lunedì 15 luglio 2013

Agrigento, "Dialoghi bizzarri" tra artisti

È stata inaugurata ieri alle 18,30, presso il b&b “Lunakina” di Agrigento, la mostra collettiva autogestita “Dialoghi bizzarri, silenzi imbarazzanti” a cura dello studio Artificio.  Un’evento storico per la città dei Templi che, per la prima volta, vede riuniti gli artisti più importanti della provincia, in un collettiva insolita. La mostra, infatti, curata dal critico Dario Orphée, il quale ha inserito le opere in un contesto domestico attraverso un curioso percorso guidato dai versi del sonetto di Dante “Videro li occhi miei”, annotato su vari post-it, si terrà nella “tavernetta”, il salone privato del b&b. 

Gli artisti presenti alla mostra saranno: Giuseppe Agozzino, Mario Amari, Olga Brucculeri, Carmela Corsitto, Franco Fasulo, Simone Geraci, Jianfranz, Gaspare Macaluso, Marilina Marchica, Angelo Pitrone, Giovanni Proietto, Gianni Provenzano, Simone Provenzano, Giovanni Scifo, Luca Sclafani, Tano Siracusa, Gaetano Vella, Davide Versaci. La mostra gioca sulla sintesi di diciotto opere differenti, con i loro “dialoghi bizzarri” oltre le cornici e i “silenzi imbarazzanti” delle esperienze estetiche nell’anima dei fruitori, ovvero la privazione del linguaggio durante l’osservazione del lavoro artistico. 

Il testo critico di Dario Orphée, invece, è costituito da due prose, entrambe incentrate sul tema della rivoluzione: la prima riguardo le teorie di Andrea Cappellano; la seconda con un accenno alla presa della Bastiglia che, in coincidenza della collettiva, compirà il 224° anniversario. L’ingresso è gratuito.

Nessun commento:

Posta un commento