martedì 17 settembre 2013

Brass Group Palermo, boom d'iscritti alla scuola di jazz

Nonostante la crisi legata alla mancanza di fondi e la conseguente paventata chiusura, la scuola di jazz della Fondazione The Brass Group di Palermo continua a mietere successi internazionali e ad aumentare i propri iscritti. Infatti, tra pochi giorni, Gianluca Pellerito, uno degli ultimi allievi del Brass, affermatisi in tutto il mondo, presenterà il suo ultimo album. E solo un mese fa, Gabriele Gallo, allievo della classe di pianoforte di Bepi Garsia, ha debuttato, a soli 11 anni, alla Carnegie Hall di New York.

Anche per queste ragioni, le iscrizioni ai corsi di musica - che prevedono lo studio di uno strumento a scelta, del solfeggio e della storia del jazz – sono, infatti, in aumento. Dall'inizio di settembre ad oggi c'è stato un sensibile incremento del 27 per cento rispetto all'anno scorso, in cui gli iscritti alla scuola sono stati oltre duecento. Per frequentare i corsi, a partire dal prossimo ottobre, c'è ancora tempo ad iscriversi sino al 30 settembre 2013. Poiché la Scuola di Musica del Brass è sempre aperta a tutti, senza limiti di età e di cultura, è possibile iscriversi, comunque, durante tutto l’anno accademico. Da ottobre a maggio.

Il numero maggiore di adesioni proviene da giovani liceali e universitari, indistinti tra uomini e donne, ma non mancano anche appassionati di una certa età che scelgono di avvicinarsi allo studio di uno strumento. Gli ambiti che registrano maggiore successo sono le classi di canto e di chitarra.

“Il fatto che la scuola di jazz incrementi il proprio numero di iscritti – afferma il presidente della Fondazione The Brass Group, Ignazio Garsia – e che ci siano tanti giovani che dimostrano di amare la musica ci rincuora, ci dona speranza e ci fa capire ancora di più che quella del Brass è una storia sulla quale il sipario non potrà mai calare”.

Per iscriversi alla scuola di jazz è possibile contattare lo 091.6166555 o collegarsi al sito www.thebrassgroup.it.

Nessun commento:

Posta un commento