mercoledì 20 luglio 2011

Teatro, "Cannibardo e la Sicilia" in replica a Catania

Dopo le anteprime di Parigi (Istituto Italiano di Cultura) e Spoleto (Festival dei Due Mondi), approda al Teatro greco romano di Catania “Cannibardo e la Sicilia”, spettacolo coprodotto da Teatro Stabile di Catania e Tunart. Data unica: venerdì 29 luglio alle 21, nella cavea classica che sorge nel centro storico del capoluogo etneo. Protagonista Massimo Ghini, con Mimmo Mignemi e Vincenzo Crivello. Regia di Giuseppe Dipasquale e musiche firmate da Mario Incudine, eseguite dal vivo.

Una scena dello spettacolo (foto Ivano Trabalza Studio)
Il lavoro ripercorre la storia di Garibaldi e della Sicilia post-unitaria attraverso alcuni brani tratti dai cinque romanzi storici di Andrea Camilleri ("La bolla di componenda", "Il filo di fumo", "Il birraio di Preston", "La concessione del telefono", "Il Re di Girgenti").

Lo scrittore siciliano traccia la breve parabola di un "sogno", raccontando le speranze suscitate dallo sbarco di Garibaldi in Sicilia, l'entusiasmo con cui il popolo andò alle urne nell'ottobre del 1860 e tributò una “maggioranza bulgara” all'annessione dell'isola al regno d'Italia, nonché le delusioni che invece suscitò la politica post-unitaria.

Nessun commento:

Posta un commento