martedì 20 dicembre 2011

Uto Ughi e il suo violino al Teatro Bellini di Catania

Il Natale del Teatro Massimo Bellini di Catania ha le musiche di Beethoven, Mendelssohn e Franck, la bacchetta di Will Humburg, l’orchestra stabile del “Bellini” e il prodigioso violino di Uto Ughi: giovedi 22 dicembre alle ore 21 (turno A) e venerdi 23 dicembre alle ore 17,30 (turno B) saranno infatti questi gli “ingredienti” del Concerto di Natale del “Bellini”, terzo appuntamento della Stagione Sinfonica 2011-2012.

Uto Ughi
Di Ludwig van Beethoven (1770-1827) sarà eseguita la Romanza n. 2 in fa maggiore, per violino e orchestra, op. 50. Scritta nel 1802 assieme alla Romanza n. 1, è un pezzo di non semplice esecuzione e nel quale il dialogo tra orchestra e violino solista è affrontato in maniera decisamente nuova rispetto all’epoca di composizione.

Seguirà il Concerto in mi minore, per violino e orchestra, op. 64 di Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809-1847), eseguito per la prima volta a Lipsia nel 1845 e nel quale, nonostante la complessità di esecuzione e le peculiarità formali, non vi è un virtuosismo fine a se stesso. 

Al via a Palermo il Festival della Parola

Promuovere e incentivare le forme di arte e comunicazione fortemente centrate sul linguaggio e sulla parola scritta, cantata e recitata.

Il giornalista e scrittore Vincenzo Cerami
Teatro, incontri, narrazione e conferenze tematiche, documentari: questo il carnet della prima edizione del Festival della Parola che si sviluppa nell’arco di 15 giorni e coinvolgerà principalmente gli studenti degli Istituti superiori della Provincia di Palermo.

Il progetto, nato da un’idea di Angelo Scuderi e sviluppato dall’Associazione “Scena Dinamica”, è stato recepito dalla Provincia Regionale di Palermo e inserito nel programma invernale di “Provincia in Festa”, nell’edizione che celebra i 150 anni dell’Ente e i 50 anni dalle prime elezioni democratiche del Consiglio Provinciale.

Bahrami a Palermo sulle note di Scarlatti e Bach

Ramin Bahrami

Si chiude in bellezza il 2011 degli Amici della Musica di Palermo, martedì 20 dicembre alle 21,15 al Politeama Garbaldi, con il concerto del pianista iraniano Ramin Bahrami. In programma musiche di Domenico Scarlatti e Johann Sebastian Bach.



Questi i costi dei biglietti: intero € 35 / ridotto € 25 / anfiteatro € 15.

mercoledì 14 dicembre 2011

"Il muro ha un suono", l'arte di Bios Vincent a Palermo

La Regione Sicilia, nelle Sale Duca di Montalto, nel Palazzo Reale di Palermo, ospita dal 14 gennaio al 3 febbraio 2012, l'artista siciliano Bios Vincent, con la personale "Il muro ha un suono" curata da Martina Cavallarin. In occasione dell’inaugurazione che si terrà venerdì 13 gennaio 2012 alle ore 19, un’inedita performance introdurrà il pubblico alla visione della mostra. 

Bios Vincent - "Dodici"
Bios costruisce per gli spazi del Palazzo Reale un percorso del tutto inusuale, che si snoda dal piano inferiore, in cui si è accolti dai video con i gli atti performativi dell'artista, fino alla sala centrale del piano superiore, dove una labirintica installazione composta da oltre 40 opere di grandi dimensioni avvolge il visitatore in spire materiche dalle forti cromie che prendono il sopravvento e lo conducono alla grande parete di fondo interamente coperta da un lavoro di notevoli dimensioni emozionali. 

Una personale di Piero Guccione a Taormina

Dal 22 dicembre all’8 gennaio 2012 la Biblioteca comunale Sant'Agostino di Taormina ospiterà la mostra “Quel rotondo volto di cipria trasparente” di Piero Guccione, a cura di Giuseppe Lo Magno.

La mostra, che si inaugurerà alle ore 18, proporrà dieci opere tra pastelli, oli e grafiche ritoccate a pastello, dedicate alla luna. Dieci variazioni sul tema che offrono, tra l'altro, una prospettiva diacronica sull'opera di Piero Guccione. 

Il titolo della mostra ricalca un'espressione dell'artista contenuta in una sua recente conversazione-intervista con il critico Paolo Nifosì. Il corpo celeste, raffigurato nella versione mattutina, ritorna spesso nell'opera di Piero Guccione, da sempre sensibile al suo fascino ambivalente, tra fisicità e spiritualità.

Isole Eolie: un 2012 tra cultura e natura

Il Centro Studi Eoliano e la Federalberghi Isole Eolie, il 6 dicembre scorso hanno presentato a Roma presso la sede della stampa estera: “Eolie 2012, natura e cultura”. Un’occasione per ribadire la volontà e la possibilità di valorizzare i beni culturali ed ambientali anche in un’ottica di sviluppo turistico sostenibile del territorio.

Lipari - Foto: www.martin-liebermann.de - Licenza: CC-BY-NC-SA 3.0
Un evento molto partecipato, moderato da Marcello Sorgi, al quale hanno preso parte diverse personalità, tra le quali anche Ettore Scola. Il Direttore di Federalberghi, Alessandro Cianella, su richiesta del presidente di Federalberghi Eolie, Christian Del Bono, ha illustrato una lettura per itinerari dell’offerta turistica eoliana le cui tappe sono già puntualmente individuate in una serie di siti e servizi già attivi e ascrivibili ad alcuni temi specifici: storia e archeologia, natura e vulcani, cultura ed eventi, mare e diportismo nautico.


lunedì 12 dicembre 2011

Parole, musica e immagini per ricordare Incardona

Un convegno e un documentario per ricordare Federico Incardona, il geniale compositore palermitano scomparso prematuramente nel 2006. Il 13 dicembre, alle 21.30, al Cinema Rouge et Noir di Palermo, verrà proiettato in anteprima il documentario di Silvia Scerrino: “Dell’infranta compiutezza”, mentre le due giornate del 13 e 14 dicembre, presso il Centro Sperimentale di Cinematografia dei Cantieri Culturali alla Zisa, si terrà il convegno dal titolo "Bagliori del melos estremo", a cura di Stefano Lombardi Vallauri e di Marco Spagnolo

Federico Incardona
Si tratta del primo appuntamento scientifico – dopo numerosi articoli, monografie, dissertazioni – dedicato integralmente al compositore. Ma è anche uno dei primi convegni su un compositore di una generazione che comincia appena adesso a venire storicizzata dalla musicologia accademica. Si propone infatti, non solo di portare avanti gli studi su un artista di primo piano nel panorama della musica contemporanea, ma di dare anche un contributo alla costruzione della generale visione storica della composizione musicale nel passato più prossimo e nel presente.

L'arte di Edo Janich torna a Palermo

Venerdì 16 dicembre 2011, alle ore 18,30, presso la Galleria Spazio Parallelo di Palermo, sarà inaugurata una personale di Edo Janich, “Disegni e incisioni”, a cura di Fabio Lupo. La mostra segna il ritorno dell’artista friulano a Palermo dopo anni di assenza.

Edo Janich, "Teatro Massimo"
In mostra una decina di disegni recenti, appositamente realizzati e ispirati alla città di Palermo e un’antologia delle sue più celebri e prodigiose incisioni, frutto della trentennale ricerca espressiva dell’artista, dagli anni settanta sino ad oggi. 

Leonardo Sciascia, appassionato cultore d’arte e suo ammirato sostenitore, così scrive nel 1974: "[…] oggi sono pochissimi gli incisori veri. Scomparsi Bartolini, Morandi e Viviani in Italia bastano le dita di una mano a contarli: e magari fermandoci al quarto che è certamente Janich". Fra i suoi estimatori anche Ugo Attardi, Renzo Vespignani e Nicolò D’Alessandro che in uno scritto del 1988 ne esalta la non comune capacità di scrivere le immagini attraverso la luce.

mercoledì 7 dicembre 2011

"Siciliamatic", scatti vintage tra le bellezze dell'Isola

La rivista SiciliaWeekend e la Feltrinelli Palermo insieme per una grande mostra fotografica dedicata agli scatti Hipstamatic, la diffusissima applicazione iPhone che consente di effettuare foto artistiche ed uniche proprio come le vecchie macchine fotografiche.

Il titolo della mostra, prevista per il mese di gennaio 2012 presso la Feltrinelli Libri e Musica di Palermo, è “Siciliamatic”. Le tematiche a disposizione sono quelle relative a cultura, natura e cibo, le tre sezioni che compongono il settimanale in pdf. Per partecipare, stampare le foto ed inviarle entro il 20 dicembre prossimo. 

Scarica qui il regolamento e il modulo d'adesione

A Catania in mostra gli artisti siciliani della Biennale

La numerosa presenza degli artisti siciliani alla 54ma Biennale di Venezia, che ha costituito motivo di vanto per la nostra Regione, ha suggerito alla galleria d’arte Dietro le Quinte in collaborazione con il Comune di Catania – Assessorato alla Cultura e Accademia di Belle Arti di Catania - lo spunto per la mostra “Artisti nella luce di Sicilia” a cura di Vittorio Sgarbi. Le diverse identità artistiche coinvolte sono l’espressione di una cultura creativa che dalla Sicilia ha raggiunto contesti nazionali e internazionali, senza mai perdere di vista la radice di provenienza; una timbrica riscontrabile nello stile che contraddistingue ciascuno di loro.

Il Palazzo della Cultura di Catania
La mostra, che s'inaugura venerdì 9 dicembre nel Palazzo della Cultura di Catania (ex cortile Platamone) vuole rendere visibile in un unico ambito tutti gli artisti nati e operanti in Sicilia che sono stati coinvolti nell’ambito dei diversi eventi alla 54ma Biennale d’Arte di Venezia nel contesto del Padiglione Italia.

Il fine è quello di incentivare il dialogo creativo fra artisti provenienti dalla stessa regione che con spiccato senso individualista hanno saputo solcare una precisa strada artistica e che se messi in relazione consentono di scorgere legami, divergenze, idee e sentimenti che arricchiscono il panorama dell’arte contemporanea.

La Sicilia nelle foto di Ferdinando Scianna

Settanta immagini che illustrano lo straordinario legame tra Ferdinando Scianna e la Sicilia. Immagini in bianco e nero, che raccontano il nostro passato, e immagini a colori, che ritraggono invece il presente della nostra isola. Con questi scatti Ferdinando Scianna racconta la sua terra natia, quella Sicilia che ha esportato nel mondo, con la magia e la bellezza dei suoi luoghi e la solitudine che, a tratti, coglie i suoi uomini.

La mostra “Ferdinando Scianna e la Sicilia - Da porta a porta” sarà allestita, dal 17 dicembre 2011 al 22 gennaio 2012,  in due prestigiose sedi espositive a Palermo: il Loggiato San Bartolomeo, in prossimità di Porta Felice, e l’Oratorio SS. Elena e Costantino, nei pressi di Porta Nuova, recentemente ristrutturato e restituito alla città e per la prima volta dedicato alla promozione dell’arte. Poli opposti dell’originario Cassaro di Panormus, questi due luoghi saranno collegati per trenta giorni da un simbolico percorso tracciato da 70 banner bifacciali appesi lungo l’asse viario di corso Vittorio Emanuele. Si tratta di opere di oltre centoquaranta artisti che hanno partecipato al concorso “Disegna per Ferdinando Scianna”.

La mostra è organizzata dalla de Arte Service & Management e da Archimedia, e promossa dalla presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana, in collaborazione con la Fondazione Federico II, dall’Assessorato Regionale al Turismo e dalla Provincia Regionale di Palermo.

martedì 6 dicembre 2011

L'arte di Puglisi e Zuccaro arriva a Modica

La Dir'Arte presenta alla città di Modica Giuseppe Puglisi e Piero Zuccaro in mostra dall'8 dicembre al 6 Gennaio. Saranno esposti più di venti opere, tra oli e pastelli. Entrambi gli artisti catanesi sono stati tra gli artisti scelti per il Padiglione Italia nella 54ma esposizione della Biennale di Venezia che è da oltre un secolo una delle istituzioni culturali più prestigiose al mondo per ricerca e promozione delle nuove tendenze artistiche.

Giuseppe Puglisi - "Sulla città" (2007)
“Nel loro fare pittura Giuseppe e Piero - scrive Donatella Capraro nel testo critico presente in catalogo -  sono molto diversi, ma di entrambi mi è caro il movente, che mi sembra li accomuni. Caos ricongiunto in volumi trasparenze slittamenti. Il visibile è subito luce/movimento, sia il ritmo lento o vorticoso. I due linguaggi prendono la loro strada e le materie/strutture si incarnano e combinano seguendo il suono del proprio equilibrio armonico. Strati spaziali dinamici a volte ridottissimi, nelle trame delicate con cui Giuseppe vira il colore come una vela, a volte secretati, nei concreti primi piani di Piero che diventano accessi da percorrere in profondità.”

La mostra rimarrà aperta tutti i giorni con il seguente orario: 10.30-12.30/16.00-20.00; per info 0932 947456.

lunedì 5 dicembre 2011

Palermo, al via la mostra "Avanguardie Russe"

Si è inaugurata sabato 3 dicembre, all'Alberto delle Povere di Palermo, la mostra "Avanguardie Russe" che offre al pubblico 59 dipinti, alcuni inediti in Italia, e ricostruzioni di oggetti tipici dell'arte russa degli inizi del XX secolo.

"Dopo la grande mostra su Antonello da Messina - ha detto Sebastiano Missineo, assessore regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana - che ha registrato oltre 75.000 visitatori in poco più di due mesi alla Galleria Statale Tretyakov di Mosca e dopo l'esposizione de L'Adorazione dei Pastori, proveniente dal Museo Accascina di Messina, alla mostra su Caravaggio appena inaugurata al museo Pushkin, ospitiamo il meglio dell'arte moderna e contemporanea russa concludendo nel migliore dei modi la partecipazione della Sicilia all'anno bilaterale tra Italia e Russia".

Le "Estroflessioni Figurative" di Kokocinski a Palermo

Mercoledì 7 dicembre alle ore 19, s'inaugura nel Palazzo Sant'Elia di Palermo"Estroflessioni Figurative", personale di Alessandro Kokocinski. La mostra promossa dalla Provincia Regionale di Palermo è stata realizzata grazie al sostegno di Fondazione Roma Mediterraneo e al contributo di Pietro Barbaro Group. Estroflessioni Figurative, curata da Lorenzo Zichichi, nasce dall’idea di Gigliola B. Magistrelli ed è organizzata dalla Fondazione Alessandro Kokocinski e da I Luoghi dell’Arcadia. 

Al piano nobile del prestigioso Palazzo Sant’Elia di Palermo, sono esposte 27 opere, divise in tele e sculture, ma soprattutto le estroflessioni figurative, ovvero quelle opere che emergono come tridimensionali essendo collocate su supporti bidimensionali. Una perfetta sintesi della complessa ricerca del lavoro dell’artista di Porto Recanati, ma di origini russo-polacche, frutto del suo immenso bagaglio multiculturale, caleidoscopio di culture e di vocazioni etico-sentimentali. La sua pittura, d’un realismo visionario e accattivante, assomma il mondo fantastico russo, la passione e il realismo sudamericano e il fascino luministico secentesco italiano.

sabato 3 dicembre 2011

L'arte del riciclo in mostra a Catania

“Everything has its rebirth”, ogni cosa ha la sua rinascita. Spesso una vita migliore della prima. Metti un miserrimo guanto da cucina, o l’elastico usato negli Usa per legare i broccoli al supermercato. Le gommine dell’umilissima (nonché utilissima) caffettiera, i tasti del vecchio computer, gli anelli di plastica delle bottiglie, i bottoni spaiati, i tappi, la gomma degli pneumatici, gli occhiali rotti? Basta un’idea, una folgorazione, a riscattarne la memoria, a tramutare questa materia bruta e poverissima (destinata spesso al cassonetto), in oggetti d’arte unici e preziosi. Dove è tutto nel valore aggiunto, nell’invenzione e nel gesto.

Joao Sabino - "Keybag" (2011)
Lo hanno fatto su invito di Marella Ferrera 10 artisti di vari Paesi, da New York a Londra passando per l’Italia, diversi ma uniti dalla medesima fulgida ossessione etica ed estetica: trasformare le scorie, i rifiuti urbani, gli avanzi del nostro benessere vorace in gioielli e borse eccezionali. Questo il significato della mostra "Ri-Chic-Lo artists", visitabile al Museum & Fashion di Catania fino all'11 dicembre. Dunque collane, spille, borse, ma anche cravatte riciclate che diventano mappe della memoria, cariche di vissuto ma soprattutto di futuro. Un futuro più rispettoso dell’ambiente e delle cose, dove tutti siamo chiamati a consumare con più misura e riguardo, e soprattutto a rivalutare il gesto dietro questi gioielli nati da un abbandono. E la testimonianza che c’è dietro, cioè il tempo, il pensiero e la cura della riconversione.

Hilary Hahn debutta al Teatro Massimo di Palermo

La Stagione concertistica 2011 del Teatro Massimo di Palermo prosegue con un appuntamento eterogeneo che, accanto all'Orchestra diretta da Peter Feranec, ha per protagoniste due musiciste, la violinista statunitense Hilary Hahn, considerata una delle violiniste più importanti del nostro tempo, e l'arpista piemontese ma ormai palermitana d'adozione, Elena Zaniboni.

La violinista Hilary Hahn
Il programma musicale del concerto di domenica 4 dicembre, con inizio alle 18,30, si aprirà proprio con l'esibizione di quest'ultima impegnata nel Concerto per arpa scritto nel 1947 da Nino Rota, del quale l'arpista è da decenni interprete d'eccezione avendolo perfezionato con il compositore stesso ed eseguito sui palcoscenici di tutto il mondo. Si tratta di un omaggio al celebre compositore, del quale tutti ricordano le numerosissime colonne sonore, nel centenario della nascita.

giovedì 1 dicembre 2011

GAM: i paesaggi marini di Lojacono, Leto e Catti

La Galleria d'arte moderna di Palermo propone una visita guidata specifica per gruppi e scuole, in occasione della mostra "Michele Catti, Le rimembranze. Capolavori delle collezioni private palermitane" ospitata fino all'8 gennaio presso la Galleria Beatrice di Palazzo Sambuca.

Si parte dalla Galleria d'arte moderna con i paesaggi di Francesco Lojacono, i dipinti di Antonino Leto, le vedute di Michele Catti, ci si lascia travolgere dai marosi, cullare dal dondolio delle acque, accarezzare da luci ora morbide ora tiepide. Si prosegue verso Palazzo Sambuca, in via Alloro, per godere delle delicate e profonde rimembranze di Michele Catti esposte alla Galleria Beatrice e ammirare una ventina di capolavori provenienti da alcune tra le più ricche collezioni palermitane. 

"Sudest", una collettiva d'arte a Ragusa

Sabato 17 dicembre 2011 alle ore 18, a Ragusa, nei locali di Palazzo Garofalo si inaugurerà la collettiva d'arte contemporanea Sudest, organizzata dalla Galleria Lo Magno di Modica. 

Fulvio Di Piazza - "Dopo la pioggia"
La mostra, patrocinata dal Comune di Ragusa e curata da Andrea Guastella, annovera opere di ventisei artisti che costituiscono un interessante paradigma della produzione pittorica e scultorea dell’ultimo sessantennio.

Le opere in mostra sono dichiaratamente legate dal comune denominatore che il titolo suggerisce, ovvero la Sicilia sud-orientale, in molteplici declinazioni stilistiche e concettuali. "[…] La Sicilia intera – scrive Andrea Guastella nel testo critico della mostra - è Sud Est: un presidio alle porte del vecchio continente e, insieme, un ponte per raggiungere non tanto la Calabria, quanto il nord-Africa e il vicino oriente. Luoghi che, a differenza di un’Europa in costante assillo economico, che lascia presagire il suo prossimo declino, sembra attraversino, talvolta drammaticamente, una primavera di libertà".

Palermo, una mostra dedicata a Giorgio Vasari

È stata inaugurata ieri a Palermo la mostra dal titolo “Giorgio Vasari a Palazzo Abatellis. Percorsi del Rinascimento in Sicilia”, realizzata in collaborazione con la Biblioteca Centrale della Regione Siciliana e con il Dipartimento di Architettura dell'Università di Palermo.

Particolare da "La caduta della Manna" di Giorgio Vasari
L'iniziativa si inserisce nell'ambito delle celebrazioni per i 500 anni dalla nascita di Giorgio Vasari, ricorrenza che nel corso dell’anno è stata oggetto di numerosi eventi culturali nei luoghi dove il Vasari pittore e architetto lasciò la sua impronta come artista, ma soprattutto come letterato.

Musicisti in piazza contro i tagli della Regione

Morire suonando. Decine di storiche associazioni culturali siciliane, organizzatrici di prestigiose rassegne musicali, stanno per fallire e scomparire dalla scena artistica in seguito alla mancata assegnazione da parte dell’Assessorato Regionale al Turismo e Spettacolo dei consueti finanziamenti. Una decisione improvvisa che giunge a fine novembre, a chiusura della stagione 2011, quando le associazioni sono già indebitate con le banche avendo contratto prestiti per anticipare le spese per i cachet degli artisti, contributi previdenziali, trasporti, vitto e alloggio, noleggio di attrezzature e strumenti musicali.

A denunciare il caso, facendosi portavoce delle associazioni che lunedì scorso si sono riunite a Palermo organizzando una straordinaria “protesta in musica” davanti alla sede dell’assessorato, è Mario Gulisano, presidente dell’Associazione culturale Darshan di Catania, produttrice di importanti rassegne internazionali come Tarantafest, Classica & Dintorni, Alkantara fest, Meltin’folk, Zampognarea e Musicamilo che ogni anno coinvolgono centinaia di artisti siciliani, nazionali e internazionali.

"Rigoletto" torna al Teatro Bellini di Catania

La Stagione Lirica 2011 del Teatro Massimo Bellini di Catania si chiude con una delle opere del repertorio romantico più conosciute e amate dal pubblico: "Rigoletto" di Giuseppe Verdi andrà in scena dal 7 al 17 dicembre prossimi, per sette recite. L’opera torna al “Bellini” dopo quasi 14 anni di assenza e dunque l’attesa è davvero tanta.

Sul podio salirà il maestro viennese Roberto Paternostro, la regia del nuovo allestimento del Teatro Massimo Bellini è di Roberto Laganà Manoli, che firma anche scene, costumi e luci. Tra gli interpreti, il tenore Ivan Magrì, il baritono Carmelo Corrado Caruso, il soprano Gladys Rossi.

sabato 19 novembre 2011

A Catania va in scena il mistero della "Mennulara"

Serva e padrona. Umile e forte. Sulla bocca di tutti, eppure avvolta nel mistero. Mente machiavellica, sebbene quasi analfabeta. Indirizzata al bello e al buono nonostante gli insulti della vita. Piccola raccoglitrice di “mennule”, mandorle, e tuttavia destinata a produrre ricchezza. È Rosalia Inzerillo, stupefacente artefice del proprio e dell’altrui destino, abile tanto da manipolare la società maschilista e violenta, che a cavallo degli anni Sessanta dominava ancora incontrastata l'entroterra siciliano.

Guia Jelo e Pippo Pattavina in "La Mennulara"
"La Mennulara", romanzo d'esordio della palermitana Simonetta Agnello Hornby, approda per la prima volta sulla scena nella produzione allestita dal Teatro Stabile di Catania. La novità assoluta inaugura la stagione 2011-2012, dedicata dal direttore Giuseppe Dipasquale all’universo femminile e significativamente intitolata “Donne. L’altra metà del cielo”: una carrellata di eroine che - per citare solo le produzioni e coproduzioni proprie dell'ente - popolano capolavori come "La governante" di Vitaliano Brancati, "La casa di Bernarda Alba" di Federico Garcia Lorca, "I giganti della montagna" di Luigi Pirandello, "Un tram che si chiama desiderio" di Tennessee Williams, "Ifigenia" di Mircea Eliade, fino ai recentissimi titoli "La nave delle spose" di Lucia Sardo e Elvira Fusto e "Il tredicesimo punto" di Sergio Claudio Perroni, omaggio alla figura di Nilde Iotti.


Teatro del Baglio, al via "Alle parole nostre"

Sei spettacoli, di cui due siciliani e con una produzione propria: si presenta così la sesta edizione di “Alle parole nostre”, rassegna di teatro contemporaneo di sperimentazione e ricerca in programma al Teatro del Baglio, in corso Sammarco a Villafrati, in provincia di Palermo, fino al 28 dicembre.

Fabrizio Ferracane in "Ferrovecchio"
Si inizia sabato 19 novembre con “Assolutamente solo”, uno spettacolo di trasformismo con David e Mario Batignani (testo e regia di David Batignani) e si prosegue il 26 novembre con “Ferrovecchio”, testo e regia di Nino Marino, con Fabrizio Ferracane e Nino Marino. 

domenica 13 novembre 2011

Le forme sospese di Cossyro alle FAM di Agrigento

Forme misteriose, sospese nello spazio. Immobili, eppure cariche di energia nel segno dinamico impresso dal maestro. Alle FAM di Agrigento, è dedicata al pittore e scultore Michele Cossyro la mostra organizzata dagli Amici della pittura siciliana dell’Ottocento in collaborazione con il Museum di Bagheria. S’intitola “Michele Cossyro. Extràhere. Opere 1973/2011” (26 novembre 2011 - 12 febbraio 2012) la cura è del critico d’arte Gabriele Perretta, coordinatore Ezio Pagano, direttore del Museum di Bagheria. L’ingresso è gratuito.

Michele Cossyro - "Carena (Ali)"
olio su tela e legno, 1976
Sotto le volte delle Fabbriche Chiaramontane – prestigioso spazio espositivo in stile chiaramontano (XIV sec.) che quest’anno ha celebrato il decennale con un’importante indagine sull’arte concettuale in Italia (“Sulla Parola”, a cura di Marco Meneguzzo) - “Extràhere” propone un excursus attraverso la produzione degli ultimi quarant’anni di Michele Cossyro, artista originario di Pantelleria (Cossyra è l’antico nome dell’isola al largo della Sicilia) che vive e lavora da sempre a Roma dove insegna Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti e dove, nella primavera scorsa, la Galleria Giulia gli ha dedicato una importante personale, “Interspazio”, con dodici lavori in bronzo e lustri in oro di recente produzione.

La bacchetta di Gergiev al Teatro Massimo di Palermo

Questa sera, alle 20,30, atteso il debutto al Teatro Massimo di Palermo di uno dei più celebri e significativi direttori dei nostri tempi, il russo Valery Gergiev sul podio dell'Orchestra del suo teatro, il leggendario Mariinsky di San Pietroburgo.

Valery Gergiev
Il programma della serata comincia con la celebre ouverture da “Russlan e Ludmilla” di Glinka e prevede, nella prima parte, alcuni passi celebri dal “Principe Igor” di Borodin interpretati dal tenore Sergei Semishkur e dal mezzosoprano Ekaterina Sergeeva (Cavatina di Konchakovna; duetto d’amore di Konchakovna e Vladimir Igorevich, Arioso di Vladimir Igorevich, le celeberrime Danze Polovesiane), per poi esplodere, nella seconda parte nei caleidoscopici “Quadri di un'esposizione” di Musorgskij.

giovedì 10 novembre 2011

Melodie scandinave al Castello Ursino di Catania

Frida, Linnea, Eva e Lisa. Insieme sono le Kraja, quartetto di giovani musiciste svedesi che dal 2002 gira i festival folk di tutta Europa eseguendo a cappella, con arrangiamenti polivocali, canzoni della tradizione popolare scandinava ma anche proprie composizioni. 

Il quartetto Kraja
Saranno loro a far riecheggiare di melodie lontane, sabato 12 novembre alle 19, i saloni del Castello Ursino di Catania, ospiti della stagione concertistica di Classica & Dintorni 2011, la nona edizione del Festival Internazionale di musica da camera promosso dall’associazione culturale Darshan e diretto da Ketty Teriaca, docente di pianoforte al Conservatorio V. Bellini di Palermo.

Palermo, restaurati i simboli dell'Unità d'Italia

Restaurati a Palermo due luoghi simbolo dell'Unità nazionale: l'obelisco ai martiri dell'indipendenza italiana, collocato al centro dell'omonima piazza, realizzato da Giovan Battista Filippo Basile, e il monumento equestre a Vittorio Emanuele II, davanti alla stazione centrale, ad opera di Benedetto Civiletti, uno dei più importanti scultori palermitani dell'epoca.

L'obelisco di piazza Indipendenza a Palermo
Gli interventi hanno permesso di arginare lo stato di degrado dovuto principalmente all'inquinamento atmosferico e ai ripetuti atti vandalici: sono state eseguite operazioni di disinfestazione, di pulitura, stuccatura di fessurazioni e il consolidamento degli elementi lapidei.

La cerimonia si è svolta a piazza Indipendenza alla presenza dell'assessore regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Sebastiano Missineo, del prefetto di Palermo, Umberto Postiglione, del questore Nicola Zito, del presidente della Provincia regionale di Palermo, Giovanni Avanti e dell'assessore al Centro storico del Comune di Palermo, Mario Milone. La manifestazione ha avuto anche un secondo momento celebrativo davanti al monumento a Vittorio Emanuele, in piazza Giulio Cesare: in questo caso, sono stati riportati allo splendore originario anche il bassorilievo laterale e il basamento marmoreo arricchito dalle 4 aquile simbolo di Palermo.

mercoledì 9 novembre 2011

A Londra una mostra fotografica sulla Sicilia

"Una scenografia assolutamente unica e particolarmente indovinata per un omaggio alla poesia e alla bellezza, che evoca un viaggio per la dimensione dell'anima che costituisce il preludio del viaggio in Sicilia da molti sognato". Questo il commento dell'assessore al turismo, sport e spettacolo della Regione siciliana, Daniele Tranchida, dopo l'inaugurazione di stamani a Londra della mostra open air  "Sicilia, il Viaggio"

L'evento, che è legato alla partecipazione della Regione siciliana al Wtm di Londra, vedrà, fino a domenica 20 novembre, le rive del Tamigi (tra la Oxo tower e il National theatre, esattamente tra il Tamigi e gli studi televisivi di Itv) trasformarsi in teatro all'aperto della mostra "Sicilia, il Viaggio", organizzata e promossa dalla Regione siciliana, a cura della Genius Loci di Sandro Battistessa. Sulle rive del Tamigi, a Riverside Walkway sarà possibile compiere un viaggio suggestivo alla scoperta di una delle più belle regioni d'Italia, grazie a 46 scatti del fotografo Walter Leonardi.

"Colazione da Tiffany" nei cinema siciliani

A cinquant’anni dall’uscita cinematografica, "Colazione da Tiffany", il capolavoro di Blake Edwards interpretato da Audrey Hepburn, sarà sul grande schermo per la prima volta in Italia nella sua versione restaurata in digitale 4K grazie a Nexo Digital. Dopo la speciale anteprima al Festival Internazionale del Film di Roma, il pubblico potrà ritrovare tutta l’eleganza e la femminilità della Hepburn nelle sale italiane il 9 novembre per un’intera giornata all’insegna della bellezza e del grande cinema in oltre 170 sale italiane.

In Sicilia aderiscono i seguenti cinema:

Astro 2000 di Cefalù, Supercinema di Bagheria, Palazzo Moncada di Caltanissetta, Jolly di Palermo, Cinestar i Porlali di San Giovanni La Punta, Iris di Messina, The Space di Belpasso, Uci di Messina e Palermo.

sabato 22 ottobre 2011

Unicef: scorci di Sicilia in foto, al via la selezione

La Sicilia vista attraverso le immagini. Al via un concorso dedicato a professionisti ed amatori della fotografia, organizzato dal Younicef, il movimento giovanile dell’Unicef, e finalizzato alla realizzazione della mostra “Sicilia, scorci e suggestioni dell’isola a tre punte”, che si terrà presso lo Steri di Palermo, dal 2 al 4 dicembre prossimo.

Le fotografie esposte verranno selezionate tra quelle presentate attraverso la partecipazione al bando di concorso. Fotografi esordienti avranno la possibilità di esporre i propri lavori e di farsi conoscere ad un pubblico più ampio, nell’ambito di un evento culturale aperto a tutti, secondo il principio di promozione e valorizzazione delle competenze dei giovani e del territorio di appartenenza. 

La mostra è finalizzata alla raccolta di fondi in favore dell'Unicefda destinare all’Emergenza in Corno d’Africa ed è aperta a tutti. Una commissione mista composta da fotografi professionisti, docenti universitari e rappresentanti del Comitato provinciale per l'Unicef di Palermo selezionerà le migliori fotografie da esporre. 

venerdì 14 ottobre 2011

Regione: in arrivo 12 milioni di euro per il Museo Riso

Circa dodici milioni e mezzo di euro per realizzare mostre internazionali, residenze d'artista, una manifestazione che coinvolgerà otto centri siciliani e altrettante istituzioni del Mediterraneo per l'arte contemporanea, l'ampliamento e la riqualificazione delle aree esterne, l'adeguamento delle strutture agli standard europei e la costruzione di Slym Display, un ascensore esterno attraverso il quale sarà possibile osservare gli spazi espositivi durante la salita.

Il Palazzo Riso di Palermo
Una serie di progetti che Riso, museo d'arte contemporanea della Sicilia, realizzerà utilizzando i fondi del Programma Operativo del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale 2007-2013, Asse 3. Due le linee di intervento utilizzate: la 3.1.1.2 "per il recupero e l'adeguamento strutturale e funzionale dell'eredità storico-culturale, quali biblioteche, musei, archivi, teatri e altre tipologie di beni di interesse culturale e architettonico, anche attraverso l'attivazione di partenariati pubblico-privati" e la 3.1.3.3 che favorisce "lo sviluppo di servizi culturali al territorio e alla produzione artistica e artigianale (documentazione, comunicazione e promozione, etc…) che opera nel campo dell'arte e dell'architettura contemporanea".

giovedì 13 ottobre 2011

A Catania l'arte neo pop di Andrea Cantieri

Amami o lasciami. È l’imperativo che introduce alla personale di Andrea Cantieri, “Love me or Leave me”, curata dal critico d’arte Igor Zanti e in programma a Catania dal 15 ottobre al 30 novembre negli spazi di Side A, l’Associazione Culturale guidata dai collezionisti Giovanni Gibiino e Maurizio Cascone impegnati a promuovere l’arte moderna e contemporanea con particolare attenzione ai talenti emergenti “made in Sicily”. 

Andrea Cantieri, "Louis Armstrong" (olio su pallets in legno)
Come Andrea Cantieri: catanese, classe 75, artista dalla personalità poliedrica: musicista di formazione e pittore autodidatta Cantieri è fortemente ispirato dall’universo jazzistico e stempera il proprio vissuto in un unicum che sintetizza suono e immagine.

In mostra una nutrita serie di ritratti di grandi personaggi della musica: da Louis Armstrong a John Lennon, da Kurt Cobain a John Coltrane realizzati da Cantieri su vari supporti: veri e propri materiali di recupero come serrande in legno, pallets per il trasporto della merce, dischi in vinile, imposte dismesse di finestre che si alternano alle consuete tele. 

Il castello della Colombaia passa alla Soprintendenza

"Il Castello della Colombaia è stato trasferito dal Demanio regionale alla Soprintendenza dei Beni culturali di Trapani segnando una tappa molto significativa del percorso che potrà dirsi definitivamente concluso solo quando l'intero complesso sarà ristrutturato". Lo ha detto l'assessore per l'Economia, Gaetano Armao, commentando la firma dell'atto di trasferimento.

Il Castello della Colombaia di Trapani
"Oggi è stato presentato il progetto della Soprintendenza e di conseguenza in tempi brevi si potrà procedere ai lavori necessari per scongiurarne l'ulteriore degrado". L'assessore ha ricordato come nel gennaio scorso in occasione della presentazione della 5° edizione dei "Censimenti dei luoghi del cuore", proprio la Colombaia era stata ricordata come un bene per il quale l'amministrazione ha operato tempestivamente.

Il pianoforte minimalista di Wim Menters a Catania

Fa tappa a Catania nell’ambito della tournèe internazionale che lo ha visto esibirsi in numerosi teatri europei, il compositore belga Wim Mertens cui sabato 15 ottobre è affidato il concerto inaugurale della nona edizione di Classica & Dintorni, il festival internazionale della musica da camera organizzato dall’Associazione Culturale Darshan. L’appuntamento è al Centro Zo, ore 21, e i biglietti sono già in prevendita nei consueti circuiti. La rassegna di Classica & Dintorni, diretta da Ketty Teriaca – pianista e docente di pianoforte principale al Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo – prosegue poi al Castello Ursino fino al 3 dicembre con altri sette concerti (ore 19).

Autore di musica contemporanea, legato alle correnti meno sperimentali del minimalismo e al cross-over, in Italia, Mertens è divenuto celebre quando, nella seconda metà degli anni Ottanta, una sua composizione, "Struggle for Pleasure", venne utilizzata come colonna sonora di una pubblicità. Ha registrato sotto lo pseudonimo di “Soft Verdict” ed è autore del libro “American Minimal Music”, un lavoro dedicato alla scuola americana della musica minimalista. Nel marzo 1998 Mertens diviene Ambasciatore Culturale delle Fiandre.


martedì 4 ottobre 2011

Al via la Stagione degli Amici della Musica di Palermo

Un traguardo importante: a 80 anni dal loro primo concerto – evento che si svolse a Palermo il 7 novembre del 1925 - gli Amici della Musica presentano la loro nuova Stagione di concerti. Continua dunque l’impegno della più antica Associazione musicale siciliana, di apportare alla città e al suo pubblico, il valore della qualità, della molteplicità e della trasversalità, per un pubblico sempre più vasto, variegato e in evoluzione, restando punto di riferimento per la crescita culturale della città di Palermo.

Nicola Piovani
Il presidente Cosimo Aiello e il direttore artistico Dario Oliveri presentano l’80a Stagione Concertistica 2011/2012, che si mantiene fedele ai suoi obiettivi di vitale rapporto con un pubblico quanto mai in movimento, in una fase storica di crisi culturale. 

Si comincia, lunedì 24 ottobre al Politeama Garibaldi di Palermo, con l’Orchestra da Camera L’Astrée, che inaugura i due turni della Stagione, e si prosegue poi con i Quartetti di Cremona e di Venezia. E dunque i musicisti siciliani, fra cui l’Orchestra da Camera “Gli Armonici”, le Orchestre del Teatro Massimo “Vincenzo Bellini” di Catania e del Conservatorio di Palermo, quest’ultima diretta da Nicola Piovani. Nel mettere in luce le presenze siciliane in cartellone, come non citare tre prime esecuzioni assolute di autori siciliani: Marco Betta, Mario Modestini e Marco Stassi.

venerdì 30 settembre 2011

A Palermo "Il passaggio difficile" di De Grandi

È stata inaugurata ieri sera, alla Galleria d'Arte Moderna di Palermola mostra di Francesco De Grandi "Il passaggio difficile", a cura di Marco Bazzini e Helga Marsala. L'esposizione, realizzata in collaborazione con l'associazione Ars Mediterranea e la Galleria Aike-Dell'Arco (Palermo/Shanghai), continua il ciclo di mostre che la GAM dedica ai giovani artisti siciliani e rimarrà aperta fino al 30 ottobre.

"Il passaggio difficile" è un'opera unica, una grande installazione pittorica che si struttura negli spazi dedicati alle mostre temporanee della GAM. Molteplici visioni, ma concepite per un solo viaggio, un attraversamento interiore, lento, rituale.

Francesco De Grandi - artista mid career che vive e lavora tra Palermo e Shanghai- concepisce una mostra che va letta come una scrittura articolata e compatta, un testo narrativo, una sceneggiatura teatrale scandita in tre atti. Sono le immagini a ricamare una scrittura distesa su più livelli, che attinge da immaginari complessi legati alla pittura di genere (paesaggio, ritratto, natura morta), tra atmosfere gotiche e post-romantiche, estetica del nostalgico, venature noir, incursioni psichedeliche, celebrazione del sacro, sentimento panico della natura, gusto per il decadente.

Le ceramiche di Giacomo Alessi in mostra a Londra

È dedicata all’arte di Giacomo Alessi, uno dei più noti ceramisti italiani, la mostra allestita a Londra nello studio “Bernard Chauchet Contemporary Art” (Hollywood Road, 55) e visitabile dal 29 settembre fino all’11 ottobre.

Giacomo Alessi - "L'idendità del Piccolo Principe II"
Cinquanta sculture in ceramica realizzate da Alessi negli ultimi dieci anni: una instancabile attività di ricerca che fa dell’autore, originario di Caltagirone, uno dei pochi artisti della sua generazione capace, con sguardo attento e lucido, di provare a rinnovare profondamente l’antichissima arte della terracotta.

Numerose le mostre e i riconoscimenti internazionali per Alessi: Museo Salinas di Palermo nel 2006, Umm al-Fahm Art Galleryin Israele nel 2008, Premio Michetti a Pescara nel 2006. Di recente ha partecipato alla 54/a Biennale di Venezia, mentre nel febbraio scorso, a Roma (Musei di San Salvatore in Lauro), alcuni suoi pezzi figuravano nell’esposizione “Terracolta: la ceramica romana e laziale fra Guttuso, Mastroianni, Greco, Cascella, Cagli e Manzù” al cui catalogo ha contribuito con un proprio testo critico. 

Bebo Cammarata e le sue foto per le strade di Palermo

Un ritorno alla fotografia come ritratto del tempo, uno scatto che racconta volti e storie di una città, Palermo, che cambia ogni giorno. È dedicata ai “Fotovia” la mostra fotografica di Bebo Cammarata, allestita, dal 30 settembre al 15 ottobre, presso la Galleria d’arte contemporanea Garage, in piazzetta di Resuttano a Palermo, e realizzata grazie alla Fondazione Ignazio Buttitta che ha anche curato il catalogo.

I fotovia, negli anni Settanta, si aggiravano in via Libertà e via Ruggero Settimo a fotografare coppie, genitori e bambini. Scattavano chiedendo prima il permesso: “La facciamo una foto al bambino?”. Poi rilasciavano un bigliettino con sopra indicato l’indirizzo dello studio, dove si andava a vedere l'istantanea ed eventualmente ritirare la foto. La mostra di Bebo Cammarata è un omaggio all’epopea dei fotovia e alla loro capacità di fissare nel tempo una documentazione di alto livello sociologico e letterario.

mercoledì 28 settembre 2011

Parte da Catania il tour di "Norma" con la Theodossiou

"Norma" in tutta la Sicilia, provincia dopo provincia, teatro dopo teatro. Prenderà infatti il via da Catania, mercoledì 28 settembre, alle 20 alla Terrazza Ulisse, (viale Ulisse, 10), il tour della maggiore opera belliniana, cuore pulsante dell’“International Bellini and Romantic Opera Festival” che il direttore d’orchestra Alberto Veronesi ha costruito in omaggio al compositore catanese. Protagonisti, il grande soprano greco Dimitra Theodossiou e il tenore coreano Rudy Park.
Il soprano Dimitra Theodossiou
L'allestimento è firmato da Paolo Panizza, le scene realizzate da La Bottega Fantastica, costumi di Valerio Maggioni. Veronesi salirà sul podio di orchestra e coro dell'International Bellini and Romantic Opera Festival, formato per l'occasione da professori d'orchestra e coristi dei maggiori teatri ed enti siciliani. 

martedì 20 settembre 2011

Palermo, strumenti musicali restaurati a Palazzo Mirto

L’assessore ai Beni Culturali Sebastiano Missineo, il dirigente generale del Dipartimento Gesualdo Campo e il direttore della Galleria Interdisciplinare della Sicilia Giovanna Cassata presenteranno, il 21 settembre alle 17,30, presso il Salone del Baldacchino del Museo Regionale di Palazzo Mirto di Palermo, il restauro degli strumenti musicali ivi custoditi, finanziato dall’assessorato ai Beni Culturali della Regione Siciliana.  

L’evento prevede la presentazione del volume di Giovanni Paolo Di Stefano dal titolo "Gli strumenti musicali di Palazzo Mirto: storia, tecnologia, restauro", edito dalla Regione Siciliana. Il testo illustra le peculiarità costruttive e le vicende inerenti la storia dei pregevoli strumenti musicali custoditi presso il museo palermitano. Seguirà la relazione del restauratore Ugo Casiglia che spiegherà nel dettaglio il meticoloso ed articolato intervento conservativo da lui effettuato. 

sabato 17 settembre 2011

A Catania tornano le Giornate Belliniane

Tre grandi concerti, una rassegna cinematografica, una tavola rotonda. Per ricordare il 176° anniversario della morte di Vincenzo Bellini, avvenuta a Puteaux presso Parigi il 23 settembre 1835, il Teatro Massimo Bellini di Catania ripropone le sue Giornate Belliniane, con una serie di appuntamenti che si articoleranno lungo un’intera settimana, dal 21 al 26 settembre prossimi, e che avrà nel tradizionale concerto commemorativo del 23 settembre il suo momento centrale.

Vincenzo Bellini
Le Giornate Belliniane sono state presentate, nel foyer del teatro, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il commissario straordinario dell’Ente Enzo Zappulla, il sovrintendente Rita Gari Cinquegrana e il direttore artistico Will Humburg.

Si comincia mercoledi 21 settembre con la rassegna cinematografica “Bellini e il melodramma”, che si terrà nel Teatro Sangiorgi. Si tratta di un ciclo di film e documentari dedicati al mondo dell’opera, e a Vincenzo Bellini in particolare, che andrà avanti fino a venerdi 23. Ogni mattina, a partire dalle 10, le proiezioni dedicate ai ragazzi delle scuole; al pomeriggio, dalle 17,30, quelle per tutto il pubblico, a ingresso libero. Tra i titoli proposti, il celebre “Casta Diva” del 1935, il film di Carmine Gallone che per la prima volta raccontò sullo schermo le vicende biografiche del Cigno catanese; “Troppo tardi t’ho conosciuta” del 1940 con il tenore catanese Franco Lo Giudice; il recente (2005) “Norma” di Boris Airapetian. La consulenza scientifica è di Nicola Conticello e Franco La Magna.

Riapre il sito archeologico di Vito Soldano

Dopo 50 anni apre le porte al pubblico “Vito Soldano”, sito archeologico di grande interesse per l’archeologia romana in Sicilia, frequentato fino all’avanzata età bizantina. L’area archeologica, posta sulla S.S. 122 che collega Canicattì a Castrofilippo, si accinge così a vivere una nuova stagione di attività culturali e promozionali grazie ad una convenzione stipulata tra l’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana e l’Archeoclub di Canicattì.

Le terme romane di Vito Soldano
L’accordo, che prevede la stretta collaborazione tra la Soprintendenza di Agrigento e l’Archeoclub di Canicattì nella manutenzione e nella gestione dell’area archeologica di Vito Soldano, vuole promuovere la conoscenza del sito, ancora poco noto nell’hinterland, sensibilizzare e diffondere tra i cittadini la cultura della salvaguardia dei beni culturali.

La convenzione ha l’obiettivo dichiarato di rendere fruibile a tutto tondo un sito archeologico che – a torto considerato minore – ha tutte le caratteristiche per trasformarsi in un volano di crescita economica oltre che culturale per Canicattì, potenziando il ruolo attrattivo del territorio.

venerdì 16 settembre 2011

A Ragusa il terzo Meeting delle Arti e della Musica

Dopo le esperienze di Palermo e Catania, L’Arsenale - Federazione Siciliana delle Arti e della Musica, approda a Ragusa Ibla, con il terzo Meeting delle Arti e della Musica, il 23 e 24 settembre, presso i Giardini pubblici Iblei.

Oltre quaranta progetti di musicisti, attori, pittori, fotografi, videomaker e scrittori daranno vita ad un’esperienza alternativa in cui sarà impossibile riconoscere la linea di demarcazione tra musica e reading, teatro e videoproiezioni, su tre palchi intitolati a tre diverse figure che hanno segnato la storia del territorio ragusano: Maria Occhipinti, scrittrice ragusana e leader del movimento antimilitarista “Non si parte”; Serafino Amabile Guastella, antropologo, poeta e attento studioso delle tradizioni popolari siciliane; e Giovanni Spampinato, giornalista ragusano vittima della mafia per aver documentato i rapporti tra l’estrema destra italiana e malavita organizzata locale.

Due giorni di arte e bellezza per mostrare che un altro modo di fare cultura è possibile, che la libertà e la bellezza sono un diritto, e che riappropriarsene è un dovere.

Il cinetismo di Matilde Perez in mostra a Palermo

L’arte cinetica protagonista, dal 16 settembre fino al 16 ottobre, negli spazi dell’ex Cavallerizza di palazzo S.Elia, a Palermo, con la mostra retrospettiva dell’artista cilena Matilde Perez. L’esposizione, promossa dalla Provincia e dall’Ambasciata del Cile in Italia, sarà inaugurata alle 18.30 dal Presidente della Provincia Giovanni Avanti, dall’Ambasciatore del Cile in Italia Oscar Godoy e dal Console Onorario del Cile a Palermo, Vincenzo Chiriaco.

Matilde Perez ha segnato una svolta nel mondo dell’arte moderna internazionale come uno dei principali artefici della nascita del movimento cinetico negli anni ’50. Insieme ad altri noti artisti come Calder, Duchamp, Soto, Tinguely e Vasarely nel 1955 è stata autrice del famoso “Manifesto Giallo”, che segnò la nascita di un linguaggio cinetico figurativo, basato sulla disposizione e la riproduzione in serie di figure geometriche con colori complementari diversi. 

"Botta di Sale", la Sicilia raccontata dal mare

È Marsala l’ultima tappa dell’itinerario di viaggio “Botta di Sale” che la Fondazione Palazzo Intelligente ha intrapreso a bordo dello storico rimorchiatore Liberty Tug. Venerdì 16 alle ore 12 al porto di Marsala, prolungamento banchina curvilinea, a bordo del Liberty Tug, sede operativa della Fondazione, si conclude il progetto finanziato dall'Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo all’interno del progetto Mare e Miniere di Mare.

Il rimorchiatore "Liberty Tug"
Relatori Marco Salerno, dirigente generale Assessorato al Turismo, Tetsuro Akanegakubo, inviato economico per l’Italia di numerose testate giapponesi, Gaetano Basile, storico ed esperto di tradizioni popolari siciliane, l’artista Suisse Marocaine, Guido Agnello presidente di Palazzo Intelligente, Lorenzo Carini Sindaco del Comune di Marsala e Roberto Albergoni, Segretario Generale Herimed, esperto di progettazione e sviluppo territoriale.

giovedì 15 settembre 2011

Alle FAM una mostra per il gallerista Nino Soldano

È dedicata all’avventura milanese di un celebre gallerista di origine siciliana, Nino Soldano, la prossima esposizione delle FAM di Agrigento, la galleria d’arte moderna delle Fabbriche Chiaramontane gestita dagli Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento. S’intitola “Vite da gallerista. Nino Soldano” è curata da Marco Meneguzzo, che per le FAM ha firmato le ricognizioni attraverso l’Astrattismo (Astrazione Siciliana, 2010) e l’Arte Concettuale (Sulla Parola, 2011) ed è in programma da sabato 17 settembre al 13 novembre. Ingresso libero.

All’inaugurazione, fissata per le ore 19 di sabato, interverranno insieme al protagonista anche alcuni artisti come Claudio Verna, Elio Marchegiani, Fernando De Filippi, Umberto Mariani.

Per la prima volta le FAM si occupano di una figura professionale fondamentale nel sistema dell’arte: quella del gallerista. Una mostra-pilota che ne germinerà altre nelle prossime stagioni facendone una sorta di appuntamento fisso.

I dipinti murali di Pompei esposti a Buccheri

Un incontro simbolico tra due civiltà vulcaniche, quella del borgo montano di Buccheri, che si adagia sul Monte Lauro, non più attivo oramai, e quella dell’affascinante e celebre Pompei alle pendici del Vesuvio. Questo il messaggio che intende lanciare al pubblico la mostra sull’esclusiva collezione dei “Dipinti Murali di Pompei”, allestita nel paese siracusano fino a domenica 25 settembre 2011, presso la “Casa Museo”, in via Matteotti.

Therme stabiane (1850)
Non è un caso che il proprietario delle tavole sia quindi un campano trapiantato in Sicilia, nel borgo buccherese, Francesco De Martino, che per un caso fortuito anni fa venne in possesso di un raro volume che oggi ci tramanda queste splendide testimonianze archeologiche.

I dipinti esposti nella mostra riproducono infatti le tavole cromolitografiche contenute in questo magnifico libro di grande formato, edito da Richter & C. e pubblicato verosimilmente dopo la scoperta archeologica di Pompei, avvenuta tra il diciottesimo e il diciannovesimo secolo. Le 20 tavole vennero incise da Vincenzo Loria e “fotografano” con accuratezza e assoluta fedeltà la vivacità e la potenza dei colori originali degli affreschi di Pompei così come si presentavano al momento della loro scoperta e come oggi noi non potremo mai più ammirare.

"Arcana", musica e misteri con la Sinfonica Siciliana

Sette concerti a sera per tre giorni consecutivi: “Arcana, Musica e misteri”, la kermesse musicale dell’Orchestra Sinfonica Siciliana in programma dal 15 al 17 settembre, porta la musica nelle piazze di una Palermo dai mondi segreti popolati da simboli, formule alchemiche e antichi misteri. 

La manifestazione si svolgerà in diverse location: Piazza Pretoria, il giardino della Cattedrale, il corso Vittorio Emanuele, i Quattro Canti e Piazza Bellini; per l’occasione, la circolazione stradale subirà le relative modifiche nelle sedi interessate, così come previsto dall’ordinanza comunale n.150/OD, con chiusura al traffico dalle ore 20.00 alle ore 24.00. 

Arcana è realizzata in collaborazione con i musicisti del Conservatorio V. Bellini di Palermo con i quali, ogni sera, dalle 21,30 alle 24,00, saranno eseguiti concerti sinfonici, corali e cameristici. Numerosi sono i compositori coinvolti in questo arcano viaggio: da Mozart a Bach, da Salieri a Pergolesi, da Albinoni a Corelli e Vivaldi, passando per la Francia di Couperin e Rameau e per l’Inghilterra di Byrd, Morley. 

venerdì 2 settembre 2011

Valderice, Moni Ovadia alle “Officine Mediterranee”

Ha preso il via ieri la prima edizione di "OM – Officine Mediterranee – Sentieri di Teatro, Danza, Musica e Parole dei popoli del Mediterraneo", negli spazi della pineta e dell’Anfiteatro San Barnaba di Valderice, in provincia di Trapani, punto estremo della Sicilia occidentale e spazio millenario dalle infinite suggestioni.

Moni Ovadia
L’evento si presenta come uno spazio esclusivo dedicato al Teatro, alla Danza, alla Musica e alle parole del Mediterraneo, proponendosi il traguardo della contaminazione di diversi linguaggi artistici e di diverse culture (Algeria, Marocco). 

Oggi, 2 settembre, appuntamento clou con il workshop, alle ore 18.30, nella piazza della pineta San Barnaba condotto da Vittorio Corradino, presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, che intervisterà Moni Ovadia, attore teatrale, drammaturgo, scrittore, compositore e cantante italiano sul tema “Il Meticciato come risorsa” e Nino Buttita, intellettuale siciliano e grande protagonista della Fondazione Ignazio Buttitta in “Noi siciliani tutti figli di buttana”. Alle ore 20.30, nella piazza della pineta, continuerà l’appuntamento con la gastronomia mediterranea con “A cena con l’artista”

giovedì 1 settembre 2011

"Maremagnum", artisti in mostra da Filicudi a Palermo

Al Loggiato San Bartolomeo di Palermo, si apre, venerdì 2 settembre, alle 18.30, la mostra collettiva “Maremagnum”, promossa dalla Provincia, con il contributo dell’assessorato Regionale al Turismo e con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura della Provincia di Messina e del Comune di Lipari. Ad inaugurare l’esposizione saranno il presidente della Provincia Giovanni Avanti, con l’assessore provinciale alla Cultura e ai Ceni culturali Pietro Vazzana; interverrà la curatrice Daniela Brignone. 

"L'arbre de vie" di Jacques Basler
“Maremagnum” raccoglie le opere di 17 artisti, italiani e non, che ogni due anni, dal 1996, si incontrano a Filicudi ed espongono nella “più piccola” Biennale d’arte del Mediterraneo, dando vita da un evento ormai consolidato che tradizionalmente riunisce appassionati, addetti ai lavori, galleristi e personaggi del mondo della cultura provenienti da tutta Europa, complice un’atmosfera di grande fascino e suggestione. L’allestimento comprende sculture, pitture, ceramiche, opere di design e fotografia e costituirà una curiosa anteprima della prossima edizione della Biennale. 

Saranno presenti opere di Maria Vittoria Backhaus, Jacques Basler, Emilio Battisti, Maria Camassa, Marcel Cordeiro, Johnny Dell’Orto, Gaia Geneston, Marina Klemente, Ugo La Pietra, Eliana Maria Lorena, Franco Menna, Melo Minnella, Francesca Mosconi, Umberto Passeretti, Francesco Pessina, Aurelia Raffo e Franco Raggi.