venerdì 30 settembre 2011

Le ceramiche di Giacomo Alessi in mostra a Londra

È dedicata all’arte di Giacomo Alessi, uno dei più noti ceramisti italiani, la mostra allestita a Londra nello studio “Bernard Chauchet Contemporary Art” (Hollywood Road, 55) e visitabile dal 29 settembre fino all’11 ottobre.

Giacomo Alessi - "L'idendità del Piccolo Principe II"
Cinquanta sculture in ceramica realizzate da Alessi negli ultimi dieci anni: una instancabile attività di ricerca che fa dell’autore, originario di Caltagirone, uno dei pochi artisti della sua generazione capace, con sguardo attento e lucido, di provare a rinnovare profondamente l’antichissima arte della terracotta.

Numerose le mostre e i riconoscimenti internazionali per Alessi: Museo Salinas di Palermo nel 2006, Umm al-Fahm Art Galleryin Israele nel 2008, Premio Michetti a Pescara nel 2006. Di recente ha partecipato alla 54/a Biennale di Venezia, mentre nel febbraio scorso, a Roma (Musei di San Salvatore in Lauro), alcuni suoi pezzi figuravano nell’esposizione “Terracolta: la ceramica romana e laziale fra Guttuso, Mastroianni, Greco, Cascella, Cagli e Manzù” al cui catalogo ha contribuito con un proprio testo critico. 

In occasione dell’ultima edizione del Salone del Mobile di Milano, poi, Alessi ha realizzato “Showcooking”: una straordinaria installazione in ceramica per lo spazio Whirlpool Innovative Tradition. Dal 2007 è Cavaliere della Repubblica ed è inserito fra i “Tesori Umani viventi” nel registro delle eredità immateriali siciliane elaborato dall’Unesco.

Il volume “Giacomo Alessi e le ceramiche, una lunga tradizione per il futuro” (Silvana Editoriale, 2009) raccoglie, fra gli altri, i contributi critici di Maria Attanasio, Sergio Staino, Francesco Paolo Giordano, Gesualdo Campo, Piero Isgrò, Salvatore Ferlita, Domenico Seminerio.

La mostra di Londra, a ingresso gratuito, sarà visitabile dalle 10 alle 19 nei giorni di lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì, martedì dalle 10 alle 18, sabato dalle 11 alle 18. Tutti gli altri giorni per appuntamento.

Nessun commento:

Posta un commento