giovedì 1 agosto 2013

Giochi di luce per i "Carmina Burana" a Taormina

I "Carmina Burana" esaltati scenicamente da giochi di luce. Così il capolavoro musicale di Carl Orff verrà riletto dalla regia e scenografia di Enrico Castiglione al Teatro Greco di Taormina, l'8 e il 12 agosto alle 21,30.

Il Teatro Greco di Taormina
L’appuntamento fa parte del cartellone della stagione lirica e di balletto diretta dallo stesso Castiglione, che si conferma così il motore primo che fin dal 2007 muove nella Perla dello Jonio gli eventi legati al grande teatro musicale come alla grande danza e ai grandi appuntamenti sinfonico corali. La nuova produzione di "Carmina Burana" vedrà il rinomato Coro Lirico Siciliano, diretto da Francesco Costa, con i solisti Francesca Rubino (soprano), Salvo Di Salvo (baritono) e Alberto M. Munafò (controtenore), quest’ultimo presidente dell’ensemble.

Torna così alla ribalta una realtà corale che - grazie alla "Norma" allestita da Castiglione a Taormina lo scorso anno - ha conosciuto la definitiva affermazione, tornando quest’estate in luglio al Teatro Antico con "Rigoletto" e conquistando al contempo le più importanti "piazze" della Sicilia. La possente partitura di Orff vedrà altresì alla ribalta l’Orchestra del Festival Euro Mediterraneo, diretta dalla prestigiosa bacchetta di Luiz Fernando Malheiro.

Rappresentata la prima volta nel 1937 a Francoforte sul Meno, "Carmina Burana" è una cantata scenica concepita per la rappresentazione e basata - com’è noto - su testi poetici medievali. Il soggiogante prologo, costruito sull’invocazione alla Dea Fortuna, anticipa le diverse sezioni dell’opera in cui si celebrano via via l’aspetto lieto primavera, lo spirito dei canti goliardici, la fanciulla e il suo amore, per approdare nel finale alla ripresa del coro iniziale alla Fortuna. La celeberrima creazione dà voce così a diversi personaggi, ognuno emblema delle "sorti" individuali: capolavoro di un musicista che parla ancora oggi a ciascuno di noi.

I Carmina Burana, in programma l’8 e il 12 agosto, saranno abbinati ad un altro evento: l’atto unico Cavalleria rusticana, protagonisti due stelle della lirica come il soprano Daniela Dessì (Santuzza) e il tenore Fabio Armiliato (Turiddu), in coppia sulla scena e nella vita. Il cast annovera ancora nomi di spicco come il baritono Alberto Gazale (Alfio) e i mezzosoprani Giuseppina Piunti (Lola) e Maria José Trullu (Mamma Lucia). La regia e le scene, ancora di Enrico Castiglione, puntano sul simbolo cristiano e religioso della Croce, sinonimo di sacrificio e passione-sofferenza, mentre i giochi cromatici dei costumi di Sonia Cammarata si ispirano alle ceramiche siciliane. Anche per Cavalleria saranno impiegati il Coro Lirico Siciliano istruito da Francesco Costa e l’Orchestra del Festival Euro Mediterraneo diretta da Luiz Fernando Malheiro.

Per informazioni, 095 7225340 e i siti www.ctbox.it, www.boxol.itwww.festivaleuromediterraneo.eu.

Nessun commento:

Posta un commento