lunedì 31 gennaio 2011

Opere d'arte e detenuti, la Sicilia come la Francia?

Reinserire i detenuti nel mondo del lavoro utilizzando le opere d'arte siciliane custodite nei magazzini e non mostrate al pubblico. L'idea è dell'assessore regionale ai Beni culturali e all'Identità siciliana, Sebastiano Missineo, che ha intenzione di avviare una collaborazione con il Louvre per sfruttare l'iniziativa sperimentata dal museo parigino con i responsabili del carcere di Poissy.

"In questi giorni - dice Missineo - dalla Francia arriva una notizia che sta incuriosendo tutto il mondo. A Poissy, in un carcere vicino a Parigi, hanno esposto nel cortile delle riproduzioni dei quadri di Mantegna e Gericault e di altri dipinti del Louvre. Una partnership tra il celebre museo e questa prigione dove sono rinchiuse 230 persone che hanno lunghe pene da scontare (l'80% addirittura ha condanne che vanno oltre i venti anni). Questa interessante iniziativa mi ha convinto e mi ha spinto a cercare di fare di più in un paese dove solo in pochi si ricordano che esiste un problema di carceri e reinserimento nella società di chi ha espiato la sua condanna. Per questo ho deciso di inviare un lettera ai responsabili del carcere di Poissy per avviare una proficua collaborazione con scambio di dati, informazioni, consigli allo scopo di realizzare anche in Sicilia un analogo progetto. Quante opere di ogni genere giacciono abbandonate o quantomeno inutilizzate nei magazzini dei nostri musei?".

venerdì 28 gennaio 2011

Soudant sul podio dell'Orchestra del Bellini di Catania

Questo fine settimana la Stagione Sinfonica 2010-2011 del Teatro Massimo Bellini di Catania sarà nel nome di Franz Schubert, Hector Berlioz e Robert Schumann. Sul podio Hubert Soudant che ritorna al “Bellini” per dirigerne ancora una volta l’orchestra stabile. Con lui, due bravi solisti: il mezzosoprano Anna Maria Chiuri e il tenore Luca Martin (in sostituzione dell’indisposto Jörg Dürmüller). Il doppio appuntamento è per venerdì 28 gennaio 2011 alle ore 21 per il turno “A” e per sabato 29 gennaio alle ore 17,30 per il turno “B”.

Il Teatro Bellini di Catania
Di Franz Schubert verrà eseguita una selezione da Die Winterreise, D. 911, op. 89, in particolare i numeri 1, 2, 11, 12, 13, 23. Composti alla fine degli anni Venti dell’800, offrono una vera e propria campionatura delle scelte liederistiche operate dal compositore viennese in tutta la sua carriera. Seguirà un brano di Hector Berlioz, la Scena di Cassandra atto I (Les Grecs ont disparu!) tratta da I troiani, opera scritta tra il 1856 e il 1858 che qualcuno considera una sorta di contraltare alla Tetralogia di Wagner.

Al via i concerti del Brass Group di Palermo

Con un omaggio dell’Orchestra Jazz Siciliana e Rita Collura all’indimenticabile pianista Luca Flores si apre stasera a Palermo al Blue Brass, presso il Ridotto dello Spasimo la Stagione concertistica della Fondazione The Brass Group. Sarà Rita Collura a dirigere l’'OJS, la prima e unica orchestra permanente di jazz a partecipazione pubblica in Italia. 

In scaletta da Six Blue Fragments a Silent Brother, passando per How Far Can You Fly; sono i temi del pianista palermitano scomparso tragicamente nel 1995, riletti dall’OJS secondo i canoni della migliore tradizione orchestrale del jazz. 

Il concerto sarà replicato sabato alla stessa ora. Tutti i concerti avranno inizio alle ore 21.30 e per assistervi il costo del biglietto è di 8 euro, ridotto 5 euro, inclusa una consumazione. Per maggiori informazioni sulla rassegna è possibile contattare la Fondazione The Bass Group chiamando il numero 091 6166555.

giovedì 27 gennaio 2011

Catania, la festa di Sant'Agata negli scatti di Parrinello

Bianco e nero. Come i palazzi del centro storico di Catania, come la porta Garibaldi che a ovest della città sigla ogni giorno l’arancio dei tramonti etnei, come l’abito dei devoti di Sant’Agata, la patrona della città ai piedi dell’Etna celebrata ogni anno in febbraio da una grande festa popolare, un rito collettivo e trasversale per centinaia di migliaia di persone.

Bianco e nero, su pellicola, è il linguaggio scelto dal fotoreporter Antonio Parrinello per la mostra, organizzata in collaborazione con l’Assessorato Comunale alla Cultura e ai Grandi Eventi, e ospitata nel Palazzo Platamone di Catania dal 31 gennaio al 20 febbraio 2011. S’intitola “Sant’Aituzza”, come il tenero e familiare appellativo con cui i fedeli si rivolgono alla Patrona, la fanciulla cristiana di nobile famiglia che nel 251 d.C., per sfuggire alle insidie del governatore Quinziano, fu arrestata e torturata: le venne strappato il seno prima di morire in carcere. In mostra trentacinque istantanee di medio formato (50x70) stampate su carta per un effetto molto più naturale. Lunedì 31 gennaio, ore 18, l’inaugurazione alla presenza del sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, dell’assessore comunale alla cultura, Marella Ferrera, e del commendatore Luigi Maina, cultore delle tradizioni agatine.

mercoledì 26 gennaio 2011

Ludovico Einaudi in concerto con la Sinfonica Siciliana

Ludovico Einaudi
Ludovico Einaudi arriva al Politeama Garibaldi di Palermo dopo il rinvio, a causa di un malessere, dei concerti del 3 e 4 dicembre scorsi. L’appuntamento è dunque fissato per mercoledì 26 gennaio 2011 alle ore 21.15 e giovedì 27 gennaio alle ore 17.30. I possessori di biglietto per il 3 dicembre, assisteranno al concerto di mercoledì 26, mentre i possessori di tagliando con data 4 dicembre, assisteranno alla replica di giovedì 27. Al Politeama Einaudi suonerà alcuni dei suoi brani più famosi tratti da Nightbook, Divenire, Le Onde, Eden Roc, Una mattina, accompagnato dall’Orchestra Sinfonica Siciliana. Entrambi i concerti saranno seguiti da un rinfresco offerto dagli sponsor.

Ulteriori informazioni al botteghino del Politeama Garibaldi (091 588001), mail: biglietteria@orchestrasinfonicasiciliana.it.

martedì 25 gennaio 2011

Il Riccardo Dal Frà Trio al Metropolitan di Palermo

Tutto pronto al Metropolitan di Palermo per il concerto inaugurale della Stagione 2011 del Metropolitan&JazzVanguard. Questa sera alle 21 si esibirà il Riccardo Del Frà Trio con Marc Copland al pianoforte, Billy Hart alla batteria e Riccardo Dal Frà al basso. 

Riccardo Dal Frà
Il trio riunisce musicisti di grande rigore e qualità. Il pianista Marc Copland è da diversi anni uno dei più apprezzati della scena jazzistica statunitense. Riccardo Del Frà, romano residente in Francia da diversi decenni, vanta collaborazioni con artisti del calibro di Chet Baker, Johnny Griffin, Bob Brookmeyer e Toots Thielemans. Billy Hart è da diversi decenni uno dei più interessanti batteristi jazz. Molto attivo sin dagli anni sessanta come componente dei gruppi di musicisti quali Jimmy Smith, Wes Montgomery, Herbie Hancock, McCoy Tyner, Stan Getz e Miles Davis. A partire dalla seconda metà degli anni settanta Hart ha anche realizzato vari progetti a proprio nome, tra cui spicca da qualche anno un eccellente quartetto con Mark Turner, Ethan Iverson e Ben Street. 

lunedì 24 gennaio 2011

Pd: "Salvare la Tonnara di Santa Panagia a Siracusa"

"La seicentesca Tonnara di Santa Panagia, a Siracusa, è in totale stato di abbandono, nonostante poco più di 10 anni fa siano stati spesi più di 10 milioni per il suo recupero. Serve un intervento immediato per salvare un bene, oggi di proprietà della Regione siciliana, che rappresenta una preziosa testimonianza di archeologia industriale ed è inserito in un contesto paesaggistico di straordinaria bellezza". 

Lo dice Roberto De Benedictis, vicepresidente del gruppo Pd dell'Ars, che ha presentato un'interrogazione all'assessore regionale ai Beni culturali. "Dopo l'intervento del '98 - aggiunge - costato 10.560.000.000 euro, negli anni successivi il complesso rimase inutilizzato ed in balia di vandali e ladri che ne distrussero il tetto, utilizzando la loggia come ricovero per animali, danneggiando e sporcando con vernice spray molti ambienti, adibendo a bivacco la splendida chiesetta dedicata a Santa Lucia. In occasione delle edizioni del 2005 e del 2006 della campagna di Legambiente 'Salvalarte', la soprintendenza di Siracusa ha presentato un progetto di restauro finalizzato alla realizzazione, all'interno del monumento, di un museo paleontologico, ma non seguì alcun intervento. Successivamente un altro progetto, per un importo di quasi 11 milioni, finanziato all'interro del Por Sicilia 2000/2006, è stato annullato dal Tar. Il risultato è che oggi la Tonnara di Santa Panagia versa in gravi condizioni e servono interventi urgenti per il recupero".

sabato 22 gennaio 2011

L'arte di Pippo Madè in mostra a Palermo

È stata inaugurata ieri, venerdì 21 gennaio, nelle Sale Duca di Montalto di Palazzo dei Normanni a Palermo, la mostra “Memorie del visibile” di Pippo Madè, alla presenza dell’artista, del presidente della Fondazione Federico II, Francesco Cascio, e del direttore della Fondazione Federico II, Lelio Cusimano. Un’antologica che parte da quando Madè ancora “non esisteva” e che copre quasi l’intero arco del secolo scorso, in cui è possibile riconoscere le diverse fasi che si sono succedute nell’opera di un pittore, di un maestro, che ha reso immortale l’immagine della Sicilia in Italia e nel mondo.

Pippo Madè - Contestazione contadina
“Le opere del maestro Madè – ha detto Cascio – sono parte imprescindibile del nostro patrimonio storico e artistico e sono pietre miliari della memoria storica della nostra comunità. Egli dà lustro alla nostra terra, alla Sicilia, e ne è interprete fedele e appassionato”.

La mostra “Memorie del visibile” raccoglie moltissime opere del pittore siciliano, da quando era ancora un adolescente e si chiamava Giuseppe Lo Cicero fino agli ultimi lavori dello scorso anno, passando per le immagini che rappresentano i caldi anni settanta delle contestazioni studentesche e operaie.

Bonafè e Lupo alle gallerie SACS di Palermo e Catania

Un nuovo doppio appuntamento con gli artisti di S.A.C.S., l'archivio creato da Riso, Museo d'Arte Contemporanea della Sicilia, per valorizzare gli artisti siciliani. I due progetti espositivi, a cura di Giovanni Iovane, si possono ammirare a Palazzo Riso a Palermo e presso la Fondazione Brodbeck di Catania.

Marco Bonafè - The party's over
Il primo evento si è inaugurato giovedì 20 gennaio,  alla Galleria S.A.C.S. di Palazzo Riso. Si tratta di The party's over di Marco Bonafé, opera che, come le precedenti dell'artista, ha origine da mobili trovati o acquistati nei grandi centri commerciali. Bonafè ri-assembla questi mobili – che hanno una “innaturale” e precoce scadenza - in forme prive di finalità ed estranee a qualsiasi utilizzo funzionale e li ricopre con carta adesiva marmorizzata mentre alcuni elementi sono persino ingentiliti dalla foglia d’oro.

venerdì 21 gennaio 2011

SiciliAntica: al via seminari sull'esoterismo nell'arte

“Esoterismo nell'arte”, questo il titolo di un ciclo di seminari che s'inaugura a Palermo il 27 gennaio alle 16,30  al Centro Culturale Biotos. Sette appuntamenti, organizzati da SiciliAntica, che si protrarranno fino al 13 marzo, tra Cefalù, Bagheria e Termini Imerese ed il capoluogo. Il tema del primo incontro è dedicato alle “dimore filosofali”, il relatore sarà Aurelio Pes. Interverranno anche Giuseppe Lo Porto e Alfonso Lo Cascio della presidenza regionale di SiciliAntica. I relatori dei successivi incontri saranno: Rosanna Balistreri, Carmelo Montagna, Alessandro Di Bennardo, Maria Teresa Di Blasi e Giovanna Mirabella.

I "mostri" di Villa Palagonia a Bagheria
Il ciclo di conferenze è dedicato all'ars aedificatoria cui dobbiamo il nascere e il concretarsi della massoneria che in origine altro non era se non la conoscenza dei materiali costruttivi, fatti di sapienti dosaggi di luci ed ombre, di archi e contrafforti, tesi ad avvicinare, con i loro slanci vertiginosi, l’uomo al Dio in cui essi credono. Queste leggi dinamiche delle costruzioni erano, dalle maestranze, mantenute segrete, in modo da evitare concorrenze ed approssimazioni. Il codice di riferimento di tutto questo articolato sapere costituiva pertanto un materiale esoterico ancora oggi vivo e vitale. 

Soudant dirige Schubert e Schumann con la Sinfonica

Ancora Hubert Soudant sul podio del Politeama Garibaldi di Palermo per il concerto dell’Orchestra Sinfonica Siciliana in calendario venerdì 21 gennaio alle ore 21.15, per il Ciclo Grandi Interpreti. Ancora Schubert e Schumann sono i compositori scelti per la serata che si aprirà con l’esecuzione dell’Ouverture in do maggiore “Nello stile italiano” di Franz Schubert.

Il Politeama Garibaldi di Palermo
Il 1817 fu un anno fecondo di opere per Schubert che, libero da ogni legame con la famiglia e con la scuola, poté dedicarsi totalmente all’attività compositiva. Tra le numerose composizioni di questo anno, infatti, figurano due Ouvertures definite, probabilmente dal fratello Ferdinand, nello stile italiano per gli evidenti riferimenti a Rossini che in quel periodo trionfava a Vienna. La seconda, l’Ouverture in do maggiore D. 591 in ascolto al Politeama, non contiene citazioni rossiniane, ma rimanda allo stile del compositore pesarese per lo spirito e la vitalità che la pervade tutta con una marcata, anche se garbata ironia.

giovedì 20 gennaio 2011

Ranzani torna sul podio dell'Orchestra del Bellini

Nel prossimo fine settimana, la Stagione sinfonica 2010-2011 riporta al Teatro Massimo Bellini di Catania una delle bacchette più amate dal pubblico etneo: Stefano Ranzani salirà sul podio sabato 22 gennaio 2011 alle ore 21 (turno A) e domenica 23 gennaio ore 17,30 (turno B), per un concerto di musiche di Mendelssohn, Hummel e Brahms al quale prenderà parte, da solista, il trombettista Gioacchino Giuliano.

Il maestro Stefano Ranzani
Di Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809-1847) verrà eseguita l’ouverture Le Ebridi (La grotta di Fingal), op. 26, per la quale il compositore tedesco trasse ispirazione da un viaggio nelle isole scozzesi avvenuto nell’estate del 1829. 

Seguirà il Concerto in mi bemolle magg. per tromba e orchestra di Johann Nepomuk Hummel (1778-1837), nel quale l’orchestra “dialogherà” con la tromba di Gioacchino Giuliano.

mercoledì 19 gennaio 2011

Sciopero al Teatro Massimo per la prima di "Senso"

I lavoratori del Teatro Massimo di Palermo, dopo un’assemblea sindacale con Cgil, Cisl, Uil e Cisal, ha indetto uno sciopero per la prima dell’opera “Senso”, programmata per giovedì 20 gennaio, serata inaugurale della Stagione lirica 2011. Lo rendono noto i sindacati con una nota diffusa ieri sera. Le motivazioni della protesta saranno rese note domani mattina alle 11 presso la Camera del Lavoro di Palermo.

Sulla difficoltà di far musica (e cultura) in Sicilia

(Dario Lo Cicero) Non pochi musicisti vivono la realtà siciliana con una certa disillusione, chiamatela, se volete, fatalismo o rassegnazione, ma non diteci che la vita è facile e che la rendiamo solo difficile col nostro pessimismo. 

Sicuramente chi fa musica con uno spirito di ricerca, di curiosità intellettuale, di (non finta) originalità non viene per questo premiato. Se e quando questo avviene, il luogo è solitamente lontano da qui. Anche questo ha spinto molti amici e colleghi musicisti ad emigrare, con evidenti conseguenze per la loro personale sopravvivenza, e sono contento per loro, ma anche per la sopravvivenza di un barlume di vivacità artistico-culturale nella nostra isola. La quale continua in questo a vivacchiare, ad alternare fasi assolutamente soporifere ad inquietanti fasi di entusiasmo collettivo quando qualche musicista affermato ancora "non pervenuto", dopo decenni, viene fatto passare qui per novità. Le novità, quelle vere, ormai le ascoltiamo con una frequenza perfettamente in linea con le realtà più provinciali e periferiche del pianeta.

martedì 18 gennaio 2011

Lo swing anni '30 dell'Orchestra Maniscalchi a Palermo

Proseguono i concerti degli Amici della Musica di Palermo. Martedì 18 gennaio alle 21,15, per il turno serale, salirà sul palco del Politeama Garibaldi l'Orchestra Maniscalchi, fondata e diretta da Christian Schmitz (in arte “Chicco Maniscalchi") e specializzata nella rievocazione della musica leggera e del jazz all’italiana degli anni Trenta e Quaranta.

Dopo diversi pirotecnici spettacoli, che nella scorsa stagione hanno registrato il tutto esaurito, l’Orchestra Maniscalchi, insieme al suo cantante Gianluca De Martini, si esibirà in un concerto dal titolo: "Diamoci del tu - Nuove fantasie musicali degli anni '30 e '40", un set di settanta minuti di musica swing e celebri brani che faranno rivivere allo spettatore le magiche atmosfere delle dance-hall di un tempo.





lunedì 17 gennaio 2011

"Senso" inaugura la Stagione 2011 del Teatro Massimo

Il Teatro Massimo di Palermo inaugura la Stagione 2011 con la prima assoluta di una nuova opera commissionata per l'occasione: Senso (20-30 gennaio) del compositore milanese Marco Tutino, fra i più rappresentati sulla scena teatrale contemporanea.

"Senso", un bozzetto di scena di Hugo de Ana
Questa scelta fa parte di un programma pluriennale - apertosi nel novembre 2009 - che il Teatro Massimo sta dedicando al 150° anniversario dell'Unità d'Italia. Dopo lo spettacolo "Bianco Rosso e Verdi" che ha ottenuto il prestigioso premio Abbiati dell'Associazione Nazionale Critici Musicali come miglior iniziativa del 2009 e l'opera "Nabucco" di Giuseppe Verdi che ha inaugurato la Stagione 2010, adesso è un'opera in prima assoluta commissionata dallo stesso Teatro Massimo a sottolineare i legami tra mondo dell'opera e Risorgimento, con la forma di spettacolo che più è associata al periodo storico che ha visto nascere l'Italia Unita.

domenica 16 gennaio 2011

"Odisseo" della Compagnia Zappalà Danza a Catania

Va in scena fino al 23 gennaio, presso gli spazi di Scenario Pubblico a Catania, nell'ambito del cartellone del Teatro Stabile etneo, la nuova produzione della Compagnia Zappalà Danza, "Odisseo (il naufragio dell’accoglienza)", creazione di Roberto Zappalà per 8 danzatori e un soprano. 

Una scena dello spettacolo
"Odisseo" è stato realizzato dalla Compagnia Zappalà Danza nell’ambito di una collaborazione triennale firmata con il Teatro Stabile di Catania; che si è impegnato a sostenere la compagnia per la realizzazione di tre diverse produzioni: dopo A.semu tutti devoti tutti?, che ha riscosso grande successo di pubblico e critica e che ha anche vinto il Premio Danza&Danza quale miglior spettacolo italiano 2009, la compagnia propone “Odisseo” che si inserisce sempre nel percorso che Roberto Zappalà ha avviato alcuni anni addietro, “re-mapping sicily”. E anche in quest’occasione il coreografo catanese ha coinvolto artisti siciliani, per la drammaturgia Nello Calabrò, per la musica Puccio Castrogiovanni, e Franco Battiato si è prestato per l’incisione della sua inconfondibile voce in atto a leggere brani di Lucrezio e Plutarco.

venerdì 14 gennaio 2011

Il "Paesaggio da bere" di Ettore Favini a Palazzo Riso

Secondo appuntamento a Palermovenerdì 14 gennaio alle 18, a Palazzo Riso per PPS//Meetings, il progetto, a cura di Helga Marsala, parallelo e integrato alla mostra PPS – Paesaggi e Popoli della Sicilia, curata da Giovanni Iovane per l’Archivio S.A.C.S. di Riso.

Protagonista Ettore Favini con “Paesaggio da bere”, opera che parte da un lavoro concepito un anno fa, “Tutta una vita per pochi attimi di bellezza”, che riflette sulla singolare natura dell’agave, pianta che impiega circa trent’anni per raggiungere la fioritura e che, una volta sbocciata, muore nel giro di pochi istanti. L’idea, seguendo un progressivo processo di astrazione, si è evoluta giungendo all’attuale forma scultorea, affiancata, per l’occasione, ad altre piccole sculture e a un’installazione sospesa.

Premio Mondello Giovani, iscrizioni fino al 28 febbraio

C'è tempo fino al prossimo 28 febbraio per partecipare al Premio Mondello Giovani, promosso dalla Fondazione Banco di Sicilia ed aperto a tutti gli scrittori di lingua italiana che non superino il trentesimo anno di età, autori di un'opera edita di creatività letteraria, in prosa o in versi. La premiazione avverrà in primavera, nel corso della cerimonia conclusiva della prossima edizione del Premio letterario internazionale Mondello. Le opere potranno essere inviate in cinque copie alla segreteria del Premio letterario internazionale Mondello, (Fondazione Banco di Sicilia, viale Della Libertà, 52 - 90143 Palermo). I libri in concorso saranno esaminati dalla Giuria della XXXVII edizione. Il bando è scaricabile sul sito www.fondazionebancodisicilia.it.

giovedì 13 gennaio 2011

Inaugurato l'archivio storico di Taormina

Taormina, piazza IX aprile
È stato inaugurato l'8 gennaio l'archivio storico della città di Taormina. All'iniziativa, voluta dal sindaco Mauro Passalacqua e dall'assessore alla Memoria e Archivio storico Italo Mennella, hanno preso parte, tra gli altri,  anche l'assessore regionale ai Beni culturali Sebastiano Missineo, l'assessore alla Cultura della cittadina messinese Antonella Garipoli e il sindaco di Salemi Vittorio Sgarbi. L’archivio nasce come documentazione raccolta e accumulata negli anni, che nel tempo si trasforma in risorsa, memoria e tesoro del territorio. L’obiettivo è quello di conservare, tutelare e valorizzare il patrimonio documentario che possediamo, rendendolo fruibile ad esperti ed ospiti. Ha collaborato all'organizzazione anche l'Archivio di Stato di Messina.

mercoledì 12 gennaio 2011

La "Cassandra" di Gnecchi debutta al Bellini di Catania

La Stagione lirica 2011 del Teatro Massimo Bellini di Catania si è inaugurata ieri, con la prima esecuzione integrale in tempi moderni dell’opera Cassandra, di Vittorio Gnecchi, in replica fino al 19 gennaio.

Dopo il grande successo dello scorso anno dell’opera Elektra, di Richard Strauss, il “Bellini” torna dunque a mettere in scena il mito greco in musica e lo fa con un’opera che proprio con Elektra ha molte storiche ragioni di “vicinanza”, e non soltanto perché dal punto di vista drammaturgico la vicenda di Cassandra rappresenti l’antefatto di quella di Elektra ma anche, e soprattutto, per la querelle ormai centenaria per un presunto plagio, che vede protagonisti i due musicisti. 

A dirigere l’orchestra stabile del teatro sarà Donato Renzetti mentre la regia è affidata a Gabriele Rech, la stessa regista di Elektra, quasi a voler sottolineare la “continuità”, visiva oltre che musicale, tra le due opere. Nel cast, Giovanna CasollaMariana Pentcheva, John Treleaven e Carmelo Corrado Caruso nei ruoli principali.

martedì 11 gennaio 2011

"Ottocento-Novecento", seminari alla GAM di Palermo

"Ottocento-Novecento" un esperimento di partecipazione, di ascolto e di confronto sulla storia della città di Palermo. Un ciclo di incontri a tema sull’attività dei suoi artisti, la produzione culturale in senso lato, le caratteristiche strutturali della società e dell’economia cittadina, da leggere e analizzare lungo un percorso temporale sufficientemente lungo – cento anni, per l’appunto – per cogliere semplici sfumature e vistose differenze, invarianze o stravolgimenti. Ogni incontro avrà una connotazione seminariale, diventando una sorta di laboratorio nel quale approfondire gli argomenti proposti con l’ausilio di ospiti e relatori competenti e capaci di coinvolgere il pubblico.

La Galleria d’Arte Moderna, luogo della memoria della città ottocentesca, apre con questo ciclo di incontri un anno ricco di iniziative rivolte alla città, ai suoi giovani con l’obiettivo di essere sempre più, oggi come nel passaggio tra Ottocento e Novecento, un luogo di produzione culturale, un museo espressione della contemporaneità, uno spazio aperto di incontro e di confronto. 

Nel primo incontro, il prossimo 19 gennaio alle 17.00, Aniello Barone, Silvio Governali e Michele Di Dio parlano di fotografia.

lunedì 10 gennaio 2011

Un itinerario geoturistico nel centro storico di Gangi

Tra i vicoli e gli slarghi del medievale borgo rupestre di Gangi, contaminato tra archeologia, architettura, risorse ambientali e tradizioni etno-gastronomiche, sarà realizzato l'itinerario geoturistico: “Quando la roccia diventa arte”.

L'iniziativa di valorizzazione e promozione di un turismo strettamente integrato con l'abitato è legato principalmente alla divulgazione interdisciplinare delle scienze della terra. L'idea è quella di studiare e promuovere gli aspetti geologico e storico-culturali del territorio attraverso iniziative mirate alla rivalutazione delle risorse ambientali e umane.

La principale peculiarità di Gangi, geosito naturale, è data dal fatto che il grappolo di case abbarbicate sul Monte Marone sono edificate su una singolare roccia che il mondo scientifico riconosce come la “Calcarenite” di Gangi. “Un itinerario geoturistico in un contesto di emergenze geologiche uniche e rare – ha detto il sindaco Giuseppe Ferrarello – Gangi è un geosito naturale da tutelare e valorizzare. L'itinerario si aggiungerà a quelli già esistenti: verso la scoperta delle opere dello Zoppo di Gangi e del Quattrocchi o ancora a quello monumentale delle nostre Chiese e palazzi nobiliari veri scrigni d'arte e storia. Sul turismo – conclude Ferrarello - stiamo giocando una partita determinante per il futuro e l'esistenza del nostro paese”.

Il progetto “Quando la roccia diventa arte” è nato da un’idea progettuale dell’Associazione scientifico-culturale Geco tour in collaborazione tra l’amministrazione comunale di Gangi.

domenica 9 gennaio 2011

"La tempesta" con Umberto Orsini in scena a Catania

Per la stagione del Teatro Stabile di Catania, fino al 16 gennaio va in scena alla Sala Verga "La tempesta" di William Shakespeare, adattamento e regia Andrea De Rosa, con Umberto Orsini

Gino De Luca, Umberto Orsini e Federica Sandrini
 in una scena dello spettacolo. Foto: Bepi Caroli
L’allestimento - che rinnova il collaudato sodalizio tra Orsini e De Rosa - è coprodotto da Teatro Stabile di Napoli, Emilia Romagna Teatro Fondazione e Teatro Eliseo. L'essenziale scena bianca e vuota, attraversata verticalmente da un drappo rosso, è stata disegnata da Alessandro Ciammarughi, lo stesso De Rosa e Pasquale Mari; di Ciammarughi anche i costumi. 

Nel cast, accanto ad Orsini, si segnalano le presenze di Flavio Bonacci, Nino Bruno, Rino Cassano, Francesco Feletti, Carmine Paternoster, Rolando Ravello, Enzo Salomone, Federica Sandrini, Francesco Silvestri, Salvatore Striano. L’atmosfera eterea e surreale è sottolineata dal suono di Hubert Westkemper e le musiche di Giorgio Mellone.

"La tempesta", inserita non a caso nella programmazione dello Stabile etneo, rispecchia così il filo rosso della stagione 2010-2011, costruita intorno al “tempo della musica”. Lo spettacolo è infatti attraversato da suoni magici e voci della natura, soffi d'aria e rumori indefiniti, che accompagnano un tempo senza speranze e senza illusioni, il tempo delle paure umane, della vecchiaia, della malattia, della solitudine, della morte.

sabato 8 gennaio 2011

Elio a Palermo con il Giornalino di Giamburrasca

È di scena a Palermo, al Politeama Garibaldi, per il turno serale degli Amici della Musica, martedì 11 gennaio 2011 alle 21,15, Elio (delle Storie tese) con il Giornalino di Giamburrasca di Lina Wertmuller. Si tratta di una versione in forma di concerto del noto sceneggiato televisivo firmato dalla cineasta romana, che è già andato in scena in prima nazionale al Festival della Letteratura di Mantova. 

Elio in una scena dello spettacolo
Protagonista/mattatore è l’imprevedibile Elio, enfant terrible della musica italiana, da poco approdato al programma X-Factor. Rispetto alla commedia degli anni sessanta, lo spettacolo teatrale si focalizza soprattutto sulle musiche di Nino Rota: “Io sono l’unico attore - afferma Elio - e interpreto tutti i personaggi. Il mio obiettivo è quello di cantare le canzoni e collegarle nella storia raccontando una serie di brani selezionati del Giornalino”. L’artista verrà affiancato da un ensemble strumentale composto da musicisti di livello internazionale quali Corrado Giuffredi – clarinetto, Cesare Chiacchiaretta – fisarmonica, Giampaolo Bandini – chitarra, Enrico Fagone – contrabbasso, Danilo Grassi – percussioni. 

Precederà lo spettacolo un’esecuzione strumentale scritta appositamente per l’occasione dal compositore Roberto Molinelli dal titolo “Nino Rota Suite”. 

giovedì 6 gennaio 2011

Il "Mediterraneo" di Guccione alle FAM di Agrigento

Dal Palazzo Ducale di Genova alle Fabbriche Chiaramontane di Agrigento. Le “linee sul mare” di Piero Guccione approdano nella città dei templi con la mostra “Guccione. Il Mediterraneo",  dal 22 gennaio al 13 marzo. Trenta opere dal 1973 al 2010, selezionate da Marco Goldin, per raccontare la poesia del mare del maestro siciliano, massimo esponente di una ritrovata arte italiana nel mondo. Proprio a Guccione, infatti, in occasione dei suoi 75 anni, Genova ha dedicato una delle declinazioni di “Mediterraneo”, tema che a Palazzo Ducale, fino a maggio, propone anche “Da Monet a Courbet a Matisse”.

Mattina di luglio a Punta Corvo, olio su tela 
La mostra di Guccione alle FAM di Agrigento, curata dal regista delle grandi esposizioni internazionali sull’Impressionismo - è prodotta dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana guidato da Sebastiano Missineo e dagli Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento in collaborazione con Antonio Sarnari. Il progetto è patrocinato dalla Presidenza del Senato della Repubblica Italiana, dalla Provincia Regionale e dal Comune di Agrigento. Media partner in Sicilia Key 75.

mercoledì 5 gennaio 2011

Il Teatro Biondo di Palermo sospende le attività

Un nuovo duro colpo per la cultura a Palermo. Il Teatro Biondo ha deciso di sospendere le attività, "in attesa che i soci - dice una nota dello stabile di prosa - si decidano a prendere decisioni formali per il futuro, con atti amministrativi certi, a cominciare dal saldo dei crediti vantati dal teatro". Così è stato deciso dal presidente Gianni Puglisi, dal direttore artistico Pietro Carriglio e dal Cda. L’approvazione del bilancio preventivo 2010, che è arrivata appena il 10 dicembre scorso, prevede un impegno da parte dei soci (Regione siciliana, Comune e Provincia di Palermo) per quasi 9 milioni di euro, fondi anticipati dal Monte dei Paschi di Siena e non ancora interamente restituiti dallo stabile. Adesso il Biondo ha aperto un contenzioso con il Comune di Palermo che non avrebbe versato nelle casse del teatro i finanziamenti previsti per il 2008 e 2009.

martedì 4 gennaio 2011

Teatro, "Shylock" di Ovadia e Andò a Catania

"Shylock-Il mercante di Venezia in prova" è il primo spettacolo del  2011 in cartellone al Teatro Ambasciatori di Catania dal 4 al 9 gennaio. Lo spettacolo s'inserisce nel cartellone del Teatro Stabile di Catania "Il tempo della musica". 

 Moni Ovadia e Shel Shapiro in una scena dello spettacolo
Foto di Raffaella Cavalieri - Iguana Press
Moni Ovadia, Roberto Andò, Shel Shapiro hanno lavorato insieme per dar vita ad un allestimento chiaramente ispirato al capolavoro di Shakespeare. Lo spettacolo ha debuttato nel luglio 2009 a Verona proprio nell’ambito del 61° Festival Shakespeariano, e sulla scia della prima tournée 2009-2010, affronta ora per la seconda stagione il giro dei teatri della Penisola.

L'arte di Franco Mineo in una personale a Trapani

Franco Mineo nel suo studio
C'è ancora tempo fino a domani, 5 gennaio, per visitare la mostra personale di Franco Mineo, "Nel segno di Le Corbusier, due momenti", inaugurata lo scorso 27 dicembre nel Palazzo della Vicaria di Trapani. I testi e la presentazione della mostra sono a cura di Aldo Gerbino, Fabrizio Costanzo e Alessandra Infranca. All'inaugurazione, oltre ad un folto pubblico di estimarori, sono intervenuti il sindaco di Trapani Mimmo Fazio e il funzionario della Provincia Giovanni Ingoglia. La personale è corredata da un catalogo a colori che ripercorre gli anni della carriera artistica del pittore - dal 1985 al 2010.


lunedì 3 gennaio 2011

Messina, in scena "I giganti della montagna"

"I giganti della montagna", il capolavoro incompiuto di Luigi Pirandello, è il primo spettacolo del 2011 nella stagione di prosa del Teatro Vittorio Emanuele di Messina. Dal 5 al 9 gennaio sarà in scena la compagnia Vetrano - Randisi, che negli ultimi anni si è affermata come una delle interpreti più raffinate, originali e apprezzate delle opere del grande autore siciliano. Anche questo allestimento - come già "Pensaci, Giacomino!" e "L'uomo, la Bestia e la Virtù" - sta ottenendo un grande successo di pubblico e il consenso convinto della critica.

Maria ed Ester Cucinotti con Enzo Vetrano
In questi "Giganti della montagna", come è ormai consuetudine di questa compagnia, lavorano molti attori messinesi. Accanto a Enzo Vetrano (il mago Cotrone) e Stefano Randisi (il Conte), sono impegnati, nei ruoli della Compagnia della Contessa, Ester e Maria Cucinotti (nel personaggio, sdoppiato, di Ilse), Marika Pugliatti (Diamante, la seconda donna), Giovanni Moschella (Cromo, il caratterista), Giuliano Brunazzi (Spizzi, l'attor giovane), Luigi Tabita (Battaglia, generico-donna) e, nei ruoli degli "Scalognati", Antonio Lo Presti (Duccio Doccia), Margherita Smedile (la Sgricia), Eleonora Giua (Mara-Mara) e Paolo Baietta (Milordino). La regia è degli stessi Vetrano e Randisi.