venerdì 30 settembre 2011

A Palermo "Il passaggio difficile" di De Grandi

È stata inaugurata ieri sera, alla Galleria d'Arte Moderna di Palermola mostra di Francesco De Grandi "Il passaggio difficile", a cura di Marco Bazzini e Helga Marsala. L'esposizione, realizzata in collaborazione con l'associazione Ars Mediterranea e la Galleria Aike-Dell'Arco (Palermo/Shanghai), continua il ciclo di mostre che la GAM dedica ai giovani artisti siciliani e rimarrà aperta fino al 30 ottobre.

"Il passaggio difficile" è un'opera unica, una grande installazione pittorica che si struttura negli spazi dedicati alle mostre temporanee della GAM. Molteplici visioni, ma concepite per un solo viaggio, un attraversamento interiore, lento, rituale.

Francesco De Grandi - artista mid career che vive e lavora tra Palermo e Shanghai- concepisce una mostra che va letta come una scrittura articolata e compatta, un testo narrativo, una sceneggiatura teatrale scandita in tre atti. Sono le immagini a ricamare una scrittura distesa su più livelli, che attinge da immaginari complessi legati alla pittura di genere (paesaggio, ritratto, natura morta), tra atmosfere gotiche e post-romantiche, estetica del nostalgico, venature noir, incursioni psichedeliche, celebrazione del sacro, sentimento panico della natura, gusto per il decadente.

Le ceramiche di Giacomo Alessi in mostra a Londra

È dedicata all’arte di Giacomo Alessi, uno dei più noti ceramisti italiani, la mostra allestita a Londra nello studio “Bernard Chauchet Contemporary Art” (Hollywood Road, 55) e visitabile dal 29 settembre fino all’11 ottobre.

Giacomo Alessi - "L'idendità del Piccolo Principe II"
Cinquanta sculture in ceramica realizzate da Alessi negli ultimi dieci anni: una instancabile attività di ricerca che fa dell’autore, originario di Caltagirone, uno dei pochi artisti della sua generazione capace, con sguardo attento e lucido, di provare a rinnovare profondamente l’antichissima arte della terracotta.

Numerose le mostre e i riconoscimenti internazionali per Alessi: Museo Salinas di Palermo nel 2006, Umm al-Fahm Art Galleryin Israele nel 2008, Premio Michetti a Pescara nel 2006. Di recente ha partecipato alla 54/a Biennale di Venezia, mentre nel febbraio scorso, a Roma (Musei di San Salvatore in Lauro), alcuni suoi pezzi figuravano nell’esposizione “Terracolta: la ceramica romana e laziale fra Guttuso, Mastroianni, Greco, Cascella, Cagli e Manzù” al cui catalogo ha contribuito con un proprio testo critico. 

Bebo Cammarata e le sue foto per le strade di Palermo

Un ritorno alla fotografia come ritratto del tempo, uno scatto che racconta volti e storie di una città, Palermo, che cambia ogni giorno. È dedicata ai “Fotovia” la mostra fotografica di Bebo Cammarata, allestita, dal 30 settembre al 15 ottobre, presso la Galleria d’arte contemporanea Garage, in piazzetta di Resuttano a Palermo, e realizzata grazie alla Fondazione Ignazio Buttitta che ha anche curato il catalogo.

I fotovia, negli anni Settanta, si aggiravano in via Libertà e via Ruggero Settimo a fotografare coppie, genitori e bambini. Scattavano chiedendo prima il permesso: “La facciamo una foto al bambino?”. Poi rilasciavano un bigliettino con sopra indicato l’indirizzo dello studio, dove si andava a vedere l'istantanea ed eventualmente ritirare la foto. La mostra di Bebo Cammarata è un omaggio all’epopea dei fotovia e alla loro capacità di fissare nel tempo una documentazione di alto livello sociologico e letterario.

mercoledì 28 settembre 2011

Parte da Catania il tour di "Norma" con la Theodossiou

"Norma" in tutta la Sicilia, provincia dopo provincia, teatro dopo teatro. Prenderà infatti il via da Catania, mercoledì 28 settembre, alle 20 alla Terrazza Ulisse, (viale Ulisse, 10), il tour della maggiore opera belliniana, cuore pulsante dell’“International Bellini and Romantic Opera Festival” che il direttore d’orchestra Alberto Veronesi ha costruito in omaggio al compositore catanese. Protagonisti, il grande soprano greco Dimitra Theodossiou e il tenore coreano Rudy Park.
Il soprano Dimitra Theodossiou
L'allestimento è firmato da Paolo Panizza, le scene realizzate da La Bottega Fantastica, costumi di Valerio Maggioni. Veronesi salirà sul podio di orchestra e coro dell'International Bellini and Romantic Opera Festival, formato per l'occasione da professori d'orchestra e coristi dei maggiori teatri ed enti siciliani. 

martedì 20 settembre 2011

Palermo, strumenti musicali restaurati a Palazzo Mirto

L’assessore ai Beni Culturali Sebastiano Missineo, il dirigente generale del Dipartimento Gesualdo Campo e il direttore della Galleria Interdisciplinare della Sicilia Giovanna Cassata presenteranno, il 21 settembre alle 17,30, presso il Salone del Baldacchino del Museo Regionale di Palazzo Mirto di Palermo, il restauro degli strumenti musicali ivi custoditi, finanziato dall’assessorato ai Beni Culturali della Regione Siciliana.  

L’evento prevede la presentazione del volume di Giovanni Paolo Di Stefano dal titolo "Gli strumenti musicali di Palazzo Mirto: storia, tecnologia, restauro", edito dalla Regione Siciliana. Il testo illustra le peculiarità costruttive e le vicende inerenti la storia dei pregevoli strumenti musicali custoditi presso il museo palermitano. Seguirà la relazione del restauratore Ugo Casiglia che spiegherà nel dettaglio il meticoloso ed articolato intervento conservativo da lui effettuato. 

sabato 17 settembre 2011

A Catania tornano le Giornate Belliniane

Tre grandi concerti, una rassegna cinematografica, una tavola rotonda. Per ricordare il 176° anniversario della morte di Vincenzo Bellini, avvenuta a Puteaux presso Parigi il 23 settembre 1835, il Teatro Massimo Bellini di Catania ripropone le sue Giornate Belliniane, con una serie di appuntamenti che si articoleranno lungo un’intera settimana, dal 21 al 26 settembre prossimi, e che avrà nel tradizionale concerto commemorativo del 23 settembre il suo momento centrale.

Vincenzo Bellini
Le Giornate Belliniane sono state presentate, nel foyer del teatro, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il commissario straordinario dell’Ente Enzo Zappulla, il sovrintendente Rita Gari Cinquegrana e il direttore artistico Will Humburg.

Si comincia mercoledi 21 settembre con la rassegna cinematografica “Bellini e il melodramma”, che si terrà nel Teatro Sangiorgi. Si tratta di un ciclo di film e documentari dedicati al mondo dell’opera, e a Vincenzo Bellini in particolare, che andrà avanti fino a venerdi 23. Ogni mattina, a partire dalle 10, le proiezioni dedicate ai ragazzi delle scuole; al pomeriggio, dalle 17,30, quelle per tutto il pubblico, a ingresso libero. Tra i titoli proposti, il celebre “Casta Diva” del 1935, il film di Carmine Gallone che per la prima volta raccontò sullo schermo le vicende biografiche del Cigno catanese; “Troppo tardi t’ho conosciuta” del 1940 con il tenore catanese Franco Lo Giudice; il recente (2005) “Norma” di Boris Airapetian. La consulenza scientifica è di Nicola Conticello e Franco La Magna.

Riapre il sito archeologico di Vito Soldano

Dopo 50 anni apre le porte al pubblico “Vito Soldano”, sito archeologico di grande interesse per l’archeologia romana in Sicilia, frequentato fino all’avanzata età bizantina. L’area archeologica, posta sulla S.S. 122 che collega Canicattì a Castrofilippo, si accinge così a vivere una nuova stagione di attività culturali e promozionali grazie ad una convenzione stipulata tra l’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana e l’Archeoclub di Canicattì.

Le terme romane di Vito Soldano
L’accordo, che prevede la stretta collaborazione tra la Soprintendenza di Agrigento e l’Archeoclub di Canicattì nella manutenzione e nella gestione dell’area archeologica di Vito Soldano, vuole promuovere la conoscenza del sito, ancora poco noto nell’hinterland, sensibilizzare e diffondere tra i cittadini la cultura della salvaguardia dei beni culturali.

La convenzione ha l’obiettivo dichiarato di rendere fruibile a tutto tondo un sito archeologico che – a torto considerato minore – ha tutte le caratteristiche per trasformarsi in un volano di crescita economica oltre che culturale per Canicattì, potenziando il ruolo attrattivo del territorio.

venerdì 16 settembre 2011

A Ragusa il terzo Meeting delle Arti e della Musica

Dopo le esperienze di Palermo e Catania, L’Arsenale - Federazione Siciliana delle Arti e della Musica, approda a Ragusa Ibla, con il terzo Meeting delle Arti e della Musica, il 23 e 24 settembre, presso i Giardini pubblici Iblei.

Oltre quaranta progetti di musicisti, attori, pittori, fotografi, videomaker e scrittori daranno vita ad un’esperienza alternativa in cui sarà impossibile riconoscere la linea di demarcazione tra musica e reading, teatro e videoproiezioni, su tre palchi intitolati a tre diverse figure che hanno segnato la storia del territorio ragusano: Maria Occhipinti, scrittrice ragusana e leader del movimento antimilitarista “Non si parte”; Serafino Amabile Guastella, antropologo, poeta e attento studioso delle tradizioni popolari siciliane; e Giovanni Spampinato, giornalista ragusano vittima della mafia per aver documentato i rapporti tra l’estrema destra italiana e malavita organizzata locale.

Due giorni di arte e bellezza per mostrare che un altro modo di fare cultura è possibile, che la libertà e la bellezza sono un diritto, e che riappropriarsene è un dovere.

Il cinetismo di Matilde Perez in mostra a Palermo

L’arte cinetica protagonista, dal 16 settembre fino al 16 ottobre, negli spazi dell’ex Cavallerizza di palazzo S.Elia, a Palermo, con la mostra retrospettiva dell’artista cilena Matilde Perez. L’esposizione, promossa dalla Provincia e dall’Ambasciata del Cile in Italia, sarà inaugurata alle 18.30 dal Presidente della Provincia Giovanni Avanti, dall’Ambasciatore del Cile in Italia Oscar Godoy e dal Console Onorario del Cile a Palermo, Vincenzo Chiriaco.

Matilde Perez ha segnato una svolta nel mondo dell’arte moderna internazionale come uno dei principali artefici della nascita del movimento cinetico negli anni ’50. Insieme ad altri noti artisti come Calder, Duchamp, Soto, Tinguely e Vasarely nel 1955 è stata autrice del famoso “Manifesto Giallo”, che segnò la nascita di un linguaggio cinetico figurativo, basato sulla disposizione e la riproduzione in serie di figure geometriche con colori complementari diversi. 

"Botta di Sale", la Sicilia raccontata dal mare

È Marsala l’ultima tappa dell’itinerario di viaggio “Botta di Sale” che la Fondazione Palazzo Intelligente ha intrapreso a bordo dello storico rimorchiatore Liberty Tug. Venerdì 16 alle ore 12 al porto di Marsala, prolungamento banchina curvilinea, a bordo del Liberty Tug, sede operativa della Fondazione, si conclude il progetto finanziato dall'Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo all’interno del progetto Mare e Miniere di Mare.

Il rimorchiatore "Liberty Tug"
Relatori Marco Salerno, dirigente generale Assessorato al Turismo, Tetsuro Akanegakubo, inviato economico per l’Italia di numerose testate giapponesi, Gaetano Basile, storico ed esperto di tradizioni popolari siciliane, l’artista Suisse Marocaine, Guido Agnello presidente di Palazzo Intelligente, Lorenzo Carini Sindaco del Comune di Marsala e Roberto Albergoni, Segretario Generale Herimed, esperto di progettazione e sviluppo territoriale.

giovedì 15 settembre 2011

Alle FAM una mostra per il gallerista Nino Soldano

È dedicata all’avventura milanese di un celebre gallerista di origine siciliana, Nino Soldano, la prossima esposizione delle FAM di Agrigento, la galleria d’arte moderna delle Fabbriche Chiaramontane gestita dagli Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento. S’intitola “Vite da gallerista. Nino Soldano” è curata da Marco Meneguzzo, che per le FAM ha firmato le ricognizioni attraverso l’Astrattismo (Astrazione Siciliana, 2010) e l’Arte Concettuale (Sulla Parola, 2011) ed è in programma da sabato 17 settembre al 13 novembre. Ingresso libero.

All’inaugurazione, fissata per le ore 19 di sabato, interverranno insieme al protagonista anche alcuni artisti come Claudio Verna, Elio Marchegiani, Fernando De Filippi, Umberto Mariani.

Per la prima volta le FAM si occupano di una figura professionale fondamentale nel sistema dell’arte: quella del gallerista. Una mostra-pilota che ne germinerà altre nelle prossime stagioni facendone una sorta di appuntamento fisso.

I dipinti murali di Pompei esposti a Buccheri

Un incontro simbolico tra due civiltà vulcaniche, quella del borgo montano di Buccheri, che si adagia sul Monte Lauro, non più attivo oramai, e quella dell’affascinante e celebre Pompei alle pendici del Vesuvio. Questo il messaggio che intende lanciare al pubblico la mostra sull’esclusiva collezione dei “Dipinti Murali di Pompei”, allestita nel paese siracusano fino a domenica 25 settembre 2011, presso la “Casa Museo”, in via Matteotti.

Therme stabiane (1850)
Non è un caso che il proprietario delle tavole sia quindi un campano trapiantato in Sicilia, nel borgo buccherese, Francesco De Martino, che per un caso fortuito anni fa venne in possesso di un raro volume che oggi ci tramanda queste splendide testimonianze archeologiche.

I dipinti esposti nella mostra riproducono infatti le tavole cromolitografiche contenute in questo magnifico libro di grande formato, edito da Richter & C. e pubblicato verosimilmente dopo la scoperta archeologica di Pompei, avvenuta tra il diciottesimo e il diciannovesimo secolo. Le 20 tavole vennero incise da Vincenzo Loria e “fotografano” con accuratezza e assoluta fedeltà la vivacità e la potenza dei colori originali degli affreschi di Pompei così come si presentavano al momento della loro scoperta e come oggi noi non potremo mai più ammirare.

"Arcana", musica e misteri con la Sinfonica Siciliana

Sette concerti a sera per tre giorni consecutivi: “Arcana, Musica e misteri”, la kermesse musicale dell’Orchestra Sinfonica Siciliana in programma dal 15 al 17 settembre, porta la musica nelle piazze di una Palermo dai mondi segreti popolati da simboli, formule alchemiche e antichi misteri. 

La manifestazione si svolgerà in diverse location: Piazza Pretoria, il giardino della Cattedrale, il corso Vittorio Emanuele, i Quattro Canti e Piazza Bellini; per l’occasione, la circolazione stradale subirà le relative modifiche nelle sedi interessate, così come previsto dall’ordinanza comunale n.150/OD, con chiusura al traffico dalle ore 20.00 alle ore 24.00. 

Arcana è realizzata in collaborazione con i musicisti del Conservatorio V. Bellini di Palermo con i quali, ogni sera, dalle 21,30 alle 24,00, saranno eseguiti concerti sinfonici, corali e cameristici. Numerosi sono i compositori coinvolti in questo arcano viaggio: da Mozart a Bach, da Salieri a Pergolesi, da Albinoni a Corelli e Vivaldi, passando per la Francia di Couperin e Rameau e per l’Inghilterra di Byrd, Morley. 

venerdì 2 settembre 2011

Valderice, Moni Ovadia alle “Officine Mediterranee”

Ha preso il via ieri la prima edizione di "OM – Officine Mediterranee – Sentieri di Teatro, Danza, Musica e Parole dei popoli del Mediterraneo", negli spazi della pineta e dell’Anfiteatro San Barnaba di Valderice, in provincia di Trapani, punto estremo della Sicilia occidentale e spazio millenario dalle infinite suggestioni.

Moni Ovadia
L’evento si presenta come uno spazio esclusivo dedicato al Teatro, alla Danza, alla Musica e alle parole del Mediterraneo, proponendosi il traguardo della contaminazione di diversi linguaggi artistici e di diverse culture (Algeria, Marocco). 

Oggi, 2 settembre, appuntamento clou con il workshop, alle ore 18.30, nella piazza della pineta San Barnaba condotto da Vittorio Corradino, presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, che intervisterà Moni Ovadia, attore teatrale, drammaturgo, scrittore, compositore e cantante italiano sul tema “Il Meticciato come risorsa” e Nino Buttita, intellettuale siciliano e grande protagonista della Fondazione Ignazio Buttitta in “Noi siciliani tutti figli di buttana”. Alle ore 20.30, nella piazza della pineta, continuerà l’appuntamento con la gastronomia mediterranea con “A cena con l’artista”

giovedì 1 settembre 2011

"Maremagnum", artisti in mostra da Filicudi a Palermo

Al Loggiato San Bartolomeo di Palermo, si apre, venerdì 2 settembre, alle 18.30, la mostra collettiva “Maremagnum”, promossa dalla Provincia, con il contributo dell’assessorato Regionale al Turismo e con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura della Provincia di Messina e del Comune di Lipari. Ad inaugurare l’esposizione saranno il presidente della Provincia Giovanni Avanti, con l’assessore provinciale alla Cultura e ai Ceni culturali Pietro Vazzana; interverrà la curatrice Daniela Brignone. 

"L'arbre de vie" di Jacques Basler
“Maremagnum” raccoglie le opere di 17 artisti, italiani e non, che ogni due anni, dal 1996, si incontrano a Filicudi ed espongono nella “più piccola” Biennale d’arte del Mediterraneo, dando vita da un evento ormai consolidato che tradizionalmente riunisce appassionati, addetti ai lavori, galleristi e personaggi del mondo della cultura provenienti da tutta Europa, complice un’atmosfera di grande fascino e suggestione. L’allestimento comprende sculture, pitture, ceramiche, opere di design e fotografia e costituirà una curiosa anteprima della prossima edizione della Biennale. 

Saranno presenti opere di Maria Vittoria Backhaus, Jacques Basler, Emilio Battisti, Maria Camassa, Marcel Cordeiro, Johnny Dell’Orto, Gaia Geneston, Marina Klemente, Ugo La Pietra, Eliana Maria Lorena, Franco Menna, Melo Minnella, Francesca Mosconi, Umberto Passeretti, Francesco Pessina, Aurelia Raffo e Franco Raggi.

Caltanissetta, al via i lavori per il Museo della Zolfara

“Ci eravamo impegnati a sbloccare e rendere fruibili le “incompiute” che avevamo ereditato dalle precedenti amministrazioni e in tale contesto ci avviamo finalmente al completamento del Museo della Zolfara di Caltanissetta, con l’appalto dell’allestimento delle sale espositive ed altre opere, in modo da poter finalmente ospitare permanentemente le testimonianze della nostra storia mineraria e i preziosi reperti dell’Istituto Mottura".

Con queste parole il presidente della Provincia Regionale di Caltanissetta, Giuseppe Federico,  comunica che sono stati appaltati i lavori previsti dal progetto di 350 mila euro riguardante, appunto, il parziale completamento della struttura di viale della Regione ove saranno realizzate le sale per l’esposizione dei minerali, dei fossili, delle rocce e delle macchine da miniera; contestualmente sarà sistemato l’ingresso e completato il parcheggio.