già effettuata una prima fase per la riqualificazione, con l’applicazione della conduzione tradizionale: la sistemazione del terreno “a vattali” di tradizione arabo-normanna". 

lunedì 12 agosto 2013

Termini Imerese, danneggiato muro di età romana

Danneggiato un tratto di muro di età romana in opus reticolatum risalente al I secolo dopo Cristo a Termini Imerese. A denunciarlo è SiciliAntica con una lettera inviata alla soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Palermo. Il muro, in opera reticolata, si trova sulla via Paolo Balsamo, meglio nota come “Serpentina”, nelle pendici sud-orientali del promontorio della città, sottostante alla terrazza del Belvedere.

Il tratto di opus reticolatum danneggiato
La scoperta di avanzi di costruzioni romane si ebbe alla fine dell’Ottocento, durante i movimenti di terra per costruire i vialetti di una passeggiata. Analoghi rinvenimenti si ebbero nel 1948-49, durante lo scavo di un serbatoio. Il breve tratto di opus reticolatum è stato in questi anni poco protetto, lasciato spesso nell’abbandono più totale, e in questi giorni, molto probabilmente durante l’attività di diserbo dell’area, è stato ulteriormente danneggiato.

SiciliAntica ha chiesto alla Soprintendenza ai Beni Culturali un immediato intervento al fine di un possibile recupero del manufatto e di una attenta salvaguardia dell’originale opera di Età romana.

domenica 11 agosto 2013

Palermo chiama Ars per valorizzare il centro storico

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e l'assessore alla Cultura, Francesco Giambrone, hanno scritto ieri una lettera al presidente dell'Assemblea Regionale, Giovanni Ardizzone, che venerdì, durante la tradizionale "Cerimonia del ventaglio", ha affermato di voler recuperare alla fruizione pubblica lo spiazzale antistante il Palazzo dei Normanni

Palazzo dei Normanni a Palermo
Nel loro testo, ricordando i provvedimenti già adottati e quelli in corso di adozione "per la vivibilità complessiva di diverse aree collegate al "Circuito arabo-normanno" candidato a rientrare nella liste dei monumenti patrimonio dell'Unesco, Orlando e Giambrone promuovono la costituzione di un tavolo tecnico che coinvolga, oltre al Comune, tutte le istituzioni ricadenti nell'area di corso Vittorio Emanuele, "al fine di definire tempi e modalità di un intervento che riteniamo vada avviato in tempi brevi per il rilancio di un'area cardine dello sviluppo anche in chiave turistica della nostra città". 

sabato 10 agosto 2013

Le sculture di Xu Hongfei a Zafferana Etnea

Ieri, presso la sala consiliare del municipio del Comune di Zafferana Etnea, è stata presentata la mostra personale del maestro Xu Hongfei, curata dallo storico dell’arte Laura Cavallaro. In esposizione 11 grandi sculture che per 15 giorni, dal 31 agosto al 15 settembre, saranno fruibili in piazza Umberto I. Sabato 31 agosto alle 19.30 si terrà l’inaugurazione della mostra inserita nel programma di eventi estivi della Kermesse “Etna in scena” del Comune di Zafferana Etnea.

Una delle sculture di Xu Hongfei
Arte ed economia saranno protagoniste di un fitto programma di incontri con imprenditori locali, artisti e studenti dell’accademia di Belle Arti di Catania per promuovere sinergie di sviluppo commerciale e culturale tra la regione del Guangdong Cinese e il versante Est dell’Etna, da Oriente ad Oriente un progetto di business e marketing turistico- culturale.

La delegazione che sarà presente a Zafferana Etnea è composta dall’assessore alla cultura della città di Guangzhou, dall’intero staff del maestro Xu Hongfei, da un gruppo di prestigiosi rappresentanti della stampa cinese (12 testate giornalistiche, 9 riviste, 6 siti internet) e da imprenditori cinesi tra cui un importatore di vini.

venerdì 9 agosto 2013

Cibo di strada, nasce il marchio "Panormus-Street Food"

A Palermo tutti pazzi per il cibo di strada. L'assessore alle Attività Produttive Marco Di Marco ha firmato un atto di indirizzo per l'ideazione e la registrazione del marchio "Panormus - Street Food" da utilizzare per la marchiatura dei prodotti STG (Specialità Tradizionale Garantita), marchio di origine introdotto dalla Unione europea volto a tutelare produzioni che siano caratterizzate da composizioni o metodi di produzione tradizionali. 
Il classico "pane e panelle" palermitano
Si tratta del secondo step dopo la registrazione del "City Brand Panormvs" per la tutela dei prodotti e dell'immagine della città. Tra i prodotti tutelati dal marchio STG, c'è l'"arancina", la "cassata", il "panino con la milza", il "pane e panelle", lo "sfincione" e il "cannolo". 

L'iniziativa si inserisce in quelle che l'amministrazione sta mettendo in campo per la tutela e la valorizzazione delle specialità palermitane, che rientrano appieno e si collocano fra la tradizione culinaria e quella artigianale. L'amministrazione intende inoltre farsi promotrice, anche nell'ambito della candidatura a Capitale Europea della Cultura, di un festival internazionale del cibo di strada, che metta in relazione i legami che anche in questo settore legano Palermo tanto all'Europa quanto al Mediterraneo.

giovedì 8 agosto 2013

Il "Sun Tour" di Mario Biondi a Taormina, Palermo e Gela


Mario Biondi
Le Mura Timoleontee di Gela, una delle più importanti testimonianze dell'architettura militare antica, ospiteranno il 30 agosto "Sun, il Tour" di Mario Biondi. La location farà da sfondo alla voce di Mario Biondi che porterà a Gela un'atmosfera da club jazz in cui si alterneranno sofisticate melodie soul, blues e funk. "Sun, il Tour", prodotto da F&P Group, è organizzato a Gela da Giuseppe Rapisarda Management con la compartecipazione del Comune di Gela. In Sicilia sono previste altre due date: il 28 agosto a Taormina ed il 29 agosto a Palermo. Ma la data di Gela rappresenta una vera novità nel panorama live siciliano. Nell'appuntamento delle Mura Timoleontee si respirerà la storia.

A Castelbuono "Ypsigrock", il festival indie dell'estate

Tutto pronto per la nuova edizione di Ypsigrock che si svolgerà a Castelbuono dall’8 all’11 agosto prossimo. Di anno in anno, l’evento organizzato dall’Associazione culturale Glenn Gould, guidata da Mario Antonio Prestianni, cresce sotto ogni punto di vista e la qualità artistica della line up della sua diciassettesima edizione dimostra che Ypsigrock è a tutti gli effetti il festival indie dell'estate italiana: un evento imperdibile per gli appassionati del genere e si conferma essere, ancora una volta, il guizzo italiano tra il vasto panorama dei festival internazionali. 

Piazza Castello a Castelbuono
L’edizione 2013 segna una tappa fondamentale nella storia di Ypsigrock: nasce l’Ypsi&Love Stage: il nuovo palco è posto in un altro luogo suggestivo di Castelbuono, il Chiostro di San Francesco, nel segno della coerenza estetica tipica di ogni spazio di Ypsigrock. L’Ypsi & Love Stage si integra al mainstage, posto in quell'anfiteatro naturale che è Piazza Castello, e ospiterà alcuni concerti previsti sabato 10 Agosto e domenica 11 Agosto. La novità è il frutto di una scelta coerente con il percorso di crescita che intende fare di Ypsigrock, in maniera originale e ricercata, un modello nel panorama dei festival internazionali. 

Ron apre la sesta edizione di "Scruscio" a Cinisi

Sembrava proprio che quest’anno fosse naufragata, ed invece ritorna "Scruscio", la manifestazione ideata e condotta da Massimo Minutella, che dedica attenzione agli artisti che mettono in risalto la Sicilia attraverso l’uso del dialetto. La sede consolidata è l’atrio di Palazzo dei Benedettini a Cinisi, che ospiterà le tre serate di dibattito-talkshow-musica secondo la formula Minutella – 9, 10 e 11 agosto -, per poi chiudere la manifestazione con un grande concerto al 3Divino, lunedì 12 agosto, della band Ci piace Vintage.

Il cantautore Ron
“E’ stato un miracolo esserci anche quest’anno – dice Massimo Minutella -. Ma con l’aiuto di chi ci ha sempre creduto e per non deludere tutti coloro che aspettavano “Scruscio”, siamo di nuovo qui”.

Si inizia domani (venerdì 9 agosto alle 21) a Palazzo dei Benedettini, a Cinisi: il Premio Scruscio sarà consegnato a don Pietro D’Aleo, arciprete di Cinisi molto amato dai suoi parrocchiani, che quest’anno festeggia 50 anni di attività sacerdotale. Quindi Paride Benassai e Marcello Mandreucci presenteranno estratti dal loro spettacolo “Sale Pepe e un po’ di aceto per un cunto culinario. Esercizi teatrali per un pranzo ben servito”, che vede in scena l’attore con il musicista come aiuto-cuoco. Dinanzi a fornelli, pentole, casseruole, ingredienti odori, erbe e spezie, l’improbabile cuoco sciorina il suo “cunto culinario” tutto da ridere.

mercoledì 7 agosto 2013

Nasce l'Orchestra del Taormina Festival

Una formazione di strumentisti di chiara fama, concertisti e solisti affermati a livello nazionale e internazionale, che ogni anno si ritroveranno a Taormina per la stagione lirica. È l’orchestra voluta dal maestro Enrico Castiglione, regista, scenografo e direttore artistico, per le rappresentazioni di Cavalleria rusticana (8 e 12 agosto) e quelle di Pagliacci (10 e 14 agosto), rispettivamente abbinate a Carmina Burana di Orff e alle sinfonie di Verdi

Enrico Castiglione
A tenere a battesimo della nuova orchestra, promossa dalla Fondazione Taormina Festival e dall’Associazione Musicale Il Melodramma, salirà sul podio il rinomato Luiz Fernando Malheiro, uno dei più importanti direttori d’orchestra sudamericani della sua generazione, attuale direttore del Teatro dell’Opera di Manaus.

La selezione dell’Orchestra Sinfonica del Taormina Festival è stata operata dallo stesso Enrico Castiglione insieme ai maestriMassimo Barrale, violino di spalla dell’Orchestra della Sinfonica Siciliana di Palermo, e Fabio Raciti, violinista e direttore d’orchestra, titolare della cattedra di violino presso l’Istituto statale ad indirizzo musicale “G. Verga” di Acicastello. Si tratta di una formazione gestita a contratto diretto, che sarà impegnata anche nella prossima Stagione Lirica del 2014 a partire dall’inaugurale Carmen.

martedì 6 agosto 2013

Palermo, "Dieci notti al museo" tra arte e spettacoli

Si è svolta questa mattina, presso la Sala delle Lapidi di Palazzo delle Aquile, a Palermo, la conferenza stampa di presentazione della manifestazione culturale “Dieci notti al museo”, organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune: dieci appuntamenti gratuiti, tra concerti, incontri e spettacoli, che con speciali aperture notturne dei musei comunali, dal 10 agosto e fino al 12 settembre, animeranno la vita della città. 

L'atrio della Galleria d'Arte Moderna
All’incontro con la stampa erano presenti, tra gli altri, il sindaco Leoluca Orlando, l’assessore alla Cultura Francesco Giambrone, la dirigente e la capo area del settore Cultura, Antonella Purpura e Eliana Calandra e il dirigente Coime Francesco Teriaca. “Abbiamo fatto di necessità virtù – ha dichiarato il dindaco Leoluca Orlando – mettendo insieme i nostri spazi museali comunali, due dei quali riaperti quest’anno e dimostrando che è possibile sostenere iniziative low cost che siano allo stesso tempo di alta qualità. Il modo migliore per coniugare emergenza a progetto. Questo, infatti, vuole essere il senso dell’iniziativa 'Dieci notti al museo': dimostrare che l’amministrazione pensi sia più importante avere un progetto culturale e portarlo avanti anche con le poche risorse che abbiamo, piuttosto che avere risorse e non avere un progetto culturale. Noi pensiamo che la cultura debba essere parte della vita quotidiana. È per questa ragione – ha concluso il sindaco - che abbiamo bandito la parola eventi: non la troverete in nessun atto del Comune, perché evoca qualcosa che dura un giorno e basta”. 

Gangi e Geraci Siculo, nasce rete integrata dei musei

Sarà rafforzata la rete museale dell’Unione dei Comuni dei Ventimiglia, di Gangi e Geraci Siculo, sulle Madonie, che entrerà a far parte di un circuito e itinerario di proposizione regionale e nazionale. Grazie ai fondi messi a disposizione dal PO-Fesr, nel polo museale di Gangi, con le sue quattro sezioni: archeologica, etno-antropologica, armi antiche e pinacoteca Gianbecchina e in quello di Geraci Siculo, il “Museo delle Madonie” polo comunale “Cultura d’eccellenza” MUSeBArch con reperti della civiltà agro-pastorale e artigianale madonita e delle feste popolari e religiose, saranno realizzati totem multimediali, audio guide, stampe QR code, cataloghi e principalmente la "destination card"

Palazzo Sgadari a Gangi
Il progetto, che potrebbe partire sin dai prossimi mesi, mira a migliorare l’offerta integrata della fruizione museale rendendola più competitiva con una qualificazione dell’offerta turistica e una sua distrettualizzazione nella "Città a Rete Madonie-Termini". In particolare il progetto è teso alla valorizzazione dei musei con l’introduzione della "destination card", una tessera che propone un’offerta integrata di servizi e attrazioni inserita nella rete museale della “Città a Rete” e per migliorare la fruizione sarà introdotto il QR-Code sui beni culturali per una maggiore valorizzazione del patrimonio e delle collezioni museografiche.

Tindari Festival, una serata per Massimo Mollica

Il Tindari Festival rende omaggio a Massimo Mollica, l’attore messinese recentemente scomparso. E lo fa con una serata evento, il 7 agosto a Patti, che vedrà la partecipazione di amici, attori e familiari dell’artista scomparso il primo maggio scorso. 

L'attore Massimo Mollica
Alla serata, che si svolgerà nel convento San Francesco, prenderanno parte oltre al sindaco Mauro Aquino, al direttore artistico Anna Ricciardi, le figlie Silvia e Rossana Mollica, Nino Milone, amministratore della compagnia stabile di Massimo Mollica, gli attori Adele Spadaro, Margherita Smedile, Graziella Mazzarà, Annibale Pavone, Mimmo Minutoli, Ilenia Davenia, Giovanni Moschella, Tuccio Musumeci, il prof. Filippo Amoroso, Sara Bellomia, Giovanna Battaglia, lo scenografo Marco Dentici, il regista Walter Manfrè, la regista Donatella Venuti e il musicista Luca Pincini. Presenterà la serata Mino Licordari.

"Romance frames", il cinema "danza" a Villa Pantelleria

Proseguono gli appuntamenti di teatro-danza Parco Villa Pantelleria Festival di Palermo. Mercoledì 7 agosto, alle 21,30, andrà in scena "Romance frames", della compagnia Motomimetico, una partitura di danza, musica, parola e gesto recitato, un viaggio all’interno del cinema, delle sue suggestioni rivissute in una nuova costruzione sensibile. Coreografia e regia di Emma Scialfa, su elaborazioni testi cinematografici montati da Claudio Fausti. In scena i danzatori: Alessandro Caruso, Simona Fichera, Giuliana Cocuzza.

Un momento dello spettacolo
"In 'Romance frames' - si legge nella nota dello spettacolo - l’immagine delle pellicole è sì svanita ma trattenuta nell’immaginazione che dà vita al percorso scenico, come a partire da un suo profondo eco radiofonico od orchestrale. È il cinema ricordato una notte insonne, tra sogno e veglia, utilizzando i passaggi sonori, i frammenti di dialogo, i rumori, le musiche, perché si restituisca in movimento danzato ed interpretazione la loro situazione emotiva, senza riferimenti diretti: il montaggio e la decostruzione del senso e della sensibilità, nascono dall’emozione educata dal cinema, e facendone materia d’esperienza indirizzano una coreografia del discorso amoroso".
 

Le "api scatenate" di Emilio Isgrò in mostra a Lipari

Si inaugura giovedì 8 agosto alle 21.30, presso il Padiglione Epigrafico del Museo Archeologico Regionale Eoliano “Luigi Bernabò Brea”, a Lipari, l'installazione multimediale “Epigrafi cancellate da api scatenate” di Emilio Isgrò. L’opera sarà fruibile al grande pubblico, sino al 6 ottobre 2015. Le antiche testimonianze di scrittura provenienti dalla necropoli greca dell’isola, incontrano le tecnologie digitali dell’arte contemporanea applicate in ambito museografico, in una sintesi di contaminazione tra segni e stili diversi.

Emilio Isgrò - "Costituzione delle api"
La cancellazione di Isgrò – cifra inconfondibile dall’artista siciliano e del “duello” instaurato da oltre cinquant’anni con le parole e le immagini – per la prima volta apparirà al pubblico in movimento. La “cancellazione mobile” è l’ultimo atto della lunga trasformazione di quel gesto che all’inizio degli anni Sessanta nasce più per svelare che per coprire e che gli ha permesso di diventare uno degli innovatori del linguaggio artistico italiano del secondo dopoguerra insieme a Lucio Fontana e Piero Manzoni.
 

lunedì 5 agosto 2013

Teatri di Pietra, Ulisse e le sue "Lettere a Circe"

Dopo il debutto al Museo Pepoli di Trapani, proseguono le repliche, in anteprima nazionale del progetto "Lettere a Circe", di Andrea Di Falco e Manuel Giliberti, liberamente ispirato alla "Odissea" di Omero, ad "Omeros" di Derek Walcott e al saggio "Sopporta cuore" di Eva Cantarella. Sul palco Vincenzo Crivello, Deborah Lentini, Davide Guidi. Piera Degli Esposti intepreta “Il canto delle Sirene”, mentre la regia è affidata a Manuel Giliberti. Lo spettacolo, che fa parte della rassegna Teatri di Pietra, replicherà giovedì 8 agosto alle 21,30 nell’area archeologica Vassallaggi di San Cataldo (Caltanissetta) e mercoledì 14 agosto nell’area archeologica Kaukana di Santa Croce Camerina.

Pietra Degli Esposti e Manuel Giliberti
Il presupposto del progetto è che Ulisse veda nelle mani di un mercante un ritratto di Circe e di essa si innamori perdutamente. Il suo peregrinare verrà così scandito da lettere indirizzate alla donna che lo ha reso prigioniero solo grazie al suo aspetto. Il racconto si snoda così lungo il viaggio di Ulisse e le lettere ne sono il racconto appassionato. 

La narrazione non si ferma però con l'arrivo ad Itaca, l’ultima lettera sarà scritta da Penelope stessa che restituirà alla maga il corpo di suo marito, giunto alla fine della propria vita. La donna, moglie fedele, confermando la dedizione estrema allo scomodo coniuge dimostrerà con questo gesto di aver compreso che il luogo definitivo per il riposo di Ulisse è proprio l'isola Eea, l'isola degli incanti, il regno della Maga Circe. 

Al via il Festival Internazionale del Tango in Sicilia

Estate 2013, 13esima edizione. È il Festival Internazionale del Tango di Sicilia, l’evento del tango “ballato, recitato e cantato” che animerà le notti catanesi degli appassionati e non solo, nella settimana di ferragosto, dal 10 al 18. Organizzato dall’associazione culturale Caminito Tango, con la direzione artistica del maestro Angelo Grasso, la kermesse è stata presentata sabato sera nella “Plaza” del Lido Azzurro.

I tangueri Luis Castro e Claudia Mendoza
“La kermesse è, a pieno titolo, tra i Festival di Tango più importanti e apprezzati d’Europa - dice il presidente di Caminito Tango Elena Alberti - ed è un evento che ha sempre portato un forte indotto turistico al nostro territorio. Dato il pregresso del Catania Tango Festival, fatto di successi, migliaia di iscritti, forti motivi di attrazione per il pubblico, sono sicura che anche quest’anno lo spettacolo sarà assicurato. E’ importante sottolineare la centralità di Palazzo Minoriti, inserito nel meraviglioso scenario del Barocco siciliano, patrimonio mondiale dell’Umanità. Ecco, Catania ed il Tango, anch’esso dichiarato patrimonio immateriale dell’Umanità, sono inevitabilmente uniti da un legame forte e duraturo”.

"Parco Trekking", alla scoperta dei sentieri dell'Etna


Turisti sull'Etna
"Parco Trekking" non lascia, ma raddoppia. Il programma estivo-autunnale di escursioni organizzato dal Parco dell'Etna quest'anno si arricchisce di appuntamenti. A partire dall'11 agosto, il Parco propone agli appassionati di trekking e ai turisti di tutto il mondo che vengono a visitate il vulcano un fitto calendario di itinerari alla scoperta dei luoghi più suggestivi dell'area protetta. Sono ventisei gli itinerari in programma, il doppio rispetto agli anni passati. Si comincia, domenica prossima, con il Sentiero Natura dei Monti Sartorius che si snoda ad anello a partire dalla sbarra forestale posta a quota 1660 m., nei pressi del Rifugio Citelli, per circa quattro chilometri.

Al via il Filmfestival delle Madonie 2013

La ‘Fondazione Giuseppe Antonio Borgese’ da quattro anni propone e organizza a Polizzi Generosa il Filmfestival sul Paesaggio, manifestazione dedicata al paesaggio e alla riflessione attorno alla figura e all’opera di Giuseppe Antonio Borgese - noto critico, letterato e giornalista antifascista della prima metà del Novecento - che invita il pubblico a partecipare ad un momento di intrattenimento culturale imperniato sull’intreccio dei rapporti esistenti tra letteratura e paesaggio. 

Polizzi Generosa (Foto: la Triquetra)
La IV edizione si svolgerà dal 10 e il 18 agosto 2013 e avrà come titolo “Tra paesaggi e memorie: Le lettere di Borgese a Mussolini e Tempesta nel nulla, un viaggio tra l’Engadina e la Sicilia” e si svilupperà attorno a due blocchi principali: da un lato la ristampa e la presentazione di due opere fondamentali di Borgese, il romanzo breve “Tempesta nel nulla” e le “Lettere a Mussolini”; dall’altra la proiezione delle opere partecipanti al concorso cinematografico ed altre proiezioni fuori concorso.

Quest’anno ricorre l’80° anniversario della prima lettera che Borgese scrisse e spedì a Mussolini (18 agosto 1933) per motivare il suo rifiuto al giuramento fascista imposto ai professori universitari e annoverandosi così tra i pochissimi altri che non giurarono, poco più di una dozzina su un totale di 1256 docenti. 

"La bella addormentata", balletto russo a Siracusa

Dopo Palermo, il balletto russo approda domani 6 agosto alle 21, a Siracusa nel Castello Maniace, con lo spettacolo “La Bella Addormentata”. A portarlo in scena la compagnia New Classical Ballet Of Moscow con i primi ballerini Elena Kabanova e Victor Mekhanoshin

Una scena dello spettacolo
Il famoso spettacolo romantico, con le coreografie originali di Marius Pepita, è una fiaba in cui l'amore eterno vince su tutto, superando malefici e castelli incantati, gli intrecci di una storia piena di sorprese, raccontata sulle musiche di Tchaikovsky. 

Un fiore all’occhiello per il "New Classical Ballet" di Mosca, una compagnia di balletto giovane ma già affermata, in cui la grande tradizione del balletto classico russo convive con la ricerca di nuove forme coreografiche. Il corpo di ballo è formato da ballerini provenienti dalle migliore accademie di danza di Mosca, San Pietroburgo, Ufa, Perm, nonché vincitori di numerosi concorsi internazionali di balletto.

domenica 4 agosto 2013

Tornano le Passeggiate Barocche tra Scicli e Modica

Ritornano dall'11 al 18 agosto le Passeggiate Barocche, consueto appuntamento estivo alla scoperta della storia di luoghi suggestivi, dei tesori d'arte e della cultura del territorio ibleo, a spasso tra vicoli medievali e antichi quartieri Patrimonio dell'Unesco, in compagnia dello storico Giuseppe Barone e dello storico dell'arte Paolo Nifosì.

Scicli
La manifestazione, organizzata dalla Fondazione Grimaldi con il sostegno della Fondazione Confeserfidi e il patrocinio dei Comuni di Modica e di Scicli e dell'Archivio degli Iblei, prevede complessivamente quattro appuntamenti tra Modica e Scicli. Il primo, domenica 11 agosto alle 19, sarà a Modica (partenza da Piazza Matteotti) con la visita del Quartiere medievale di Cartellone, il Portale De Leva, la Chiesa del SS. Salvatore e la Chiesa dei Minori riformati di Sant'Anna.

Il secondo appuntamento, mercoledì 14 agosto alle 18, farà tappa a Scicli (partenza da Piazza Municipio) con un tour del complesso cinquecentesco di Santa Maria della Croce, sulla cima dell'omonimo colle. Il terzo, venerdì 16 agosto alle 18 sarà di nuovo a Modica (partenza da Piazza Matteotti) con la visita alla Chiesa e al Convento del Carmine.

venerdì 2 agosto 2013

Nasce la Banca dei Saperi Migranti

Il progetto Comunità Urbane Solidali, attraverso un’azione elaborata dall’associazione Design Zingaro, in collaborazione con i partners (associazioni Cresm, Mediterraneo di Pace, Coop. Solidarietà, Federazione L’Arca, Teatro Atlante e Piccolo Teatro Patafisico), sta compiendo una mappatura dei saperi dei migranti nella lavorazione di materiali naturali, sia per allestire dei laboratori aperti a tutti, sia per costruire insieme progetti culturali e lavorativi, incontri, interviste.

Tramite la compilazione di una scheda, disponibile in varie lingue all’interno del sito www.comunitaurbanesolidali.org, si creerà il mosaico delle competenze e delle qualificazioni professionali possedute dai migranti residenti a Palermo sulla progettazione e produzione di manufatti con materiali naturali, nel campo dell’arte, dell’artigianato, dell’architettura e dell’edilizia. Una volta compilata la scheda, basterà contattarci tramite mail, scrivendo all’indirizzo info@comunitaurbanesolidali.org, oppure telefonicamente al numero 338 9460812.

I ritmi della "taranta" a Palazzolo Acreide


Al via a Palazzolo Acreide la prima edizione di "Palazzolo Taranta". Sabato 3 agosto, presso "La Torre degli Iblei" di contrada Judica, a farla da protagonista saranno i ritmi indiavolati della pizzica e della taranta, l’artigianato, ma anche la buona cucina. 

L’evento inizierà al tramonto con bracieri accesi, un percorso alla scoperta della creazioni artistiche dell’associazione Artigianando e un aperitivo di benvenuto. Dalle 22 in poi, sarà il momento del concerto. Sul palco la compagnia Faciti Rota, che darà il via al festival, con la sua musica popolare e le danze tradizionali del Sud Italia. 

La compagnia “Faciti Rota” prende il suo nome dal tradizionale ballo, dove sì è invitati a disporsi in cerchio, donne e uomini assieme, e ballare fino allo sfinimento. Brani cantati della tradizione orale provenienti sia dalla Sicilia sia dal Sud Italia, brani tipici strumentali, la compagnia si è esibita, nel corso del 2011 e 2012, in diverse rassegne e spettacoli, riscuotendo notevole successo, sono stati protagonisti della prima edizione del Taranta Sicily Fest di Scicli, coinvolgendo i presenti in balli e danze frenetiche. 

giovedì 1 agosto 2013

Tindari Festival, arriva "Anfitrione" firmato Walter Manfrè

Lunedì 5 agosto alle 21,30 al Teatro greco di Tindari ci sarà il secondo appuntamento con il teatro nell’ambito della rassegna estiva. A calcare il palcoscenico tindaritano arriverà la coppia teatrale composta da Enrico Guarneri e Debora Caprioglio che per l’occasione metteranno in scena la commedia comica in due tempi di Plauto “Anfitrione” con la regia di Walter Manfrè.

Debora Caprioglio e Enrico Guarneri
"Anfitrione" è una piece teatrale che esalta la verve comica di Enrico Guarneri facendo contestualmente scoprire al pubblico il fascino e la bravura di Debora Caprioglio. Scritta e rappresentata probabilmente nel primo decennio del II sec., "Amphitruo" rimane un caso singolare nella pur vasta, e per molti aspetti controversa, produzione plautina. Il suo contenuto a carattere mitologico la distanzia, sensibilmente, dalle altre commedie a sfondo, diremmo oggi, "borghese".

Norvegia e Sicilia in musica al Castello Ursino di Catania

Se una sera d’estate il Castello Ursino di Catania riunisce musicisti norvegesi e siciliani – e fra loro i migliori archi del Teatro Massimo Bellini – e riecheggia di partiture come quelle di Piazzolla, Albeniz e Granados c’è di mezzo Classica & Dintorni, la rassegna di musica organizzata dall’associazione culturale Darshan di Mario Gulisano e la direzione artistica di Ketty Teriaca, docente di Pianoforte al Conservatorio Bellini di Palermo. Di scena il Norwegian Wood Ensemble, l’appuntamento è per venerdì 2 agosto, ore 21.

Il Norwegian Wood Ensemble (Foto: Docstudio)
Un progetto, quello dei Norwegian Wood Ensemble, ispirato dall’omonimo romanzo di Haruki Murakami (che a sua volta cita l’omonimo brano dei Beatles), che nasce dall’idea di una collaborazione internazionale fra l’associazione Darshan e il Johan Halvorsen Musikkfest di Drammen (Norvegia)dove l’Ensemble Darshan – che sabato scorso si è esibito a Marzamemi, durante il Festival del Cinema di Frontiera, musicando dal vivo un film muto - viene regolarmente invitato da anni. 

Si tratta di una produzione originale, in prima assoluta in Sicilia, guidata dalla virtuosa violinista norvegese Birgitte Staernes, che insieme a Martin Haug alla chitarra, formano il duo A Corda, presente sulla scena concertistica internazionale da oltre dieci anni ed autore di tre CD. A loro si aggiunge il primo contrabbasso del Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania, Davide Galaverna, membro dell’Italian Ensemblenonché concertista di livello internazionale, e cinque archi.

Palermo e il suo mare, nasce "ecomuseo" della memoria

La giunta comunale di Palermo ha approvato l’atto di indirizzo per la gestione e la valorizzazione dell’Ex Deposito locomotive Sant'Erasmo con destinazione d'uso Ecomuseo Mare Memoria Viva, una nuova istituzione culturale della città di Palermo nata dallo sviluppo del progetto “Mare Memoria Viva” con la creazione di percorsi legati alla memoria e al rapporto tra Palermo, i suoi abitanti e il mare.  

Il porto di Palermo
Il progetto prevede inoltre itinerari costieri volti alla valorizzazione di luoghi, storie e paesaggi poco conosciuti, attività culturali e di partecipazione e rientra nel più ampio progetto voluto dal sindaco Leoluca Orlando per la protezione e rivalorizzazione della Costa Sud. Il percorso si chiama Ecomuseo Urbano Diffuso perché intende promuovere la gestione partecipata dei beni della costa; il termine “ecomuseo” sottolinea l’approccio basato sulla partecipazione e richiama all’esistenza di un “patto con cui i cittadini decidono di prendersi cura di un territorio”. 

Un patto cui tutte le associazioni del quartiere, i cittadini e le istituzioni sono invitati a contribuire per sperimentare una gestione partecipata dell'Ex Deposito Locomotive. In questo senso, l’allestimento degli spazi e la loro destinazione a Ecomuseo rappresenterà l'inizio di un processo di sviluppo e valorizzazione in chiave socio-culturale e turistica delle zone costiere della città, a partire dal sud, nel rispetto delle risorse ambientali e delle identità locali. 

Giochi di luce per i "Carmina Burana" a Taormina

I "Carmina Burana" esaltati scenicamente da giochi di luce. Così il capolavoro musicale di Carl Orff verrà riletto dalla regia e scenografia di Enrico Castiglione al Teatro Greco di Taormina, l'8 e il 12 agosto alle 21,30.

Il Teatro Greco di Taormina
L’appuntamento fa parte del cartellone della stagione lirica e di balletto diretta dallo stesso Castiglione, che si conferma così il motore primo che fin dal 2007 muove nella Perla dello Jonio gli eventi legati al grande teatro musicale come alla grande danza e ai grandi appuntamenti sinfonico corali. La nuova produzione di "Carmina Burana" vedrà il rinomato Coro Lirico Siciliano, diretto da Francesco Costa, con i solisti Francesca Rubino (soprano), Salvo Di Salvo (baritono) e Alberto M. Munafò (controtenore), quest’ultimo presidente dell’ensemble.