mercoledì 1 febbraio 2012

Dalla Villa Romana a Siculiana lungo le vecchie ferrovie

Si è costituito, presso i locali della stazione di Porto Empedocle, il coordinamento per l'organizzazione della V Giornata nazionale delle Ferrovie Dimenticate, in programma il prossimo 4 marzo e che interesserà 10 km del vecchio tracciato ferroviario a scartamento ridotto, nel tratto compreso tra la Villa Romana (poco oltre l'ex stazione Punta Piccola) e la stazione ferroviaria di Siculiana.

L'antica stazione ferroviaria di Realmonte (Ag)
“A 34 anni dalla chiusura della splendida linea ferroviaria a scartamento ridotto "Porto Empedocle - Castelvetrano" – si legge in un comunicato diffuso dagli organizzatori - si è deciso di organizzare una giornata interamente dedicata alla memoria della tratta, che sarà possibile ripercorrere a piedi, in bici, oppure a cavallo. Il percorso si sviluppa per circa 10 km: partendo dalla Villa Romana di Punta Grande, si risalirà per contrada Scavuzzo, la lunga salita dove le locomotive a vapore procedevano cosi lentamente da consentire ai viaggiatori di poter scendere dal treno e raccogliere frutta e verdura dalle campagne circostanti. Successivamente si transiterà dinnanzi la miniera di sale, quindi, seguendo sempre il percorso della ferrovia, si giungerà nei pressi della stazione di Realmonte. Dopo una breve pausa, si proseguirà in direzione Siculiana, attraversando campagne incontaminate, tra testimonianze di archeologia ferroviaria e paesaggi incredibili. A Siculiana, nei pressi della stazione ferroviaria, tutti i partecipanti pranzeranno insieme prima di far ritorno al luogo di partenza tramite bus. Sarà possibile percorrere l'intero percorso anche in bicicletta, facendo attenzione ai residui ferroviari presenti e seguendo le indicazioni degli organizzatori”.


L'obiettivo è quello di preservare la memoria storica di un tracciato ferroviario che ha fatto la storia dei trasporti in provincia di Agrigento e, quindi, proporre agli organi competenti la salvaguardia del sedime, dei fabbricati di stazione e di tutte le opere d'arte presenti che rischiano di essere cancellati dall'espansione edilizia dei centri urbani.

Hanno aderito all'organizzazione della giornata le associazioni Ferrovie Kaos, VisitAgrigento, OltreVigata, Fiab SSST bike Team, A.S.D. Racing team, Guide Turistiche Agrigento, Legambiente, ALT Siculiana, AGESCI Agrigento 6, LAB Telamone. 

Nessun commento:

Posta un commento