sabato 28 settembre 2013

Le sculture di Louise Nevelson in mostra a Catania

Conclusasi con grande successo il 21 luglio a Roma, la mostra dedicata a Louise Nevelson approda negli spazi espositivi della Fondazione Puglisi Cosentino a Catania, dal 28 settembre 2013 al 19 gennaio 2104.

Nevelson, allestimento in corso
Sullo sfondo foto di Pedro E. Gurrero (foto Melamedia)
Fortemente voluta, ideata e realizzata dalla Fondazione Roma - Mediterraneo e organizzata da Civita Sicilia, l'esposizione è realizzata con il patrocinio dell'Ambasciata Americana - in collaborazione con la Nevelson Foundation di Philadelphia e la Fondazione Marconi di Milano - e ospitata dalla Fondazione Puglisi Cosentino. Ingresso gratuito.

La retrospettiva, a cura di Bruno Corà, annovera oltre 70 opere della scultrice americana di origine russa Louise Berliawsky Nevelson (Pereyaslav-Kiev, 1899; New York, 1988), e narra il contributo che l'artista ha dato allo sviluppo della nozione plastica: nella scultura del secolo scorso la sua opera occupa un posto di particolare rilievo, collocandosi tra quelle esperienze che, dopo le avanguardie storiche del Futurismo e del Dada, hanno fatto uso assiduo del recupero dell'oggetto e del frammento con intenti compositivi. La pratica dell'impiego di materiali e oggetti nell'opera d'arte, portata a qualità linguistica significante da Picasso, Duchamp, Schwitters e altri scultori, nonché l'assemblage - spesso presente anche nell'elaborazione della scultura africana - esercitano una sensibile influenza sin dagli esordi dell'attività della giovane artista, che emigra con la famiglia negli U.S.A nel 1905, stabilendosi a Rockland nel Maine.

Marsala, visita notturna alla mostra di Olivieri e Verna

Anche la Pinacoteca di Marsala aderisce alla manifestazione nazionale "Una notte al Museo" indetta dal Mibac (Ministero dei Beni Culturali) per stasera, sabato 28 settembre, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio.

La mostra “Olivieri/Verna. In Parallelo” a cura di Sergio Troisi - e in programma al Convento del Carmine di Marsala fino al 27 ottobre - sarà quindi visitabile eccezionalmente dalle 18 alle 24 e l’ingresso sarà gratuito.

In mostra sono oltre quaranta opere selezionate dal curatore, lo storico e critico d’arte Sergio Troisi, per un viaggio “parallelo” lungo mezzo secolo fra due grandi interpreti della Pittura Analiticaitaliana: Claudio Olivieri (1934) e Claudio Verna (1937).

“Fra punteggiature e contrappunti – ha spiegato Troisi nel documentare l’indagine che al Convento del Carmine apre un nuovo corso in direzione dell’arte contemporanea - appaiono alcuni nodi della pittura del Novecento: l’oscillazione tra memoria e utopia, per esempio, o tra il rigore costruttivo della geometria e il pulsare (contratto, dilatato) del colore e della luce. Temi cruciali diversamente declinati da Olivieri e Verna, talvolta addirittura da posizioni divaricate”.

Alla mostra “Olivieri/Verna. In Parallelo” è dedicato un catalogo (Silvana Editoriale) con il saggio critico del curatore.

Omer Meir Wellber torna sul podio del Teatro Massimo

Riprende la Stagione concertistica 2013 del Teatro Massimo di Palermo con uno dei più attesi direttori dell'anno, l'israeliano Omer Meir Wellber, già apprezzato a Palermo nella Stagione 2011 e 2012. Ospite al suo fianco un altro straordinario talento dei nostri giorni, il pianista Alexander Melnikov.

Omer Meir Wellber
Il programma è dedicato a due compositori russi, Sergej Prokof'ev e Petr Il’ič Čajkovskij. Del primo si eseguiranno le giovanili Due liriche per coro femminile e orchestra op. 7 mentre di Čajkovskij due pagine famosissime il Concerto n. 1 in Si bemolle minore op. 23 per pianoforte e orchestra e, nella seconda parte, la Sinfonia n. 6 in Si minore op. 74 “Patetica”. Il coro femminile del Teatro Massimo impegnato nella pagina di Prokof'ev è diretto da Piero Monti.

Memore di melodie popolari e lontana dal modernismo della maturità, l'opus 7 di Prokof'ev fu eseguita per la prima volta nel 1910. I due testi (“Il cigno bianco” e “L'onda”) sono su versi di Konstantin Bal'mont, celebre poeta simbolista russo, intonati da un coro femminile.

Teatro Biondo, Roberto Alajmo nuovo direttore artistico

Il Consiglio di Amministrazione del Teatro Biondo di Palermo ieri ha nominato il nuovo direttore artistico. Si tratta del giornalista e scrittore palermitano Roberto Alajmo che sarà affiancato da Emma Dante, artista in residenza.  

Roberto Alajmo
L’amministrazione comunale attraverso il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla Cultura Francesco Giambrone, esprime apprezzamento per la scelta effettuata dal Cda dello Stabile e anche “grande soddisfazione per il cambio di direzione del Teatro Biondo”. 

“Le nomine – dicono Orlando e Giambrone – sono cadute su due personalità palermitane di spessore internazionale che daranno segnali di grande apertura ed elementi importanti di innovazione allo Stabile, recuperando il naturale rapporto con la città e quello con i grandi teatri internazionali che mancava da molto tempo. Siamo certi del lavoro proficuo che verrà effettuato da Roberto Alajmo e siamo felici per il riconoscimento dato a Emma Dante che assicurerà una fase nuova all’interno del teatro Stabile che sarà suo luogo di residenza per le produzioni più importanti. Ad entrambi – concludono Orlando e Giambrone – gli auguri dell’intera Amministrazione certi che il nuovo corso del Teatro accompagnerà la città nell’importante percorso alla candidatura a Capitale Europea della Cultura”.

Patrimoni Unesco, passi avanti per Cefalù e Monreale

Il sindaco di Cefalù ha partecipato alla riunione operativa per l’iscrizione dell’itinerario “Palermo Arabo – Normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale” nella lista Unesco dei siti Patrimonio dell’Umanità. Ieri, al Villino Florio di Palermo, si è svolta una riunione operativa per l’iscrizione dell’itinerario nella lista Unesco. 

Il duomo di Cefalù
All’incontro hanno partecipato i primi cittadini di Cefalù, Rosario Lapunzina, di Monreale, Filippo Di Matteo, di Palermo, Leoluca Orlando, il direttore della Fondazione Patrimonio Unesco Sicilia oltre ad alcuni rappresentanti del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e delle altre parti che fanno parte del Comitato Tecnico Istituzionale.

Gli intervenuti hanno convenuto sul fatto che il Comitato Tecnico Istituzionale porrà in essere tutti gli atti necessari al raggiungimento dell’obiettivo per il quale è stato costituito, ispirandosi ai principi di reciproca solidarietà tra i territori interessati, relativamente al Patrimonio culturale e monumentale di Palermo, Cefalù e Monreale e perseguendo obiettivi di sviluppo della conoscenza e di tutela del patrimonio culturale, di promozione e valorizzazione turistica e di sviluppo socio economico.

mercoledì 25 settembre 2013

Palermo, presentato il rapporto Federculture 2013

Partecipando oggi alla presentazione del rapporto annuale di Federculture, il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore alla Cultura Francesco Giambrone hanno sottolineato "la netta inversione di tendenza innescata da questa amministrazione comunale rispetto al passato: nel 2011 la spesa per la cultura era stata pari ad appena lo 0,6% del bilancio comunale e già ora è raddoppiata arrivando al 1,2 con l'obiettivo di raggiungere entro il 2019 la media nazionale, che è il 3%".

Piazza Pretoria a Palermo
"Questa amministrazione ha fatto la chiara scelta politica di investire sulla cultura e sulle politiche culturali come strategia di governo della città, che è sì confermata dalla candidatura a Capitale Europea, ma è testimoniata da tanti atti concreti, piccoli e grandi volti a rimettere in moto un percorso di sviluppo che valorizzi il nostro patrimonio e la nostra tradizione mettendone a frutto le enormi potenzialità".

venerdì 20 settembre 2013

Palermo 2019, pronto il dossier per la candidatura

La Candidatura di Palermo a Capitale Europea della Cultura 2019 ha tagliato l’ultimo traguardo. Ieri pomeriggio la giunta ha esaminato il dossier di candidatura e ha deliberato l’atto che autorizza la presentazione della candidatura al Ministero dei Beni Culturali. Oggi il dossier verrà formalmente depositato a Roma presso la sede del Ministero. 

È stato anche deciso che entro la fine della prossima settimana il dossier che candida Palermo a Capitale Europea della Cultura 2019 verrà presentato alla stampa e alla intera città nel corso di una Assemblea cittadina pubblica che sarà un altro grande momento di partecipazione civica attorno al progetto di candidatura. 

“Oggi è un giorno storico per la città di Palermo – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – e per l’amministrazione. La presentazione del dossier per la candidatura a Capitale Europea 2019 rappresenta un passo importantissimo, se non decisivo, per un cambiamento profondo del nostro territorio. La presentazione del dossier è solo il primo traguardo, adesso bisognerà raggiungere l’obiettivo finale attraverso un ancor più appassionato lavoro partecipativo che ci consentirà di essere ancora più orgogliosi della nostra palermitanità”. 

La Sinfonica Siciliana cerca voci bianche

Al via la selezione per integrare il coro di voci bianche dell’Orchestra Sinfonica Siciliana per la Stagione artistica 2013-2014, che si svolgerà al Politeama Garibaldi di Palermo giovedì 10 ottobre 2013, a partire dalle ore 15.00 e riservata ai nati/e tra l’1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2005. 

La domanda di iscrizione - scaricabile dal sito della Fondazione (QUI IL LINK) o a disposizione in portineria al Teatro - dovrà pervenire (per posta, per fax, per mail o consegnata a mano) entro lunedì 7 ottobre 2013, completa dei dati anagrafici del candidato/a, di indirizzo, numero telefonico e cellulare, di breve curriculum indicante eventuali studi musicali e di canto, e dovrà inoltre essere firmata da entrambi i genitori o da chi esercita la patria potestà. 

Le prove di selezione consisteranno in esercizi per le caratteristiche vocali, esercizi d’intonazione ed esercizi di capacità musicale e ritmica. L’elenco degli ammessi alla selezione sarà affisso nella bacheca della Fondazione mercoledì 9 ottobre 2013 e vale come attestazione di convocazione. Per altre informazioni: tel. 091 6759524 (ore 9/14), Fax 091 581875, email: info@orchestrasinfonicasiciliana.it, www.orchestrasinfonicasiciliana.it.

Cous Cous Fest: musica con De Gregori e Gazzè

Francesco De Gregori, Max Gazzè e i Sud Sound System sono alcuni degli artisti che si esibiranno gratuitamente in occasione del Cous Cous Fest, il Festival internazionale dell’integrazione culturale, la cui 16\esima edizione è in programma da martedì 24 a domenica 29 settembre prossimi a San Vito Lo Capo (Trapani).

Francesco De Gregori
La manifestazione è organizzata dal Comune di San Vito Lo Capo in collaborazione con l’agenzia di comunicazione Feedback ed è finanziata dai main sponsor Bia Italia Spa, Electrolux Professional, Gruppo Campari Aperol Spritz e Conad. Il programma della rassegna, che promuove l'integrazione e il confronto tra paesi dell’area euro-mediterranea e non solo attraverso il cous cous, piatto della pace comune a moltissime culture, ogni sera dà spazio alla musica. 

Ad aprire il programma del Cous Cous Live Show, il programma musicale del Festival, sarà, martedì 24 settembre, alle 22.30, un colosso della musica italiana, Francesco De Gregori. Con quaranta anni di carriera alle spalle, De Gregori è ancora on the road, sui palchi, a incantare. A San Vito Lo Capo si potranno cantare a squarciagola i suoi grandi successi degli anni Settanta, da Alice a Rimmel, da Buonanotte fiorellino a Pablo fino a Generale, ma anche i brani dell'ultimo album Sulla strada, disco d’oro dopo pochi mesi.

martedì 17 settembre 2013

"Sul mare luccica" a Cefalù, tra cinema, teatro e musica

Sulla scia del cinquantesimo compleanno del famoso film di Visconti, si srotola la VII edizione de “Il mare luccica”, il cartellone ideato da Angelo Butera e promosso dall’assessorato regionale al Turismo e dal Comune di Cefalù, che si svolge in diversi spazi della cittadina normanna fino al 22 settembre.

Una scena di "Lighea"
Mercoledì sera (18 settembre) alle 18 a Porta Pescara, “Lighea”: uno dei racconti più belli e intriganti di Tomasi di Lampedusa sarà letto e drammatizzato da Patrizia D'Antona sul sax di Rita Collura

“Un racconto d’amore e di mare – spiegano le due artiste – che racconta l’innamoramento di uno studioso di greco antico per un’immortale sirena, una storia fantastica e straordinaria ma non per questo meno probabile di tante umane avventure. Con 'Lighea' ci riappropriamo delle nostre origini arcaiche, di quello spazio senza tempo dove l’uomo regna in perfetta armonia con la natura per approdare alla misteriosa sponda dell’esistenza in cui reale e immaginario, visibile e magico si fondono in un’unica percezione della realtà. La profonda conoscenza di Tomasi del mondo mitologico, la sua capacità visionaria, rendono credibile ogni parola del suo racconto: rimanere mortali, godere dei piaceri sensuali della vita e nello stesso tempo superare i limiti del corpo per entrare, come dice Lighea 'nelle profondità delle acque dove tutto è silenziosa quiete tanto connaturata che chi la possiede non l’avverte neppure'".

"Il barbiere di Siviglia" torna al Teatro Massimo

Martedì 17 settembre riprende la Stagione 2013 del Teatro Massimo di Palermo con uno spettacolo fra i più apprezzati degli ultimi anni: "Il barbiere di Siviglia" di Gioachino Rossini nell'allestimento prodotto dal Teatro palermitano nel 2010 e basato sui luminosi colori di Siviglia e della Spagna – il rosso, il giallo, il blu, il bianco – firmato dal regista Francesco Micheli e ripreso adesso da Alberto Cavallotti. Le scene sono di Angelo Canu, i costumi di Marja Hoffmann e le luci di Fiammetta Baldiserri.

Una scena dello spettacolo (Foto: Lannino)
Capolavoro di modernità su libretto di Cesare Sterbini da una pièce di Beaumarchais, l'opera fu scritta da Rossini in poche settimane per debuttare al Teatro Argentina di Roma nel carnevale del 1816: la prima fu un “fiasco organizzato”, mentre dalle prime repliche a oggi l'opera non è mai uscita dal repertorio dei teatri, cosa non comune a tutti i titoli. La prima a Palermo è immediata nel 1816, l'ultima – dopo oltre ottanta edizioni – al Teatro Massimo nel 2010. L'argomento è noto a tutti: una storia d'amore che inizia con una serenata al chiaro di luna, una commedia brillante in cui un Conte si allea con un Barbiere e la freschezza giovanile ha il sopravvento sul cinismo dei più anziani.

A Palermo una mostra dedicata a Daniele Schmiedt

Si è inaugurata ieri, presso la Fondazione Sant'Elia a Palermo, la mostra “Da Schmiedt a Schmiedt, tra intimismo ed impegno”, curato da Anna Maria Ruta e Gioacchino Barbera. Inserita nell’ambito della Settimana delle culture, l'esposizione presenta le opere del pittore siciliano (Palermo 16 gennaio 1888 - Messina 4 dicembre 1954) dal cognome boemo, protagonista indiscusso del panorama artistico italiano del primo Novecento. 

Daniele Schmiedt svolge la sua attività creativa in un momento storico assai difficile ma ricco di fermenti culturali. L'intera produzione è attraversata da una luce di malinconia, rivelatrice di tutto il dramma di un’epoca tormentata che lo conduce verso un lavoro impregnato di serietà morale ed impegno sociale. Il tema del mondo del lavoro, i paesaggi peloritani sconfinati, le vedute urbane da fine del mondo in cui è assente la presenza umana, colgono elementi di disfacimento e sconforto pur nelle vivaci scelte cromatiche. Ed anche le nature morte, l'interesse per le figure femminili (madri, figlie, prostitute, lavoratrici, giovani e anziane) - immagini inedite per la pittura italiana di quegli anni - i nudi ed i ritratti sono colmi di solitudine, di disperazione, di fame causata dalla guerra. 

La mostra mette in luce la capacità scarna ed essenziale di Schmiedt di usare colori corposi e codici pittorici rielaborati, coniugando la ricerca figurativa tipica dell’arte pittorica del tempo, con la lezione impressionista, con il realismo ottocentesco e con il movimento sarfattiano (Bucci, Drudeville, Sironi, Funi, Oppi, Malerba, Marussig). 

Brass Group Palermo, boom d'iscritti alla scuola di jazz

Nonostante la crisi legata alla mancanza di fondi e la conseguente paventata chiusura, la scuola di jazz della Fondazione The Brass Group di Palermo continua a mietere successi internazionali e ad aumentare i propri iscritti. Infatti, tra pochi giorni, Gianluca Pellerito, uno degli ultimi allievi del Brass, affermatisi in tutto il mondo, presenterà il suo ultimo album. E solo un mese fa, Gabriele Gallo, allievo della classe di pianoforte di Bepi Garsia, ha debuttato, a soli 11 anni, alla Carnegie Hall di New York.

Anche per queste ragioni, le iscrizioni ai corsi di musica - che prevedono lo studio di uno strumento a scelta, del solfeggio e della storia del jazz – sono, infatti, in aumento. Dall'inizio di settembre ad oggi c'è stato un sensibile incremento del 27 per cento rispetto all'anno scorso, in cui gli iscritti alla scuola sono stati oltre duecento. Per frequentare i corsi, a partire dal prossimo ottobre, c'è ancora tempo ad iscriversi sino al 30 settembre 2013. Poiché la Scuola di Musica del Brass è sempre aperta a tutti, senza limiti di età e di cultura, è possibile iscriversi, comunque, durante tutto l’anno accademico. Da ottobre a maggio.

domenica 15 settembre 2013

Presentata la stagione 2014 del Teatro Massimo

Da Emma Dante a Desiree Rancatore ed Eleonora Abbagnato e ancora Gabriele Ferro, Francesco Zito e Vincenzo Taormina: la stagione di opere e balletti 2014 del Teatro Massimo di Palermo avrà un forte accento palermitano, con tre nuove produzioni interne sui nove titoli proposti. Si presenta così al pubblico il nuovo anno musicale del teatro palermitano pensato dal commissario straordinario del Massimo, il prefetto Fabio Carapezza Guttuso, e dai consulenti artistici Lorenzo Amato ed Eytan Pessen.

Fabio Carapezza Guttuso, Emma Dante e Gabriele Ferro
Tra le novità di quest'anno, anche un caffè letterario fruibile dall'esterno. La gara per l'affidamento della gestione scadrà il prossimo 30 settembre. "Grazie al nuovo piano artistico e gestionale e all'impegno collettivo di tutti i lavoratori - dichiara Carapezza Guttuso - il Teatro Massimo oggi puo' presentare nel dettaglio il programma del 2014, un programma che comprende un'ampia parentesi storica del repertorio operistico, da Mozart a Strauss, passando per Bellini, Donizetti e gli immancabili Verdi e Puccini, e due classici della danza, 'Romeo e Giulietta' e 'Carmen', opere e balletti messi in scena con artisti di rilievo internazionale e allestimenti che faranno scoprire al pubblico anche nuove letture di grandi classici, come nel caso di 'Norma', o la sontuosità della tradizione italiana nel caso di 'Tosca'". Rinnovo abbonamenti dal 14 settembre al 6 ottobre 2013, nuovi abbonamenti dal 13 ottobre al 17 novembre 2013.

giovedì 12 settembre 2013

Palermo, concorso per il recupero dei Cantieri alla Zisa

Un concorso internazionale di idee per cambiare il volto delle aree ancora da valorizzare all’interno dei Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo: è questa la novità contenuta nella delibera n.147 della giunta comunale. 

Tre i temi sui quali verterà il concorso: 1) Riqualificazione a livello urbano e relazioni tra l’area e il suo tessuto circostante; 2) Architetture e programma di uso degli spazi; 3) Spazi aperti, accessi, piazze a giardini. Sarà su queste direttive principali che potranno spaziare le idee dei partecipanti al concorso, il cui bando sarà reso pubblico entro il 31 dicembre 2013. 

“Saranno i cittadini, residenti a Palermo e non – spiega il sindaco Leoluca Orlando – a dare nuova linfa vitale a quello che abbiamo immaginato e ribattezzato come ‘Polo della Contemporaneità.”. “Dopo l’apertura dello Zac – prosegue l’assessore alla Cultura, Francesco Giambrone – del cinema Vittorio De Seta, della sala Michele Perriera e delle otto botteghe/laboratorio, puntiamo al recupero di tutta l’ex area industriale Ducrot che sempre più si afferma come il Polo della Cultura partecipata nella nostra città”.

lunedì 9 settembre 2013

Mario Incudine presenta il nuovo video a Caltavuturo

Un lungo filo colorato unisce le anime, le lega e le trasporta l’una tra le braccia dell’altra, riscalda le serate invernali e si trasforma in un fiume di tenerezza. È questo il soggetto del videoclip de “Li Culura”, il brano di Mario Incudine, che verrà presentato in anteprima al pubblico oggi, lunedì 9 settembre, alle 18 nella sala-teatro “Calogero Zuccato” del museo civico “Don Giuseppe Guarnieri” di Caltavuturo (Palermo). L’ingresso è libero. Alle 21.30 in piazza San Francesco seguirà il concerto del cantautore ennese e della sua band.

Mario Incudine e la sua band
Il lavoro, girato proprio a Caltavuturo, è firmato dal giovane regista ennese Davide Vigore (che è anche autore del soggetto e della sceneggiatura) ed è stato finanziato dal comune di Caltavuturo e dall’Ente Parco delle Madonie. "Una location d’eccezione – commenta Mario Incudine – il paese dell’entroterra siciliano che si affaccia su uno dei panorami più suggestivi di tutta l’Isola è stato scelto per la sua bellezza poco frequentata dalle rotte turistiche e dagli stessi siciliani. Abbiamo girato d’inverno, quando Caltavuturo svela la sua vocazione più vera, in un’atmosfera resa ancor più magica dal coinvolgimento entusiastico di tutta la gente del posto". 

Palermo 2019, l'appello di Moni Ovadia

Una scommessa tra provocazione, utopia e manifesto programmatico. Questo, e non solo, è la candidatura di Palermo a Capitale europea della cultura per il 2019. Un obiettivo perseguito da un gruppo sempre più numeroso di professionisti, uomini delle istituzioni e semplici cittadini. Per questo, la Triquetra vuole dare spazio all'appello lanciato da Moni Ovadia e Simonetta Agnello Hornby, che ha già raccolto le prime adesioni. Ecco il testo completo.

Moni Ovadia
Tutte le città italiane che hanno avanzato la loro candidatura a Capitale europea della cultura per il 2019 hanno indiscussi titoli sul piano della ricchezza artistica e dell'eredità culturale, nel senso comune che si dà a questi retaggi. Palermo, da questo punto di vista, non è seconda a nessun’altra città dello stivale per i suoi splendori d'arte e per la maestà delle sue architetture. Ma c'è un primato indiscusso che la capitale siciliana vanta: la sua collocazione. 

Palermo è una capitale europea nel cuore dell’area mediterraneo-mediorientale ed è capitale mediterraneo-mediorientale nel cuore dell'Europa. La sua collocazione non è solo e non è tanto geografica e spaziale ma intima fibra ideale, culturale e identitaria. La sua prodigiosa storia di convivenze, di meticciati, di incontri e di fertilizzazioni non è solo una fondamentale eredità di un glorioso passato ma pulsa nel suo essere contemporaneo e nell'emergenza del suo futuro. Palermo ha accolto e accoglie tutti e metabolizza le trasformazioni rimanendo se stessa. 


sabato 7 settembre 2013

Palermo si prepara alla "Settimana delle Culture"

Fotografia, danza, teatro, passeggiate letterarie, musica, cibo di strada, attività per bambini, visite guidate, opera dei pupi, mostre, conferenze, reading, installazioni, sport e molto altro ancora. C’è tutto questo nella "Settimana delle Culture", a Palermo dal 16 al 22 settembre. Ideata, promossa e organizzata dal Comitato "Insieme per Palermo", con la collaborazione dell’assessorato alla Cultura del Comune e la partecipazione di decine di partner pubblici e privati, a supporto della candidatura di Palermo a Capitale Europea della Cultura 2019.  

Per sette giorni l’intera città sarà teatro di questa grande iniziativa, con centinaia di eventi dislocati in vari luoghi e con una “cittadella della cultura”, allestita ai Cantieri Culturali alla Zisa. Un’occasione per sottolineare il ruolo di una città in cui convivono culture e realtà differenti in un mosaico che è ponte fra tradizione e futuro. Un programma ricco di iniziative, che intende rilanciare Palermo come luogo d’incontro di mille culture e identità.  

La "Settimana delle Culture" è stata presentata dalla presidente del Comitato "Insieme per Palermo", Gabriella Renier Filippone, dal Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e dall’assessore alla Cultura del Comune, Francesco Giambrone. Presente anche il sindaco di Monreale, Filippo Di Matteo.  Nella "Settimana delle culture" sarà coinvolta, in pratica, tutta la città: sono tantissime, infatti, le iniziative in programma, dislocate in decine di spazi, nel centro storico ma anche in periferia.  

Balloon Project, a Favara lo spazio urbano si fa arte

Si conclude questa sera, sabato 7 settembre, il progetto di residenza presso Farm Cultural Park, a Favara, di Balloon Contemporary Art, Communication, Curating Art & Publishing Projects (Giuseppe Mendolia Calella, Fabrizio Cosenza, Giulia Crisci, Salvatore Davì insieme agli artisti Luca Cinquemani, Carmelo Nicotra, Vanessa Alessi e Lisa Wade con il supporto di Luca Brucculeri).

Alle ore 20.30 presso i sette cortili, verranno presentati i primi risultati della ricerca, esposti e visibili all’interno della project room. La ricerca si concentra sui flussi interni ed esterni alla città e sugli effetti che essi producono su identità e luoghi, modificandone assetto, percezione e uso. Partendo da una raccolta collettiva di materiale, si è innescato un processo relazionale che a partire dal gruppo si è esteso al territorio.

Al via la terza edizione del Termini Folk Festival

Tutto pronto a Termini Imerese per la terza edizione del Termini Folk Festival, appuntamento con la cultura popolare divenuto un punto di riferimento per la nuova musica folk italiana. Ospite d’onore Ambrogio Sparagna, alfiere della musica popolare italiana nel mondo. E per la prima volta, spazio alle band di matrice folk isolane con una serata loro dedicata, il Termini Folk Contest, e spettacolo di “Cunti e canti” di Mimmo Minà. 

Ambrogio Sparagna
Via alle iscrizioni, intanto, ai laboratori gratuiti di tamburello, danza popolare e canto popolare che si terranno il 14 e 15 settembre (scrivere a info@terminidamuri.it, o chiamare il 389.8932759). E all’interno della rassegna, degustazioni, fiera dell’artigianato e raduno di auto storiche. 

La terza edizione del Termini Folk Festival, diretta come le due precedenti dal cantautore Mario Incudine, è resa possibile dalla collaborazione tra l’associazione “Termini d’Amuri” presieduta da Mauro Marino e il comune di Termini Imerese con in testa il sindaco Salvatore Burrafato e l’assessore alla Cultura Noemi Virzì e al media partner Radio Time. 

SiciliAntica: a spasso tra Gangi e le Gole di Tiberio

Nell’ambito dell’Operazione conoscenza l’Associazione SiciliAntica organizza per domenica 8 settembre una visita guidata alle Gole di Tiberio e a Gangi. La partenza è prevista alle 8 da Palermo (Piazzale Giotto-Lennon) e alle ore 8,30 da Termini Imerese (Piazza S. Antonio).

Le Gole di Tiberio
In territorio di San Mauro Castelverde, attraversando l’antico borgo rurale di Tiberio, e percorrendo un sentiero costituito da circa 400 gradini, si raggiungere il greto del fiume Pollina. Visita guidata alle Gole di Tiberio, uno dei siti Geoparks Network riconosciuto dall’Unesco per le sue valenze geologiche. Uniche in tutto il comprensorio madonita, profondamente incise nel tempo dalle impetuose acque del fiume, esse costituiscono un ambiente di straordinario impatto paesaggistico e di notevole interesse naturalistico. 

Le Gole nacquero nel triassico superiore, circa 200 milioni di anni fa. Nei pressi del letto del fiume vegetano oleandri, euforbie, salici, giunchi e canne. Alle ore 13,00 è previsto il pranzo all’Agriturismo Casalvecchio.

venerdì 6 settembre 2013

Sinfonica Siciliana, arriva l'intesa: approvato il bilancio

Raggiunta l’intesa sull’accordo aziendale tra le organizzazioni sindacali dell’Orchestra Sinfonica Siciliana – SLC CGIL, FISTEL CISL, UIL COM e FIALS – e il Commissario straordinario della Fondazione Gianni Silvia. L’intesa consente di sbloccare un’impasse amministrativa che durava da alcuni mesi e di chiudere il bilancio in pareggio, con una riduzione del costo del lavoro di un milione e 290 mila euro. 

Presenti alla firma anche il sovrintendente Francesco Guttadauro e l’assessore regionale al Turismo Michela Stancheris alla quale le OO.SS. hanno chiesto la sottoscrizione di un protocollo d’intesa di impegno politico, a fronte dei sacrifici economici messi sul tavolo dai lavoratori. Sono questi ultimi, infatti, a garantire il proseguimento delle attività della Fondazione rinunciando al 15 per cento delle loro retribuzioni. 

martedì 3 settembre 2013

Sinfonica Siciliana, Guttadauro nominato sovrintendente

Francesco Guttadauro, ingegnere palermitano cinquantaseienne con esperienza in ambito aziendale presso diverse realtà italiane e cultore di musica classica – già consigliere di amministrazione della Fondazione come membro designato dal Comune di Palermo – è il nuovo Sovrintendente dell’Orchestra Sinfonica Siciliana. 

Francesco Guttadauro
La nomina è stata annunciata questa mattina dal commissario straordinario Gianni Silvia. Guttadauro svolgerà il suo incarico a titolo gratuito fino all’approvazione ufficiale del Bilancio preventivo 2013 e, subito dopo, eserciterà il mandato dietro compenso minimo fino alla data di scadenza del commissariamento. La nomina del sovrintendente consente alla Fondazione di proseguire l’attività artistica che riprenderà già a partire dal prossimo fine settimana.

Intanto è stato definito il comitato di professionisti sostenitori dell’Orchestra; all’invito a offrire gratuitamente la propria esperienza professionale per il mantenimento e il rilancio dell’attività della Fondazione hanno finora aderito diciassette tra architetti, commercialisti, ingegneri, avvocati, notai, consulenti del lavoro ed esperti in organizzazione e gestione eventi, corporate identity, risorse umane e ricerca bandi europei. Una risposta entusiastica – specialmente da parte della nuova generazione di professionisti quarantenni – che consente all’Orchestra Sinfonica di manifestare ancor maggiore fiducia nei confronti dell’opera di “ristrutturazione” puntando a una vera e propria governance multi-livello e, soprattutto, aperta anche a una verifica trasparente e a 360 gradi sulle diverse criticità e sui punti di forza.

Torna il Festival "IsolaPoesia" a Catania e Misterbianco

Ritorna “IsolaPoesia”, il festival nazionale organizzato dall’associazione “Interminati Spazi”, a cura di Giuseppe Condorelli e Paolo Lisi. La settima edizione si svolgerà il 5 a Catania e il 6 settembre a Misterbianco, ad ingresso libero. Anche quest'anno il Festival si fregia della collaborazione del Teatro Stabile di Catania, dello Sheraton Catania e della Casa Editrice Raffaelli che ha appena pubblicato un “Almanacco dei poeti e della poesia contemporanea”, il cui Quaderno 4 (a cura dello stesso Giuseppe Condorelli) è dedicato proprio ai poeti contemporanei di Sicilia.

Particolarmente atteso il Premio IsolaPoesia che quest'anno verrà assegnato alla professoressa Francesca Corrao, docente della Luiss di Roma, presidente della Fondazione Orestiadi di Gibellina ed esperta del mondo arabo. Dal 2009 infatti l’associazione ha deciso di affiancare ai momenti “canonici” dell’offerta della parola, il “Premio IsolaPoesia”, destinato ad un artista capace non solo di confrontarsi con i linguaggi meno esplorati e di dare vita ad una sintesi originale, ma anche attento a promuovere una nuova idea di espressività. La giuria del premio è presieduta da Marco Nereo Rotelli e composta dai poeti Tiziano Broggiato, Giuseppe Condorelli, Paolo Lisi e Loretto Rafanelli.

Prosegue il Festival Belliniano, arriva Shlomo Mintz

Dopo il debutto a Taormina con l’étoile Eleonora Abbagnato e le Stelle dell’Opéra di Parigi, la quinta edizione del Festival Belliniano propone – sempre al Teatro Antico – due concerti lirico-sinfonici di respiro internazionale. 

Il violinista Shlomo Mintz
Prima data il 7 settembre con il “Bellini Verdi Wagner Opera Gala” che vedrà riuniti di nuovo sul palcoscenico del Teatro Antico di Taormina alcuni dei protagonisti della stagione lirica appena conclusa, come il tenore Piero Giuliacci e il soprano Chiara Taigi, il baritono Valdis Jansons e il mezzosoprano Lara Rotili, il baritono Salvatore Grigoli e il basso Emanuele Cordaro, in un programma no-stop dedicato alle arie e alle sinfonie delle opere più celebri di Vincenzo Bellini e dei due compositori di cui quest’anno si celebra il bicentenario della nascita, Verdi e Wagner appunto. 

M5S alla Regione: "Opere di Palazzo Abatellis a rischio"

"Nessuna protezione contro il caldo, il freddo e l’umidità per le opere d’arte di palazzo Abatellis". Questo quanto denuncia il Movimento Cinque Stelle, chiedendo l’intervento della Regione per metterle al sicuro. 

L'atrio di Palazzo Abatellis a Palermo
Per farlo il gruppo parlamentare all’Ars ha presentato una interrogazione diretta all’assessore per i Beni culturali e dell’Identità siciliana per sapere se “non ritenga opportuno mettere in atto nel più breve tempo possibile adeguati interventi per evitare rischiosi danneggiamenti, verificando se già non ve ne siano, e per conoscere tempi e risorse da destinare per la tutela e la salvaguardia di un patrimonio artistico primario per la Sicilia e per i siciliani, attualmente a rischio danneggiamento”.

Nell’atto parlamentare, che vede come prima firmataria Claudia La Rocca, si legge che i locali del palazzo palermitano (dove si trovano importanti opere del Quattrocento come l’Annunziata di Antonello da Messina) non presentano alcun tipo di impianto idoneo a garantire temperatura ed umidità ottimali per la conservazione delle importanti opere qui custodite, esponendole ad ogni tipo di sbalzo climatico, dal freddo invernale, all'afoso caldo estivo.

Al via a Ragusa l'Heritage Sicilia Festival

Prenderà il via il 15 settembre a Ragusa la prima edizione dell'Heritage Sicilia Festival, organizzato dal Centro Studi Helios e dall'Associazione culturale Heritage Sicilia.

La manifestazione, inserita in un più ampio progetto culturale denominato “Heritage Sicilia”, si propone di promuovere e valorizzare a fini turistici il patrimonio tangibile (beni culturali, paesaggistici e naturali) e immateriale (feste e folklore, tradizioni, abilità artigianali, saperi gastronomici, ecc.) siciliano, attraverso un ricco calendario di iniziative, eventi, spettacoli, musica, mostre e concorsi di fotografia, d'arte e letteratura. Le iniziative si svolgeranno dal 15 settembre al 14 dicembre tra Ragusa, Modica, Noto e Catania.

In particolare, dal 15 al 21 settembre Ragusa ospiterà la Settimana del Folklore e della Sicilianità, le mostre del Concorso fotografico internazionale "Heritage Sicilia 2013" e del Concorso di pittura "La Sicilia e i suoi Colori".